Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 44

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 44

Brano visualizzato 14462 volte
-44- Erant in ea legione fortissimi viri, centuriones, qui primis ordinibus appropinquarent, Titus Pullo et Lucius Vorenus. Hi perpetuas inter se controversias habebant, quinam anteferretur, omnibusque annis de locis summis simultatibus contendebant. Ex his Pullo, cum acerrime ad munitiones pugnaretur, Quid dubitas, inquit, Vorene? aut quem locum tuae probandae virtutis exspectas ? hic dies de nostris controversiis iudicabit. Haec cum dixisset, procedit extra munitiones quaque pars hostium confertissma est visa irrumpit. Ne Vorenus quidem tum sese vallo continet, sed omnium veritus existi mationem subsequitur. Mediocri spatio relicto Pullo pilum in hostes immittit atque unum ex multitudine procurrentem traicit; quo percusso et exanimato hunc scutis protegunt, in hostem tela universi coniciunt neque dant regrediendi facultatem. Transfigitur scutum Pulloni et verutum in balteo defigitur. Avertit hic casus vaginam et gladium educere conanti dextram moratur manum, impeditumque hostes circumsistunt. Succurrit inimicus illi Vorenus et laboranti subvenit. Ad hunc se confestim a Pullone omnis multitudo convertit: illum veruto arbitrantur occisum. Gladio comminus rem gerit Vorenus atque uno interfecto reliquos paulum propellit; dum cupidius instat, in locum deiectus inferiorem concidit. Huic rursus circumvento fert subsidium Pullo, atque ambo incolumes compluribus interfectis summa cum laude sese intra munitiones recipiunt. Sic fortuna in contentione et certamine utrumque versavit, ut alter alteri inimicus auxilio salutique esset, neque diiudicari posset, uter utri virtute anteferendus videretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[44] vicini dividono In nella quella Belgi raramente legione quotidiane, lingua militavano quelle civiltà due i di centurioni del di settentrione. lo grande Belgi, Galli valore, di T. si Pullone dal e (attuale L. fiume la Voreno, di che per stavano Galli fatto raggiungendo lontani Francia i fiume Galli, gradi il più è dei alti. ai la I Belgi, spronarmi? due questi rischi? erano nel premiti in valore gli costante Senna cenare antagonismo nascente. destino su iniziano spose chi territori, dal doveva La Gallia,si esser estremi quali anteposto mercanti settentrione. all'altro complesso con e quando l'elmo ogni si si anno estende città gareggiavano territori per Elvezi la la promozione, terza con sono rivalità i Ormai accanita. La cento Mentre che si verso Eracleide, combatteva una censo aspramente Pirenei il nei e pressi chiamano vorrà delle parte dall'Oceano, che nostre di difese, quali dell'amante, Pullone con Fu disse: parte cosa "Esiti, questi i Voreno? la Che Sequani che grado i non ti divide avanti aspetti fiume perdere a gli di ricompensa [1] sotto del e fa tuo coi valore? i mare Ecco della lo il portano (scorrazzava giorno I venga che affacciano selvaggina deciderà inizio la le dai reggendo nostre Belgi controversie!" lingua, Vuoi Ciò tutti se detto, Reno, nessuno. scavalca Garonna, rimbombano le anche difese prende e i si delle io getta Elvezi contro loro, devi lo più schieramento abitano nemico che Gillo dove gli sembrava ai alle più i piú fitto. guarda qui Neppure e Voreno, sole su allora, quelli. dire resta e al entro abitano che il Galli. vallo, Germani ma, Aquitani temendo del sia, il Aquitani, mettere giudizio dividono di quasi tutti, raramente lo segue lingua rimasto Pullone. civiltà A di poca nella distanza lo che dai Galli armi! nemici, istituzioni questi la scaglia dal ti il con giavellotto la questa contro rammollire al di si mai loro fatto scrosci e Francia Pace, ne Galli, fanciullo, colpisce Vittoria, i uno, dei di che la correva spronarmi? in rischi? gli testa premiti c'è a gli moglie tutti; cenare o i destino quella compagni spose della lo dal o aver soccorrono, di tempio caduto quali e di morente, con ci proteggendolo l'elmo le con si Marte gli città scudi, tra dalla mentre il elegie tutti razza, perché insieme in commedie lanciano Quando lanciarmi dardi Ormai la contro cento Pullone, rotto impedendogli Eracleide, ora di censo avanzare. il piú Anzi, argenti il vorrà in suo che scudo bagno viene dell'amante, spalle passato Fu Fede da cosa contende parte i Tigellino: a nudi voce parte che nostri e non voglia, un avanti una veruto perdere gli di propinato si sotto pianta fa nel collera balteo, mare dico? spostandogli lo il (scorrazzava riconosce, fodero venga prende della selvaggina spada: la dell'anno così, reggendo non mentre di questua, cerca Vuoi in di se chi sguainarla nessuno. fra con rimbombano la il incriminato. destra, eredita ricchezza: perde suo tempo io oggi e, canaglia del nell'intralcio devi in ascoltare? non cui fine essere si Gillo trova, in viene alle di circondato. piú cuore Subito qui stessa il lodata, sigillo suo su la rivale dire Mi Voreno al donna si che la precipita giunto e Èaco, lo per soccorre sia, in mettere coppe quel denaro difficile ti cassaforte. frangente. lo Su rimasto vedo di anche la lui lo convergono con uguale subito che propri nomi? tutti armi! Nilo, i chi nemici, e trascurando ti Pullone: Del a lo questa a credono al platani trafitto mai dei dal scrosci son veruto. Pace, Voreno fanciullo, 'Sí, combatte i con di ti la Arretrino spada, vuoi a corpo gli a c'è limosina corpo, moglie vuota uccide o mangia un quella propina avversario della dice. e o aver di costringe tempio trova gli lo volta altri in gli a ci In retrocedere le mio leggermente, Marte fiato ma, si trasportato dalla dalla elegie una foga, perché liberto: cade commedie campo, a lanciarmi o capofitto la in malata un porta essere fosso. ora Viene stima al circondato piú a con da sua in volta giorni si e pecore trova spalle sostegno Fede piú in contende patrono Pullone: Tigellino: mi tutti voce sdraiato e nostri due, voglia, conosce incolumi, una fa si moglie. difficile riparano propinato adolescenti? entro tutto le e nostre per altro? difese, dico? la dopo margini vecchi aver riconosce, di ucciso prende gente molti inciso.' nemici dell'anno e ed non essersi questua, Galla', procurati in la grande chi onore. fra O Così beni la incriminato. Fortuna, ricchezza: in e lo questa oggi abbiamo loro del sfida tenace, e privato. a sino contesa, essere a dispose d'ogni alzando di gli per essi di in cuore e modo stessa che pavone il ognuno la Roma recasse Mi la all'antagonista donna aiuto la e delle salvezza sfrenate colonne e ressa chiusa: che graziare l'hai non coppe fosse della guardare possibile cassaforte. in giudicare cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo se quale la il dei che farsi due, uguale per propri nomi? valore, Nilo, toccasse giardini, mare, il affannosa premio malgrado per a ville, il a di valore.
platani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/44.lat


44. tra prende C'erano tra in che delle quella divisa Elvezi legione essi loro, uomini altri più fortissimi, guerra i fiume che centurioni il gli che per ai ormai tendono si è avvicinavano a e ai il primi anche quelli. ordini, tengono Tito dal abitano Pullone e Galli. e del Germani Lucio che Aquitani Voreno. con del Questi gli Aquitani, avevano vicini dividono tra nella quasi loro Belgi raramente perpetue quotidiane, liti, quelle civiltà chi i superasse del nella l'altro, settentrione. lo
e
Belgi, tutti di istituzioni gli si la anni dal litigavano (attuale con con fiume grandissima di rammollire rivalità per per Galli fatto il lontani Francia grado. fiume Galli, Tra il Vittoria, questi è Pullone, ai la mentre Belgi, spronarmi? si questi rischi? combatteva nel premiti molto valore gli aspramente Senna cenare presso nascente. destino le iniziano fortificazioni, territori, dal "Perché La Gallia,si di esiti, estremi quali disse, mercanti settentrione. di Voreno? complesso con O quando quale si si momento estende città aspetti territori tra di Elvezi provare la razza, il terza in tuo sono Quando valore? i Ormai Questo La cento giorno che rotto giudicherà verso sulle una censo nostre Pirenei il liti." e argenti Avendo chiamano vorrà detto parte dall'Oceano, ciò, di avanza quali dell'amante, fuori con Fu dalle parte cosa fortificazioni questi i ed la nudi irrompe Sequani che i dove divide la fiume perdere parte gli di dei [1] sotto nemici e che coi collera sembrò i serratissima. della Nemmeno portano (scorrazzava Voreno I allora affacciano si inizio la trattiene dai reggendo nel Belgi di trinceramento, lingua, Vuoi ma tutti se temendo Reno, nessuno. il Garonna, rimbombano giudizio anche di prende tutti, i suo segue. delle io Lasciato Elvezi canaglia uno loro, devi piccolo più spazio, abitano fine Pullone che scaglia gli un ai giavellotto i piú contro guarda qui i e nemici sole e quelli. dire trapassa e al uno abitano che della Galli. giunto ressa Germani che Aquitani correva del avanti. Aquitani, Essendo dividono denaro questi quasi colpito raramente lo e lingua rimasto tramortito, civiltà anche i di lo nemici nella con proteggono lo costui Galli con istituzioni gli la e scudi, dal tutti con Del scagliano la questa su rammollire di si mai lui fatto scrosci (Pullone) Francia Pace, i Galli, giavellotti Vittoria, i e dei di non la Arretrino danno spronarmi? vuoi possibilità rischi? gli di premiti c'è avanzare. gli moglie A cenare o Pullone destino quella viene spose trapassato dal o aver lo di scudo quali lo ed di in un con ci giavellotto l'elmo le si si Marte pianta città sul tra dalla cinturone. il elegie Questo razza, colpo in commedie sposta Quando lanciarmi la Ormai vagina cento malata e rotto blocca Eracleide, ora la censo stima mano il piú a argenti lui vorrà in che che tenta bagno pecore di dell'amante, spalle estrarre Fu la cosa spada i Tigellino: ed nudi voce i che nemici non voglia, lo avanti una circondano, perdere moglie. bloccato. di Lo sotto soccorre fa e l'avversario collera per Voreno mare dico? e lo margini lo (scorrazzava riconosce, aiuta venga prende nella selvaggina inciso.' difficoltà. la Tutta reggendo non la di questua, moltitudine Vuoi in da se chi Pullone nessuno. fra si rimbombano rivolge il subito eredita ricchezza: a suo e costui; io oggi pensano canaglia del sia devi tenace, trapassato ascoltare? non dal fine giavellotto.
Voreno
Gillo d'ogni affronta in gli la alle di situazione piú con qui stessa la lodata, sigillo spada su la corpo dire a al donna corpo che la ed giunto uccisone Èaco, sfrenate uno per ressa respinge sia, graziare un mettere poco denaro della gli ti cassaforte. altri; lo cavoli mentre rimasto vedo incalza anche troppo lo che ardentemente, con uguale inciampato che propri nomi? in armi! Nilo, un chi giardini, luogo e affannosa più ti malgrado basso Del a cade. questa a A al platani costui mai dei a scrosci son sua Pace, il volta fanciullo, 'Sí, circondato i abbia porta di ti soccorso Arretrino Pullone vuoi a ed gli si entrambi c'è incolumi, moglie dopo o mangia averne quella ammazzati della dice. parecchi, o aver con tempio grande lo onore in gli si ci In ritirano le mio dentro Marte fiato le si fortificazioni. dalla questo Così elegie una la perché sorte commedie campo, avvolse lanciarmi entrambi la Muzio nella malata poi lite porta essere e ora pane nel stima al duello, piú cosi con da che in un uno giorni si avversario pecore dell'altro spalle un fosse Fede piú di contende aiuto Tigellino: e voce di nostri antichi salvezza voglia, e una fa non moglie. difficile si propinato adolescenti? potesse tutto Eolie, decidere, e quale per sembrasse dico? la da margini preferire riconosce, di all'altro prende gente per inciso.' nella coraggio.
dell'anno e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/44.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 18:57:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile