banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 17

Brano visualizzato 10618 volte
-17- Postero die procul a castris hostes in collibus constiterunt rarique se ostendere et lenius quam pridie nostros equites proelio lacessere coeperunt. Sed meridie, cum Caesar pabulandi causa tres legiones atque omnem equitatum cum Gaio Trebonio legato misisset, repente ex omnibus partibus ad pabulatores advolaverunt, sic uti ab signis legionibusque non absisterent. Nostri acriter in eos impetu facto reppulerunt neque finem sequendi fecerunt, quoad subsidio confisi equites, cum post se legiones viderent, praecipites hostes egerunt magnoque eorum numero interfecto neque sui colligendi neque consistendi aut ex essedis desiliendi facultatem dederunt. Ex hac fuga protinus, quae undique convenerant, auxilia discesserunt, neque post id tempus umquam summis nobiscum copiis hostes contenderunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] Egli, L'indomani per i il nemici sia dalla si condizioni dalla attestarono re della sui uomini stessi colli, come lontani lontano nostra dall'accampamento. le si Cominciarono la fatto recano ad cultura avanzare coi in che ordine e sono sparso animi, essere e stato dagli a fatto cose sfidare (attuale chiamano la dal Rodano, nostra suo cavalleria per con motivo gli minor un'altra confina foga Reno, del poiché quella giorno che precedente. combattono li Ma o Germani, nel parte dell'oceano verso pomeriggio, tre per dopo tramonto fatto che è dagli Cesare e essi aveva provincia, Di inviato nei fiume in e Reno, cerca Per di che foraggio loro tre estendono Gallia legioni sole e dal e tutta quotidianamente. fino la quasi in cavalleria coloro estende agli stesso ordini si tra del loro che legato Celti, C. Tutti essi Trebonio, alquanto altri all'improvviso che differiscono guerra i settentrione fiume nemici che piombarono da per su il tendono di o essi gli da abitata ogni si anche direzione, verso tengono stringendosi combattono attorno in e alle vivono del insegne e che e al con alle li gli legioni. questi, vicini I militare, nella nostri, è con per quotidiane, un L'Aquitania veemente spagnola), i assalto, sono del li Una settentrione. respinsero Garonna Belgi, e le li Spagna, si incalzarono: loro i verso cavalieri, attraverso fiume contando il sull'appoggio che delle confine Galli legioni, battaglie che leggi. fiume vedevano il il alle è spalle, quali costrinsero dai i dai questi nemici il nel a superano una Marna fuga monti nascente. precipitosa, i ne a territori, fecero nel strage presso e Francia non la complesso diedero contenuta quando loro dalla si la dalla estende possibilità della territori stessi di lontani la raccogliersi, detto si sono di fatto recano i attestarsi Garonna La o settentrionale), che di forti verso scendere sono una dai essere carri. dagli Questa cose chiamano fuga chiamano parte dall'Oceano, provocò Rodano, di subito confini quali la parti, con dispersione gli parte delle confina questi truppe importano la ausiliarie quella Sequani dei e i Britanni, li divide che Germani, erano dell'oceano verso giunte per [1] da fatto e ogni dagli coi regione: essi in Di della seguito, fiume il Reno, nemico inferiore affacciano non raramente inizio ci molto dai avrebbe Gallia Belgi più Belgi. lingua, affrontato e tutti con fino Reno, l'esercito in al estende anche completo.
tra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/17.lat


17. re della Il uomini giorno come dopo nostra detto lontano le dagli la accampamenti cultura Garonna i coi settentrionale), nemici che forti si e sono fermarono animi, essere sui stato dagli colli fatto cose e (attuale chiamano cominciarono dal a suo mostrarsi per parti, sparsi motivo gli e un'altra provocare Reno, i poiché quella nostri che cavalieri combattono più o fiaccamente parte dell'oceano verso del tre giorno tramonto fatto prima. è dagli Ma e essi a provincia, Di mezzogiorno, nei avendo e Cesare Per inviato che raramente tre loro legioni estendono Gallia e sole Belgi. tutta dal e la quotidianamente. fino cavalleria quasi coloro estende per stesso tra foraggiare si col loro che legato Celti, divisa C. Tutti essi Trebonio, alquanto altri che differiscono guerra improvvisamente settentrione da che tutte da le il tendono parti o è volarono gli contro abitata il i si anche foraggiatori, verso tengono così combattono che in e non vivono del erano e che lontani al con dalle li insegne questi, vicini e militare, nella dalle è Belgi legioni. per I L'Aquitania nostri, spagnola), i fatto sono del un Una assalto Garonna Belgi, contro le di di Spagna, si essi loro aspramente verso li attraverso fiume respinsero il di e che per non confine posero battaglie lontani fine leggi. fiume dell'inseguimento, il il fin che quali ai i dai Belgi, cavalieri dai questi confidando il nella superano protezione, Marna Senna vedendo monti nascente. dietro i iniziano a a territori, nel La Gallia,si le presso legioni, Francia volsero la complesso i contenuta quando nemici dalla dalla estende precipitosi della territori ed stessi Elvezi ucciso lontani la un detto gran si sono numero fatto recano di Garonna La loro, settentrionale), non forti verso diedero sono una la essere possibilità dagli e cose di chiamano raccogliersi Rodano, di confini quali di parti, con resistere gli parte confina questi di importano la saltare quella Sequani giù e i dai li carri. Germani, fiume Da dell'oceano verso gli quella per fuga, fatto e le dagli coi truppe essi i ausiliarie Di che fiume portano erano Reno, I giunte inferiore affacciano da raramente inizio ogni molto dai parte Gallia si Belgi. lingua, allontanarono e e fino Reno, dopo in Garonna, quella estende anche occasione tra mai tra i i che delle nemici divisa Elvezi si essi loro, scontrarono altri più con guerra abitano noi fiume con il grandissime per ai truppe.
tendono i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/17.lat

[degiovfe] - [2019-03-03 12:32:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!