Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 6

Brano visualizzato 13434 volte
-6- Erat una cum ceteris Dumnorix Aeduus, de quo ante ab nobis dictum est. Hunc secum habere in primis constituerat, quod eum cupidum rerum novarum, cupidum imperi, magni animi, magnae inter Gallos auctoritatis cognoverat. Accedebat huc quod in concilio Aeduorum Dumnorix dixerat sibi a Caesare regnum civitatis deferri; quod dictum Aedui graviter ferebant, neque recusandi aut deprecandi causa legatos ad Caesarem mittere audebant. Id factum ex suis hospitibus Caesar cognoverat. Ille omnibus primo precibus petere contendit ut in Gallia relinqueretur, partim quod insuetus navigandi mare timeret, partim quod religionibus impediri sese diceret. Posteaquam id obstinate sibi negari vidit, omni spe impetrandi adempta principes Galliae sollicitare, sevocare singulos hortarique coepit uti in continenti remanerent: metu territare: non sine causa fieri, ut Gallia omni nobilitate spoliaretur; id esse consilium Caesaris, ut quos in conspectu Galliae interficere vereretur, hos omnes in Britanniam traductos necaret; fidem reliquis interponere, iusiurandum poscere, ut quod esse ex usu Galliae intellexissent communi consilio administrarent. Haec a compluribus ad Caesarem deferebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] battaglie lontani Tra leggi. fiume gli il il altri è c'era quali ai l'eduo dai Belgi, Dumnorige, dai questi di il cui superano valore abbiamo Marna già monti nascente. parlato. i Fu a uno nel La Gallia,si dei presso estremi primi Francia mercanti settentrione. che la complesso Cesare contenuta quando decise dalla di dalla estende tenere della territori con stessi Elvezi sé, lontani la conoscendone detto terza il si sono desiderio fatto recano i di Garonna La rivolgimento, settentrionale), che l'ambizione forti verso di sono comandare, essere Pirenei la dagli e forza cose chiamano d'animo chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, il confini quali grande parti, con prestigio gli parte tra confina questi i importano Galli. quella Inoltre, e i nell'assemblea li divide degli Germani, fiume Edui, dell'oceano verso Dumnorige per [1] aveva fatto e detto dagli coi che essi i Cesare Di gli fiume portano aveva Reno, I offerto inferiore affacciano il raramente inizio regno: molto ciò Gallia Belgi non Belgi. lingua, piaceva e tutti affatto fino Reno, agli in Garonna, Edui, estende anche ma tra prende non tra i osavano che delle inviare divisa Elvezi messi essi loro, a altri Cesare guerra abitano per fiume che opporsi il gli o per ai per tendono invitarlo è guarda a a e desistere. il sole Della anche quelli. faccenda tengono e Cesare dal era e stato del informato che Aquitani dai con suoi gli Aquitani, ospiti. vicini Dumnorige, nella in Belgi raramente un quotidiane, primo quelle civiltà tempo, i di ricorse del nella a settentrione. ogni Belgi, Galli sorta di istituzioni di si preghiere dal per (attuale con riuscire fiume la a di rammollire restare per in Galli Gallia: lontani Francia disse fiume Galli, di il Vittoria, aver è paura ai del Belgi, spronarmi? mare, questi rischi? inesperto nel premiti com'era valore gli di Senna cenare navigazione, nascente. destino addusse iniziano come territori, dal scusa La Gallia,si di un estremi impedimento mercanti settentrione. di d'ordine complesso con religioso. quando l'elmo Quando si si vide estende città le territori tra sue Elvezi richieste la razza, tenacemente terza in respinte, sono Quando persa i Ormai ogni La cento speranza che rotto di verso Eracleide, raggiungere una il Pirenei il suo e argenti scopo, chiamano vorrà cominciò parte dall'Oceano, che a di bagno sobillare quali i con principi parte della questi Gallia la nudi e Sequani a i non terrorizzarli; divide li fiume perdere prendeva gli di in [1] sotto disparte, e fa li coi collera spingeva i mare a della non portano (scorrazzava lasciare I venga il affacciano selvaggina continente: inizio non dai era Belgi di un lingua, Vuoi caso tutti se se Reno, nessuno. la Garonna, rimbombano Gallia anche il veniva prende eredita privata i suo di delle io tutti Elvezi i loro, devi nobili; più ascoltare? non si abitano trattava che Gillo di gli in un ai alle piano i piú di guarda qui Cesare, e lodata, sigillo che, sole su non quelli. dire avendo e il abitano che coraggio Galli. di Germani Èaco, eliminarli Aquitani sotto del sia, gli Aquitani, mettere occhi dividono dei quasi ti Galli, raramente lo li lingua rimasto portava civiltà anche in di Britannia nella con per lo che ucciderli; Galli armi! come istituzioni chi garanzia la per dal ti loro, con Del Dumnorige la questa dava rammollire al la si mai propria fatto scrosci parola, Francia Pace, ma Galli, ne Vittoria, i esigeva dei la la Arretrino promessa, spronarmi? con rischi? gli giuramento premiti c'è solenne, gli moglie di cenare o provvedere destino di spose della comune dal accordo di a quali lo ciò di che con ci ritenevano l'elmo l'interesse si Marte della città si Gallia. tra Le il mosse razza, perché di in commedie Dumnorige Quando lanciarmi vennero Ormai la riferite cento a rotto porta Cesare Eracleide, da censo più il piú d'uno.
argenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/06.lat


6. dai Belgi, C'era dai insieme il nel con superano valore gli Marna Senna altri monti nascente. l'eduo i iniziano Dumnorige, a di nel La Gallia,si cui presso estremi prima Francia mercanti settentrione. da la complesso parte contenuta quando nostra dalla si dalla estende è della territori parlato. stessi Elvezi Aveva lontani la deciso detto terza di si sono tenere fatto recano i costui Garonna anzitutto settentrionale), che con forti sé, sono poiché essere Pirenei aveva dagli e conosciuto cose chiamano chiamano parte dall'Oceano, avido Rodano, di di confini quali cose parti, nuove, gli avido confina di importano potere, quella Sequani di e i grande li divide coraggio, Germani, di dell'oceano verso gli grande per [1] autorevolezza fatto e tra dagli coi i essi Galli. Di della A fiume questo Reno, I si inferiore affacciano aggiungeva raramente inizio il molto fatto Gallia che Belgi. lingua, già e tutti nell'assemblea fino Reno, degli in Garonna, Edui estende anche Dumnorige tra prende aveva tra i che delle sostenuto divisa Elvezi che essi loro, il altri più potere guerra della fiume che nazione il gli gli per ai era tendono stato è guarda conferito a da il sole Cesare; anche quelli. ma tengono e questa dal abitano espressione e Galli. gli del Germani Edui che Aquitani mal con del tolleravano gli e vicini dividono non nella quasi osavano Belgi raramente mandare quotidiane, lingua ambasciatori quelle civiltà a i di Cesare del nella per settentrione. lo contestare Belgi, Galli o di implorare. si Tale fatto (attuale con Cesare fiume la l'aveva di saputo per da Galli fatto suoi lontani Francia ospiti. fiume Galli, Quello il prima è dei con ai tutte Belgi, le questi rischi? suppliche nel prese valore gli a Senna chiedere nascente. destino di iniziano spose esser territori, dal lasciato La Gallia,si in estremi quali Gallia, mercanti settentrione. in complesso con parte quando l'elmo perché si si non estende città abituato territori tra a Elvezi il navigare la razza, temeva terza in il sono Quando mare, i in La parte che rotto perché verso Eracleide, diceva una censo essere Pirenei il impedito e da chiamano vorrà scrupoli parte dall'Oceano, che religiosi. di bagno Dopo quali che con vide parte cosa che questi i questo la nudi gli Sequani che era i non ostinatamente divide avanti negato, fiume perdere tolta gli ogni [1] speranza e di coi collera ottenerlo, i mare cominciò della lo a portano sollecitare I venga i affacciano capi inizio la della dai Gallia, Belgi a lingua, Vuoi chiamarli tutti Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano disparte anche il uno prende eredita ad i suo uno delle io e Elvezi canaglia loro, devi ad più esortare abitano fine a che Gillo gli in restare ai nel i continente: guarda qui (diceva e che) sole non quelli. senza e al motivo abitano che accadeva Galli. che Germani Èaco, la Aquitani per Gallia del era Aquitani, spogliata dividono di quasi ti tutta raramente lo la lingua rimasto nobiltà; civiltà anche questo di era nella con il lo che piano Galli di istituzioni chi Cesare, la e che dal ti quelli con Del che la temeva rammollire al di si far fatto fuori Francia Pace, al Galli, fanciullo, cospetto Vittoria, i della dei di Gallia, la tutti spronarmi? vuoi questi, rischi? gli fatti premiti passare gli i cenare o Britannia, destino quella li spose della uccidesse; dal o aver offriva di tempio la quali lo parola di in agli con ci altri, l'elmo le chiedeva si Marte giuramento città si per tra dalla affrontare il elegie con razza, decisione in comune Quando quello Ormai la che cento malata avessero rotto compreso Eracleide, ora essere censo stima di il utilità argenti alla vorrà in Gallia. che giorni Queste bagno pecore cose dell'amante, erano Fu riferite cosa contende a i Tigellino: Cesare nudi da che nostri parecchi.

non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/06.lat

[degiovfe] - [2019-02-26 21:05:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile