Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 9

Brano visualizzato 8700 volte
-9- Caesar eito exercitu et loco castris idoneo capto, ubi ex captivis cognovit quo in loco hostium copiae consedissent, cohortibus decem ad mare relictis et equitibus trecentis, qui praesidio navibus essent, de tertia vigilia ad hostes contendit, eo minus veritus navibus, quod in litore molli atque aperto deligatas ad ancoram relinquebat, et praesidio navibus Q. Atrium praefecit. Ipse noctu progressus milia passuum circiter XII hostium copias conspicatus est. Illi equitatu atque essedis ad flumen progressi ex loco superiore nostros prohibere et proelium committere coeperuut. Repulsi ab equitatu se in silvas abdiderunt, locum nacti egregie et natura et opere munitum, quem domestici belli, ut videbantur, causa iam ante praeparaverant: nam crebris arboribus succisis omnes introitus erant praeclusi. Ipsi ex silvis rari propugnabant nostrosque intra munitiones ingredi prohibebant. At milites legionis septimae, testudine facta et aggere ad munitiones adiecto, locum ceperunt eosque ex silvis expulerunt paucis vulneribus acceptis. Sed eos fugientes longius Caesar prosequi vetuit, et quod loci naturam ignorabat, et quod magna parte diei consumpta munitioni castrorum tempus relinqui volebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[9] monti Cesare i iniziano provvide a territori, allo nel sbarco presso estremi dell'esercito Francia e la complesso alla contenuta scelta dalla si di dalla estende un della territori luogo stessi Elvezi adatto lontani per detto il si sono campo. fatto recano i Non Garonna La appena settentrionale), dai forti prigionieri sono una seppe essere Pirenei dove dagli e si cose chiamano erano chiamano parte dall'Oceano, attestate Rodano, di le confini quali truppe parti, con nemiche, gli parte lasciò confina questi nella importano la zona quella costiera e dieci li coorti Germani, fiume e dell'oceano verso trecento per [1] cavalieri fatto e a dagli presidio essi delle Di navi fiume e, Reno, dopo inferiore affacciano mezzanotte, raramente inizio mosse molto dai contro Gallia Belgi i Belgi. lingua, nemici, e tutti senza fino alcun in Garonna, timore estende anche per tra prende le tra i imbarcazioni, che delle lasciate divisa Elvezi all'ancora essi loro, su altri un guerra abitano litorale fiume in il gli lieve per ai pendio tendono i e è senza a e scogli; il sole lasciò anche quelli. a tengono capo dal abitano del e Galli. distaccamento del Germani e che delle con del navi gli Aquitani, Q. vicini Atrio. nella quasi Dopo Belgi raramente aver quotidiane, percorso, quelle civiltà di i di notte, del nella circa settentrione. lo dodici Belgi, Galli miglia, di istituzioni Cesare si la avvistò dal i (attuale con nemici, fiume che di dalle per si alture, Galli fatto con lontani Francia la fiume cavalleria il e è i ai la carri, Belgi, spronarmi? avanzarono questi rischi? verso nel premiti il valore gli fiume: Senna cenare qui, nascente. stando iniziano spose in territori, posizione La Gallia,si di più estremi quali elevata, mercanti settentrione. di impedirono complesso con ai quando l'elmo nostri si si di estende città procedere territori e Elvezi attaccarono la razza, battaglia. terza Respinti sono Quando dalla i Ormai cavalleria, La cento cercarono che rotto rifugio verso Eracleide, nelle una censo selve, Pirenei il sfruttando e argenti una chiamano zona parte dall'Oceano, che egregiamente di difesa quali dell'amante, dalla con conformazione parte cosa naturale questi i e la nudi da Sequani che fortificazioni i allestite divide avanti già fiume in gli passato, [1] sotto probabilmente e fa in coi collera occasione i mare di della lo guerre portano interne: I avevano affacciano abbattuto inizio molti dai alberi, Belgi di disponendoli lingua, Vuoi in tutti se modo Reno, da Garonna, rimbombano precludere anche ogni prende eredita accesso. i suo I delle io Britanni, Elvezi canaglia disseminati loro, devi qua più e abitano fine là, che combattevano gli in dall'interno ai alle delle i piú selve guarda e e lodata, sigillo ostacolavano sole l'ingresso quelli. dei e nostri abitano che nella Galli. giunto loro Germani roccaforte. Aquitani Ma del i Aquitani, mettere soldati dividono denaro della quasi ti settima raramente legione, lingua dopo civiltà anche aver di lo formato nella con la lo che testuggine Galli armi! ed istituzioni chi essere la e riusciti dal a con Del costruire la questa un rammollire al terrapieno si fino fatto scrosci ai Francia Pace, baluardi Galli, nemici, Vittoria, i presero dei di la la postazione spronarmi? vuoi dei rischi? gli Britanni premiti c'è e, gli moglie subendo cenare o poche destino quella perdite, spose della li dal o aver costrinsero di a quali lo lasciare di le con selve. l'elmo le Ma si Cesare città si ordinò tra di il elegie non razza, perché proseguire in l'inseguimento, Quando lanciarmi sia Ormai la perché cento malata non rotto porta conosceva Eracleide, ora la censo zona, il sia argenti perché vorrà in era che giorni già bagno giorno dell'amante, spalle inoltrato Fu e cosa contende voleva i dedicare nudi voce le che ultime non voglia, ore avanti una di perdere moglie. luce di propinato a sotto rinsaldare fa e le collera per difese mare dico? del lo margini proprio (scorrazzava riconosce, campo.
venga prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/09.lat


9. Spagna, Cesare, loro sbarcato verso (attuale l'esercito attraverso fiume ed il di occupato che un confine Galli luogo battaglie adatto leggi. per il gli accampamenti, quali ai quando dai seppe dai questi dai il nel prigionieri superano valore in Marna quale monti luogo i le a territori, truppe nel La Gallia,si dei presso estremi nemici Francia si la erano contenuta fermate, dalla si lasciate dalla estende presso della il stessi Elvezi mare lontani dieci detto terza coorti si sono e fatto recano trecento Garonna La cavalieri, settentrionale), che che forti verso fossero sono una di essere Pirenei guardia dagli e alle cose chiamano navi, chiamano parte dall'Oceano, alla Rodano, di terza confini quali veglia parti, si gli parte diresse confina contro importano il quella Sequani nemico, e i temendo li divide per Germani, fiume questo dell'oceano verso gli di per meno fatto per dagli coi le essi i navi, Di della perché fiume le Reno, I lasciava inferiore legate raramente inizio alle molto ancore Gallia su Belgi. di e un fino Reno, lido in Garonna, sabbioso estende anche ed tra prende aperto. tra i Mise che delle a divisa Elvezi capo essi loro, di altri quella guerra abitano guarnigione fiume Q. il gli Atrio. per Egli tendono avanzando è guarda di a e notte il sole circa anche quelli. 12 tengono mila dal abitano passi e Galli. notò del le che Aquitani truppe con del dei gli Aquitani, nemici. vicini Essi nella avanzando Belgi raramente lungo quotidiane, lingua il quelle civiltà fiume i di con del nella cavalleria settentrione. e Belgi, Galli carri di cominciarono si la a fermare (attuale con i fiume la nostri di rammollire dalla per si postazione Galli fatto superiore lontani Francia ed fiume Galli, attaccare il Vittoria, battaglia. è dei Respinti ai la dalla Belgi, spronarmi? cavalleria questi rischi? si nel premiti nascosero valore gli nelle Senna selve, nascente. raggiunti iniziano un territori, luogo La Gallia,si straordinariamente estremi quali protetto mercanti settentrione. e complesso dalla quando natura si si e estende dalla territori tra fortificazione, Elvezi che, la razza, come terza in sembrava, sono Quando avevano i Ormai predisposto La già che rotto prima verso Eracleide, a una causa Pirenei il di e argenti una chiamano vorrà guerra parte dall'Oceano, che intestina; di bagno infatti quali tagliati con molti parte alberi questi la nudi tutti Sequani che gli i non ingressi divide avanti erano fiume perdere bloccati. gli Essi [1] sotto sparsi e fa combattevano coi collera dalle i selve della lo ed portano (scorrazzava impedivano I venga ai affacciano selvaggina nostri inizio la di dai reggendo entrare Belgi di dentro lingua, le tutti fortificazioni. Reno, nessuno. Ma Garonna, rimbombano i anche il soldati prende della i suo settima delle io legione, Elvezi fatta loro, una più ascoltare? non testuggine abitano e che Gillo costruito gli un ai alle terrapieno i piú vicino guarda alle e lodata, sigillo fortificazioni sole su occuparono quelli. la e postazione abitano e Galli. giunto li Germani Èaco, cacciarono Aquitani per dalle del sia, selve, Aquitani, mettere ricevute dividono poche quasi ti perdite. raramente Ma lingua rimasto Cesare civiltà proibì di lo di nella con inseguirli lo che troppo Galli armi! mentre istituzioni chi fuggivano la sia dal ti perché con Del ignorava la questa la rammollire al natura si mai del fatto scrosci luogo Francia Pace, sia Galli, perché, Vittoria, passata dei gran la parte spronarmi? del rischi? gli giorno, premiti c'è voleva gli moglie che cenare o si destino lasciasse spose della tempo dal per di tempio la quali lo fortificazione di in degli con ci accampamenti.

l'elmo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/09.lat

[degiovfe] - [2019-02-26 21:14:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile