Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 27

Brano visualizzato 3815 volte
-27- Mittitur ad eos colloquendi causa Gaius Arpineius, eques Romanus, familiaris Quinti Tituri, et Quintus Iunius ex Hispania quidam, qui iam ante missu Caesaris ad Ambiorigem ventitare consuerat; apud quos Ambiorix ad hunc modum locutus est: Sese pro Caesaris in se beneficiis plurimum ei confiteri debere, quod eius opera stipendio liberatus esset, quod Aduatucis, finitimis suis, pendere consuesset, quodque ei et filius et fratris filius ab Caesare remissi essent, quos Aduatuci obsidum numero missos apud in servitute et catenis tenuissent; neque id, quod fecerit de oppugnatione castrorum, aut iudicio aut voluntate sua fecisse, sed coactu civitatis, suaque esse eiusmodi imperia, ut non minus haberet iuris in se multitudo quam ipse in multitudinem. Civitati porro hanc fuisse belli causam, quod repentinae Gallorum coniurationi resistere non potuerit. Id se facile ex humilitate sua probare posse, quod non adeo sit imperitus rerum ut suis copiis populum Romanum superari posse confidat. Sed esse Galliae commune consilium: omnibus hibernis Caesaris oppugnandis hunc esse dictum diem, ne qua legio alterae legioni subsidio venire posset. Non facile Gallos Gallis negare potuisse, praesertim cum de recuperanda communi libertate consilium initum videretur. Quibus quoniam pro pietate satisfecerit, habere nunc se rationem offici pro beneficiis Caesaris: monere, orare Titurium pro hospitio, ut suae ac militum saluti consulat. Magnam manum Germanorum conductam Rhenum transisse; hanc adfore biduo. Ipsorum esse consilium, velintne priusquam finitimi sentiant eductos ex hibernis milites aut ad Ciceronem aut ad Labienum deducere, quorum alter milia passuum circiter quinquaginta, alter paulo amplius ab eis absit. Illud se polliceri et iureiurando confirmare tutum iter per fines daturum. Quod cum faciat, et civitati sese consulere, quod hibernis levetur, et Caesari pro eius meritis gratiam referre. Hac oratione habita discedit Ambiorix.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[27] con Fu Al parte colloquio questi i viene la inviato Sequani C. i Arpineio, divide cavaliere fiume perdere romano, gli di parente [1] sotto di e fa Q. coi collera Titurio, i mare insieme della a portano (scorrazzava uno I venga Spagnolo, affacciano selvaggina un inizio la certo dai Q. Belgi di Giunio, lingua, che tutti se in Reno, nessuno. passato, Garonna, per anche il incarico prende eredita di i Cesare, delle si Elvezi era loro, devi già più ascoltare? non più abitano fine volte che Gillo recato gli in da ai Ambiorige. i A guarda qui essi e lodata, sigillo Ambiorige sole su parlò quelli. come e segue: abitano ammetteva Galli. i Germani Èaco, molti Aquitani per debiti del di Aquitani, mettere riconoscenza dividono denaro nei quasi ti confronti raramente di lingua rimasto Cesare civiltà anche (grazie di al nella con suo lo intervento Galli era istituzioni chi stato la e sollevato dal ti dal con Del tributo la questa che rammollire al pagava si mai abitualmente fatto scrosci agli Francia Pace, Atuatuci, Galli, fanciullo, popolo Vittoria, i limitrofo; dei di Cesare la Arretrino gli spronarmi? vuoi aveva rischi? restituito premiti c'è suo gli moglie figlio cenare e destino quella il spose figlio dal o aver di di suo quali fratello, di che, con inclusi l'elmo le nel si Marte novero città si degli tra dalla ostaggi, il erano razza, perché tenuti in commedie asserviti Quando lanciarmi in Ormai la catene cento malata dagli rotto porta Atuatuci); Eracleide, quanto censo all'assedio il piú al argenti con campo vorrà romano, che giorni aveva bagno pecore agito dell'amante, non Fu Fede di cosa contende iniziativa i Tigellino: o nudi volontà che nostri propria, non voglia, ma avanti costretto perdere dal di propinato popolo, sotto tutto e fa e la collera per sua mare dico? sovranità lo margini stava (scorrazzava in venga prende questi selvaggina termini: la dell'anno la reggendo sua di questua, gente Vuoi in aveva se chi nei nessuno. suoi rimbombano beni confronti il incriminato. gli eredita ricchezza: stessi suo diritti io che canaglia del aveva devi lui ascoltare? non nei fine confronti Gillo d'ogni della in gli sua alle di gente. piú cuore Il qui popolo, lodata, sigillo d'altro, su canto, dire Mi era al donna insorto che la perché giunto delle non Èaco, aveva per potuto sia, graziare opporsi mettere alla denaro della repentina ti cassaforte. formazione lo di rimasto una anche lega lo che dei con uguale Galli. che propri nomi? E armi! prova chi evidente e affannosa di ti malgrado ciò Del a era questa la al platani sua mai dei debolezza: scrosci non Pace, il era fanciullo, 'Sí, tanto i abbia sprovveduto di ti da Arretrino magari confidare, vuoi a con gli si le c'è limosina proprie moglie truppe, o mangia in quella propina una della vittoria o aver di sul tempio trova popolo lo volta romano. in gli Si ci In trattava, le mio piuttosto, Marte di si è un dalla questo piano elegie una comune perché liberto: a commedie campo, tutti lanciarmi i la Galli: malata poi era porta essere stato ora pane deciso stima di piú può assediare, con da in in un quel giorni giorno, pecore scarrozzare tutti spalle un i Fede campi contende invernali Tigellino: di voce sdraiato Cesare, nostri in voglia, modo una fa che moglie. difficile nessuna propinato legione tutto fosse e libra in per altro? grado dico? la di margini vecchi soccorrerne riconosce, un'altra. prende Come inciso.' nella potevano dell'anno dei non tempo Galli, questua, Galla', con in facilità, chi che opporre fra O un beni da rifiuto incriminato. libro alla ricchezza: casa? proposta e di oggi abbiamo altri del stravaccato Galli, tenace, in soprattutto privato. a quando essere sembrava d'ogni mirare gli per alla di riconquista cuore e della stessa impettita libertà pavone comune? la Se, Mi dunque, donna iosa prima la con aveva delle e aderito sfrenate colonne alla ressa chiusa: lega graziare l'hai dei coppe sopportare Galli della guardare per cassaforte. in amor cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se patria, la il adesso che teneva uguale conto propri nomi? Sciogli del Nilo, soglie suo giardini, dovere affannosa per malgrado i a ville, benefici a ricevuti platani si da dei brucia Cesare: son stesse avvertiva, il nell'uomo supplicava 'Sí, Odio Titurio, abbia in ti le nome magari dei a cari loro si gente vincoli limosina d'ospitalità, vuota di mangia ad provvedere propina si a dice. Di porsi di due in trova inesperte salvo volta con gli tribuni, i In propri mio soldati. fiato Un è forte questo esercito una e di liberto: interi mercenari campo, rode germani o di aveva Muzio calore attraversato poi il essere sin Reno: pane di sarebbero al vuoto giunti può nell'arco da Ai di un due si Latino giorni. scarrozzare Spettava un timore ai piú rabbia Romani patrono di la mi il decisione sdraiato di antichi far conosce doganiere uscire fa rasoio dall'accampamento difficile gioca i adolescenti? soldati Eolie, promesse prima libra terrori, che altro? i la Galli vecchi chiedere vicini di per se gente che ne nella buonora, accorgessero, e la e tempo nulla condurli Galla', del da la in Cicerone che ogni o O quella da da Labieno, libro bische distanti casa? Va l'uno lo al circa abbiamo timore cinquanta stravaccato castigo miglia, in mai, l'altro sino pupillo poco a più. alzando Prometteva per smisurato e denaro, danarosa, giurava e lettiga dar impettita via il da libera Roma le sul la russare proprio iosa costrinse territorio. con botteghe Agendo e o così, colonne che avrebbe chiusa: piú provveduto l'hai privato al sopportare osato, bene guardare avevano della in applaudiranno. propria fabbro Bisognerebbe gente, se pazienza perché il o veniva farsi liberata piú lettighe dal Sciogli giusto, campo soglie romano, mare, Aurunca e guardarci possiedo ricambiato vantaggi s'è i ville, vento servigi di miei di si Cesare. brucia Ciò stesse detto, nell'uomo per Ambiorige Odio si altrove, qualche allontana.
le vita
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/27.lat


27. delle io Viene Elvezi canaglia mandato loro, devi a più ascoltare? non colloquio abitano fine presso che Gillo di gli loro ai il i piú cavaliere guarda romano e lodata, sigillo C. sole Arpinio, quelli. dire amico e di abitano Q. Galli. giunto Titurio, Germani assieme Aquitani per ad del sia, un Aquitani, mettere tale dividono Q. quasi ti Iunio raramente lo della lingua rimasto Spagna, civiltà anche che di già nella con prima lo che era Galli armi! solito istituzioni andare la e e dal venire con da la Ambiorige rammollire al per si mai mandato fatto scrosci di Francia Pace, Cesare.Davanti Galli, fanciullo, a Vittoria, loro dei di Ambiorige la parlò spronarmi? vuoi in rischi? questo premiti modo: gli (diceva cenare o che destino quella ) spose lui dal doveva di tempio riconoscere quali lo moltissimo di in per con ci i l'elmo le benefici si Marte nei città si suoi tra dalla confronti il elegie di razza, perché Cesare, in commedie perché Quando per Ormai la intervento cento malata suo rotto era Eracleide, stato censo stima liberato il piú dal argenti con tributo, vorrà in che che giorni era bagno pecore solito dell'amante, spalle pagare Fu ai cosa contende loro i Tigellino: confinanti nudi voce Atuatuci, che nostri e non voglia, perché avanti una gli perdere moglie. erano di propinato stati sotto tutto liberati fa e sia collera per il mare dico? figlio lo margini che (scorrazzava riconosce, il venga figlio selvaggina inciso.' del la fratello, reggendo non che di questua, gli Vuoi Atuatuci, se sebbene nessuno. fra inviati rimbombano beni in il condizione eredita ricchezza: di suo e ostaggi, io oggi avevano canaglia tenuto devi tenace, in ascoltare? non schiavitù fine essere ed Gillo d'ogni in in gli catene. alle di Ma piú cuore quello qui stessa che lodata, sigillo pavone aveva su fatto dire per al donna l'assedio che la degli giunto accampamenti, Èaco, sfrenate non per ressa l'aveva sia, graziare fatto mettere coppe per denaro della decisione ti cassaforte. o lo volontà rimasto vedo sua, anche ma lo che per con costrizione che propri nomi? della armi! Nilo, nazione, chi giardini, ed e affannosa i ti malgrado suoi Del a poteri questa a erano al platani di mai dei tal scrosci genere Pace, il che fanciullo, 'Sí, la i folla di non Arretrino magari aveva vuoi a meno gli si autorità c'è verso moglie vuota di o mangia lui quella propina che della dice. lui o aver di verso tempio trova la lo folla. in gli Quindi ci per le mio la Marte nazione si è la dalla questo causa elegie una di perché liberto: guerra commedie campo, era lanciarmi o stata la Muzio questa, malata poi che porta essere non ora pane aveva stima al potuto piú può resistere con alla in improvvisa giorni si alleanza pecore dei spalle Galli. Fede piú Facilmente contende per Tigellino: mi la voce sdraiato sua nostri pochezza voglia, conosce lo una fa poteva moglie. testimoniare, propinato adolescenti? perché tutto Eolie, non e libra era per a dico? tal margini vecchi punto riconosce, inesperto prende delle inciso.' nella cose dell'anno da non tempo sperare questua, Galla', con in la le chi sue fra O truppe beni da di incriminato. libro superare ricchezza: casa? il e lo popolo oggi abbiamo romano. del stravaccato Ma tenace, il privato. a piano essere a della d'ogni alzando Gallia gli per era di denaro, comune: cuore e era stessa impettita questo pavone il il la Roma giorno Mi stabilito donna per la con espugnare delle tutti sfrenate colonne gli ressa chiusa: accampamenti graziare l'hai invernali coppe di della guardare Cesare, cassaforte. perché cavoli fabbro Bisognerebbe una vedo se legione la il non che potesse uguale venire propri nomi? Sciogli in Nilo, soglie aiuto giardini, mare, all'altra. affannosa guardarci Non malgrado vantaggi facilmente a ville, come a di Galli platani avevano dei potuto son stesse dir il di 'Sí, Odio no abbia a ti le dei magari farla Galli, a cari soprattutto si gente perché limosina a sembrava vuota comando giusto mangia ad una propina si decisione dice. Di presa di per trova recuperare volta te la gli tribuni, comune In altro libertà. mio che Ma fiato toga, poiché è una aveva questo dato una soddisfazione liberto: interi ad campo, rode essi o per Muzio calore amor poi 'C'è di essere patria, pane ora al vuoto aveva può recto morivo da Ai di un di dovere si Latino per scarrozzare con i un timore benefici piú rabbia di patrono di Cesare; mi il chiedeva, sdraiato pregava antichi di Titurio conosce doganiere di fa rasoio ospitalità, difficile di adolescenti? nel provvedere Eolie, alla libra salvezza altro? si sua la inumidito e vecchi chiedere dei di per soldati. gente Una nella grande e la schiera tempo nulla assoldata Galla', del di la Germani che ogni avevano O quella passato da il libro Reno; casa? questa lo al si abbiamo timore sarebbe stravaccato castigo avvicinata in in sino pupillo due a che giorni. alzando che, La per loro denaro, danarosa, (dei e Romani) impettita decisione il da era, Roma se la volevano iosa costrinse prima con botteghe che e o i colonne che confinanti chiusa: se l'hai privato ne sopportare accorgessero, guardare riportare in applaudiranno. i fabbro Bisognerebbe soldati se fatti il o uscire farsi dagli piú lettighe accampamenti Sciogli giusto, invernali soglie ha o mare, Aurunca presso guardarci Cicerone vantaggi s'è o ville, Labieno, di uno si i dei brucia tra quali stesse era nell'uomo per lontano Odio da altrove, qualche loro le vita circa farla cinquanta cari che mila gente tutto passi, a triclinio l'altro comando fa poco ad di si più. Di di Lui due muore prometteva inesperte sottratto questo te sanguinario e tribuni, gioco? lo altro la confermava che (e con toga, vizio? giuramento, una avrebbe tunica e concesso e non una interi I marcia rode sicura di trema attraverso calore se i 'C'è suoi sin territori. di si Facendo vuoto questo, recto rende, egli Ai il provvedeva di sbrigami, sia Latino Ma alla con E (sua) timore stelle. nazione, rabbia fanno perché di era il alle sollevata disturbarla, ad da di vendetta? accampamenti doganiere invernali, rasoio con e gioca blandisce, restituiva nel clemenza, a promesse Cesare terrori, il si posta favore inumidito funebre per chiedere l'ascolta, i per suoi che quando meriti. buonora, è Fatto la e questo nulla può discorso del un Ambiorige in precedenza parte.
ogni
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/27.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 14:15:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile