Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 34

Brano visualizzato 4268 volte
-34- At barbaris consilium non defuit. Nam duces eorum tota acie pronuntiare iusserunt, ne quis ab loco discederet: illorum esse praedam atque illis reservari quaecumque Romani reliquissent: proinde omnia in victoria posita existimarent. Erant et virtute et studio pugnandi pares; nostri, tametsi ab duce et a fortuna deserebantur, tamen omnem spem salutis in virtute ponebant, et quotiens quaeque cohors procurrerat, ab ea parte magnus numerus hostium cadebat. Qua re animadversa Ambiorix pronuntiari iubet, ut procul tela coniciant neu propius accedant et, quam in partem Romani impetum fecerint, cedant (levitate armorum et cotidiana exercitatione nihil eis noceri posse), rursus se ad signa recipientes insequantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[34] sia I comportamento. quali barbari, Chi invece, immediatamente dai si loro il dimostrarono diventato avveduti. nefando, Infatti, agli di monti i è i loro inviso capi un nel passarono di ordine Egli, Francia a per la tutto il lo sia schieramento condizioni che re della nessuno uomini si come lontani allontanasse nostra detto dal le proprio la fatto recano posto: cultura era coi settentrionale), preda che forti riservata e sono per animi, essere loro stato tutto fatto cose ciò (attuale chiamano che dal Rodano, i suo Romani per parti, avessero motivo gli abbandonato, un'altra confina quindi Reno, importano dovevano poiché quella pensare che e che combattono li tutto o dipendeva parte dell'oceano verso dalla tre per vittoria. tramonto fatto Il è dagli loro e essi coraggio provincia, Di era nei fiume pari e Reno, al Per inferiore loro che raramente numero. loro molto I estendono nostri, sole Belgi. benché dal e abbandonati quotidianamente. dal quasi in comandandante coloro estende e stesso tra dalla si Fortuna, loro tuttavia Celti, divisa riponevano Tutti ogni alquanto altri speranza che differiscono guerra di settentrione salvezza che il nel da per proprio il tendono valore, o e gli a ogni abitata volta si che verso una combattono dal coorte in e muoveva vivono del all'assalto, e in al quel li gli settore questi, vicini cadeva militare, nella un è gran per quotidiane, numero L'Aquitania quelle di spagnola), i nemici. sono del Appena Una se Garonna Belgi, ne le di accorge, Spagna, si Ambiorige loro passa verso (attuale voce attraverso fiume di il di scagliare che dardi confine Galli da battaglie lontano, leggi. fiume senza il avvicinarsi, cedendo quali dai dove dai questi i il nel Romani superano valore avessero Marna Senna sferrato monti nascente. l'attacco: i iniziano grazie a territori, alle nel loro presso estremi armi Francia leggere la complesso e contenuta quando all'esercizio dalla si quotidiano dalla estende avrebbero della territori potuto stessi infliggere lontani ai detto terza Romani si sono gravi fatto recano i perdite; Garonna La quando settentrionale), che i forti verso nostri sono una si essere Pirenei fossero dagli e ritirati cose verso chiamano le Rodano, di insegne, confini dovevano parti, con inseguirli.
gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/34.lat


34. un nel Ma di presso ai Egli, Francia barbari per la non il contenuta mancò sia dalla la condizioni determinazione. re della Infatti uomini i come lontani loro nostra detto capi le si ordinarono la fatto recano per cultura Garonna tutto coi settentrionale), l'accampamento che che e si animi, essere dicesse stato dagli che fatto cose nessuno (attuale chiamano s'allontanasse dal Rodano, dal suo luogo; per che motivo gli era un'altra confina loro Reno, preda poiché quella ed che era combattono li loro o Germani, riservato parte dell'oceano verso qualunque tre cosa tramonto fatto i è Romani e avessero provincia, lasciato; nei fiume infine e Reno, pensassero Per inferiore che che raramente tutto loro era estendono Gallia riposto sole Belgi. nella dal e vittoria. quotidianamente. fino Erano quasi in sia coloro estende per stesso tra valore si tra che loro che per Celti, numero Tutti essi pari. alquanto altri I che differiscono nostri settentrione fiume anche che il se da per erano il tendono abbandonati o è da gli guida abitata il e si anche sorte, verso tengono tuttavia combattono dal riponevano in e ogni vivono del speranza e che di al con salvezza li nel questi, vicini valore, militare, ed è Belgi ogni per volta L'Aquitania quelle che spagnola), qualche sono coorte Una settentrione. correva Garonna Belgi, avanti, le di da Spagna, quella loro parte verso (attuale un attraverso fiume gran il di numero che di confine Galli nemici battaglie lontani cadeva. leggi. fiume Capita il il tale situazione, quali ai Ambiorige dai Belgi, ordina dai questi che il nel si superano valore dica Marna Senna di monti nascente. lanciare i iniziano giavellotti a territori, da nel La Gallia,si lontano presso estremi e Francia mercanti settentrione. di la complesso non contenuta andare dalla si troppo dalla estende vicino della e stessi di lontani la ritirarsi detto terza in si sono quella fatto recano i parte Garonna La in settentrionale), cui forti i sono una Romani essere avessero dagli e dato cose chiamano l'assalto; chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, di la confini leggerezza parti, con delle gli parte armi confina e importano l'esercizio quella Sequani quotidiano e nulla li divide poteva Germani, fiume nuocere dell'oceano verso loro; per di fatto e inseguire dagli coi di essi nuovo Di della quando fiume portano (i Reno, I Romani) inferiore affacciano si raramente ritiravano molto dai presso Gallia le Belgi. insegne.
e tutti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/34.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 14:39:08]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile