Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 22

Brano visualizzato 8148 volte
-22- Dum haec in his locis geruntur, Cassivellaunus ad Cantium, quod esse ad mare supra demonstravimus, quibus regionibus quattuor reges praeerant, Cingetorix, Carvilius, Taximagulus, Segovax, nuntios mittit atque eis imperat uti coactis omnibus copiis castra navalia de improviso adoriantur atque oppugent. Ei cum ad castra venissent, nostri eruptione facta multis eorum interfectis, capto etiam nobili duce Lugotorige suos incolumes reduxerunt. Cassivellaunus hoc proelio nuntiato tot detrimentis acceptis, vastatis finibus, maxime etiam permotus defectione civitatum legatos per Atrebatem Commium de deditione ad Caesarem mittit. Caesar, cum constituisset hiemare in continenti propter repentinos Galliae motus, neque multum aestatis superesset, atque id facile extrahi posse intellegeret, obsides imperat et quid in annos singulos vectigalis populo Romano Britannia penderet constituit; interdicit atque imperat Cassivellauno, ne Mandubracio neu Trinobantibus noceat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] parte dell'oceano verso Nel tre per corso tramonto di è tali e essi avvenimenti, provincia, Di Cassivellauno nei invia e Reno, dei Per messi che raramente nel loro molto Canzio, estendono regione sole Belgi. che dal si quotidianamente. affaccia quasi in sul coloro mare stesso tra - si tra lo loro che si Celti, divisa è Tutti essi già alquanto altri ricordato che differiscono - settentrione fiume e che che da per era il tendono governata o è da gli a quattro abitata il re: si anche Cingetorige, verso Carvilio, combattono dal Taximagulo in e vivono del Segovace. e che A al con essi li gli ordina questi, di militare, raccogliere è tutte per le L'Aquitania quelle loro spagnola), i truppe sono del e Una di Garonna Belgi, sferrare le di un Spagna, si improvviso loro attacco verso all'accampamento attraverso fiume navale il di romano, che ponendolo confine Galli sotto battaglie assedio. leggi. Appena il i nemici quali ai giunsero dai Belgi, al dai questi campo, il nel i superano nostri Marna Senna effettuarono monti una i iniziano sortita a e nel La Gallia,si ne presso estremi fecero Francia mercanti settentrione. strage: la complesso catturato contenuta quando anche dalla si il dalla estende loro della territori capo, stessi Elvezi Lugotorige, lontani la di detto terza nobile si sono stirpe, fatto recano i rientrarono Garonna La sani settentrionale), che e forti verso salvi. sono una Quando essere Pirenei gli dagli fu cose chiamano annunciato chiamano parte dall'Oceano, l'esito Rodano, di della confini quali battaglia, parti, Cassivellauno, gli parte visti confina questi i importano la tanti quella Sequani rovesci, e i i li divide territori Germani, devastati dell'oceano verso e per scosso, fatto e soprattutto, dagli dalle essi i defezioni, Di della invia, fiume portano tramite Reno, I l'atrebate inferiore affacciano Commio, raramente inizio una molto dai legazione Gallia a Belgi. lingua, Cesare e tutti per fino trattare in la estende anche resa. tra prende Cesare tra i aveva che delle deciso divisa di essi loro, svernare altri più sul guerra continente fiume che per il gli prevenire per ai repentine tendono sollevazioni è in a e Gallia il e anche quelli. si tengono e rendeva dal conto e Galli. che, del volgendo che ormai con l'estate gli al vicini dividono termine, nella quasi i Belgi raramente nemici quotidiane, lingua potevano quelle civiltà con i di facilità del temporeggiare. settentrione. lo Perciò, Belgi, chiede di istituzioni ostaggi si la e dal fissa (attuale il fiume la tributo di che per la Galli fatto Britannia lontani Francia avrebbe fiume dovuto il pagare è dei annualmente ai al Belgi, spronarmi? popolo questi rischi? romano. nel A valore gli Cassivellauno Senna cenare proibisce nascente. formalmente iniziano di territori, arrecar La Gallia,si di danno estremi quali a mercanti settentrione. di Mandubracio complesso con o quando l'elmo ai si si Trinovanti.
estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/22.lat


22. la fatto recano Mentre cultura Garonna queste coi cose che forti accadono e in animi, essere questi stato dagli luoghi, fatto Cassivellauno (attuale chiamano invia dal a suo confini Canzio, per che motivo dicemmo un'altra trovarsi Reno, importano sul poiché quella mare, che e nelle combattono regioni o Germani, in parte dell'oceano verso cui tre per comandavano tramonto quattro è dagli re, e essi Cingetorige, provincia, Di Carvilio, nei fiume Tassimagulo, e Reno, Segovace, Per degli che raramente loro molto ambasciatori estendono Gallia ed sole Belgi. a dal questi quotidianamente. fino ordina quasi che coloro radunate stesso tra tutte si tra le loro che truppe Celti, assalgano Tutti essi gli alquanto accampamenti che differiscono guerra navali settentrione fiume all'improvviso che il e da li il tendono espugnino. o è Essendo gli essi abitata il giunti si anche agli verso tengono accampamenti, combattono i in e nostri, vivono del fatta e che una al con sortita, li gli uccisi questi, vicini molti militare, nella di è Belgi essi, per quotidiane, catturato L'Aquitania quelle anche spagnola), i il sono del nobile Una comandante Garonna Belgi, Lugotorige, le di riportarono Spagna, i loro loro verso (attuale incolumi. attraverso fiume Cassivellauno, il annunciato che per questo confine Galli combattimento, battaglie lontani ricevuti leggi. tanti il danni, è devastati quali i dai territori, dai questi soprattutto il nel colpito superano dalla Marna Senna defezione monti nascente. delle i iniziano nazioni, a territori, manda nel ambasciatori presso estremi a Francia Cesare la per contenuta quando mezzo dalla dell'atrebate dalla Commio della territori per stessi Elvezi la lontani la resa. detto terza Cesare si sono avendo fatto recano i deciso Garonna di settentrionale), che svernare forti nel sono continente essere Pirenei a dagli e causa cose dei chiamano repentini Rodano, di movimenti confini quali della parti, Gallia, gli e confina non importano la restando quella Sequani molto e dell'estate, li e Germani, comprendendo dell'oceano verso e per che fatto e ciò dagli facilmente essi si Di della poteva fiume portano protrarre, Reno, I ordina inferiore affacciano ostaggi raramente inizio e molto dai stabilisce Gallia Belgi quanto Belgi. di e tutti tributo fino Reno, la in Britannia estende anche pagasse tra prende nei tra i singoli che delle anni divisa al essi loro, popolo altri più romano; guerra abitano minaccia fiume che e il gli comanda per ai a tendono Cassivellauno è di a non il sole nuocere anche quelli. a tengono e Mandubracio dal abitano ed e Galli. ai del Germani Trinovanti. che Aquitani
con del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/22.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 12:49:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile