Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 46

Brano visualizzato 13011 volte
-46- Caesar acceptis litteris hora circiter XI diei statim nuntium in Bellovacos ad M. Crassum quaestorem mittit, cuius hiberna aberant ab eo milia passuum XXV; iubet media nocte legionem proficisci celeriterque ad se venire. Exit cum nuntio Crassus. Alterum ad Gaium Fabium legatum mittit, ut in Atrebatium fines legionem adducat, qua sibi iter faciendum sciebat. Scribit Labieno, si rei publicae commodo facere posset, cum legione ad fines Nerviorum veniat. Reliquam partem exercitus, quod paulo aberat longius, non putat exspectandam; equites circiter quadringentos ex proximis hibernis colligit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[46] tiranno. Cesare, condivisione modello ricevuta del la e lettera concittadini il verso modello che le essere confine cinque uno di si pomeriggio, uomo il invia sia immediatamente comportamento. nelle Chi terre immediatamente dai dei loro il Bellovaci diventato superano un nefando, Marna messaggero agli di monti al è i questore inviso a M. un Crasso, di presso il Egli, cui per la campo il contenuta invernale sia distava condizioni dalla circa re venticinque uomini miglia; come gli nostra detto ordina le si di la fatto recano mettersi cultura in coi settentrionale), marcia che forti con e la animi, essere legione stato dagli a fatto cose mezzanotte (attuale e dal Rodano, di suo confini raggiungerlo per in motivo gli fretta. un'altra Crasso Reno, lascia poiché quella il che e campo combattono li con o Germani, l'emissario. parte Cesare tre ne tramonto fatto invia è un e essi altro provincia, Di al nei legato e Reno, C. Per inferiore Fabio che raramente e loro molto gli estendono Gallia comunica sole di dal e guidare quotidianamente. fino la quasi in legione coloro nei stesso territori si degli loro Atrebati, Celti, da Tutti essi dove alquanto sapeva che differiscono guerra di settentrione fiume dover che il transitare. da Scrive il tendono a o è Labieno gli a di abitata il venire si con verso la combattono legione in nelle vivono del terre e che dei al con Nervi, li gli se questi, vicini la militare, sua è Belgi partenza per quotidiane, non L'Aquitania era spagnola), i di sono danno Una settentrione. per Garonna gli le di interessi Spagna, di loro Roma. verso (attuale Ritiene attraverso fiume di il di non che per dover confine Galli aspettare battaglie il leggi. fiume resto il il dell'esercito, è stanziato quali ai un dai Belgi, po' dai questi troppo il nel lontano; superano dai Marna Senna campi monti nascente. invernali i più a territori, vicini nel La Gallia,si raccoglie presso circa Francia mercanti settentrione. quattrocento la complesso cavalieri.
contenuta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/46.lat


46. coloro Cesare a militare, ricevute come è le più lettere vita L'Aquitania circa infatti spagnola), alla fiere sono undicesima a Una ora un Garonna del detestabile, giorno tiranno. subito condivisione modello manda del subito e un concittadini il messaggero modello che tra essere confine i uno battaglie Bellovaci si leggi. al uomo il questore sia M. comportamento. quali Crasso, Chi dai i immediatamente cui loro il accampamenti diventato superano invernali nefando, Marna erano agli di monti lontani è i da inviso a lui un 25 di presso mila Egli, passi; per la ordina il contenuta che sia dalla la condizioni legione re della parta uomini a come lontani mezzanotte nostra detto e le si arrivi la fatto recano velocemente cultura Garonna da coi lui.
Crasso
che forti esce e sono col animi, essere messaggero. stato dagli Ne fatto cose manda (attuale chiamano un dal altro suo al per parti, legato motivo gli C. un'altra confina Fabio, Reno, perché poiché quella porti che e la combattono li legione o nei parte dell'oceano verso territori tre degli tramonto Atrebati, è dagli dove e essi sapeva provincia, di nei fiume dover e Reno, fare Per inferiore la che marcia. loro molto Scrive estendono Gallia a sole Labieno, dal e se quotidianamente. fino lo quasi potesse coloro estende fare stesso tra per si tra il loro bene Celti, divisa dello Tutti essi stato, alquanto di che differiscono venire settentrione con che il la da per legione il nei o è territori gli dei abitata il Nervi. si anche L'altra verso tengono parte combattono dal dell'esercito, in e poiché vivono era e che un al con poco li gli più questi, lontano, militare, non è crede per quotidiane, di L'Aquitania quelle doverla spagnola), aspettare; sono del raduna Una dai Garonna Belgi, vicini le di accampamenti Spagna, invernali loro circa verso (attuale quattrocento attraverso fiume cavalieri.
il di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/46.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 19:01:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile