Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber V - 1

Brano visualizzato 13100 volte
-1- L. Domitio Ap. Claudio consulibus, discedens ab hibernis Caesar in Italiam, ut quotannis facere consuerat, legatis imperat quos legionibus praefecerat uti quam plurimas possent hieme naves aedificandas veteresque reficiendas curarent. Earum modum formamque demonstrat. Ad celeritatem onerandi subductionesque paulo facit humiliores quam quibus in nostro mari uti consuevimus, atque id eo magis, quod propter crebras commutationes aestuum minus magnos ibi fluctus fieri cognoverat; ad onera, ad multitudinem iumentorum transportandam paulo latiores quam quibus in reliquis utimur maribus. Has omnes actuarias imperat fieri, quam ad rem multum humilitas adiuvat. Ea quae sunt usui ad armandas naves ex Hispania apportari iubet. Ipse conventibus Galliae citeribris peractis in Illyricum proficiscitur, quod a Pirustis finitimam partem provinciae incursionibus vastari audiebat. Eo cum venisset, civitatibus milites imperat certumque in locum convenire iubet. Qua re nuntiata Pirustae legatos ad eum mittunt qui doceant nihil earum rerum publico factum consilio, seseque paratos esse demonstrant omnibus rationibus de iniuriis satisfacere. Accepta oratione eorum Caesar obsides imperat eosque ad certam diem adduci iubet; nisi ita fecerint, sese bello civitatem persecuturum demonstrat. Eis ad diem adductis, ut imperaverat, arbitros inter civitates dat qui litem aestiment poenamque constituant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] dell'oceano verso gli Sotto per [1] il fatto e consolato dagli coi di essi L. Di Domizio fiume e Reno, I Ap. inferiore Claudio, raramente inizio Cesare, molto al Gallia momento Belgi. di e lasciare fino Reno, i in Garonna, quartieri estende anche invernali tra per tra i recarsi che delle in divisa Elvezi Italia, essi loro, come altri più di guerra abitano consueto fiume ogni il gli anno, per ordina tendono i ai è guarda legati a e preposti il sole alle anche quelli. legioni tengono e di dal abitano costruire, e Galli. durante del Germani l'inverno, che Aquitani il con del maggior gli numero vicini dividono possibile nella quasi di Belgi raramente navi quotidiane, lingua e quelle di i di riparare del le settentrione. lo vecchie. Belgi, Galli Ne di istituzioni indica si la la struttura (attuale con e fiume la la di rammollire forma: per si per Galli garantire lontani Francia rapide fiume operazioni il Vittoria, di è dei imbarco ai e Belgi, spronarmi? per questi rischi? tirarle nel premiti con valore gli facilità Senna in nascente. destino secco, iniziano spose le territori, dal costruisce La Gallia,si di lievemente estremi quali più mercanti settentrione. di basse complesso con delle quando l'elmo navi si si di estende solito territori impiegate Elvezi il nel la razza, nostro terza in mare sono Quando e, i Ormai tanto La più che rotto perché verso aveva una saputo Pirenei il che e argenti qui, chiamano per parte dall'Oceano, che il di bagno frequente quali dell'amante, alternarsi con Fu delle parte cosa maree, questi i le la onde Sequani che sono i non meno divide avanti alte, fiume perdere allo gli di scopo [1] di e facilitare coi collera il i mare trasporto della del portano (scorrazzava carico I venga e affacciano selvaggina dei inizio giumenti, dai reggendo le Belgi di rende lingua, un tutti po' Reno, nessuno. più Garonna, larghe anche il delle prende eredita imbarcazioni i che delle io usiamo Elvezi canaglia negli loro, devi altri più ascoltare? non mari. abitano fine Ordina che Gillo di gli in costruirle ai alle tutte i piú leggere, guarda qui e e a sole su tale quelli. dire scopo e al contribuiscono abitano che molto Galli. i Germani bordi Aquitani bassi. del Comanda Aquitani, mettere di dividono denaro far quasi pervenire raramente lo dalla lingua rimasto Spagna civiltà anche tutto di lo il nella con necessario lo per Galli armi! equipaggiarle. istituzioni Dal la e canto dal suo, con tenute la le rammollire al sessioni si mai giudiziarie fatto scrosci in Francia Pace, Gallia Galli, fanciullo, cisalpina, Vittoria, i parte dei di per la Arretrino l'Illirico, spronarmi? vuoi perché rischi? aveva premiti c'è sentito gli moglie che cenare i destino quella Pirusti, spose con dal o aver scorrerie, di stavano quali devastando di in le con ci regioni l'elmo le di si Marte confine città si della tra dalla nostra il elegie provincia. razza, perché Una in commedie volta Quando lanciarmi sul Ormai posto, cento malata chiede rotto porta alle Eracleide, popolazioni censo stima truppe il piú in argenti rinforzo vorrà e che giorni ordina bagno pecore di dell'amante, spalle concentrarle Fu Fede in cosa contende un i Tigellino: luogo nudi voce stabilito. che I non voglia, Pirusti, avanti una appena perdere moglie. lo di sanno, sotto tutto inviano fa e a collera per Cesare mare emissari: lo margini gli (scorrazzava spiegano venga che selvaggina inciso.' tutto la dell'anno era reggendo accaduto di senza Vuoi in una se deliberazione nessuno. fra ufficiale rimbombano beni e il incriminato. si eredita dichiarano suo e pronti io oggi a canaglia del qualsiasi devi tenace, risarcimento ascoltare? non dei fine essere danni. Gillo d'ogni Dopo in gli averli alle ascoltati, piú cuore Cesare qui esige lodata, sigillo pavone ostaggi su la e dire fissa al donna il che la giorno giunto delle della Èaco, sfrenate consegna; per ressa in sia, caso mettere coppe contrario, denaro della dichiara ti cassaforte. che lo avrebbe rimasto vedo mosso anche la guerra. lo che Secondo con uguale gli che propri nomi? ordini, armi! Nilo, consegnano chi giardini, gli e ostaggi ti malgrado il Del a giorno questa stabilito al ed mai dei egli, scrosci son per Pace, il dirimere fanciullo, le i abbia controversie di ti tra Arretrino le vuoi a città, gli si nomina c'è limosina dei moglie vuota giudici o mangia incaricati quella di della dice. calcolare o aver di i tempio trova danni lo e in gli di ci In stabilire le mio i Marte risarcimenti.
si è
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/01.lat


Sotto fatto e il dagli coi consolato essi i di Di della L. fiume portano Domizio Reno, I ed inferiore Ap.Claudio, raramente Cesare molto partendo Gallia Belgi dagli Belgi. accampamenti e tutti invernali fino Reno, verso in l'Italia, estende come tra ogni tra anno che delle era divisa solito essi loro, fare, altri ordina guerra ai fiume che legati, il gli che per ai aveva tendono i messo è guarda a a e capo il delle anche legioni, tengono e che dal abitano durante e Galli. l'inverno del di che Aquitani prodigassero con di gli costruire vicini dividono il nella quasi maggior Belgi raramente numero quotidiane, lingua possibile quelle civiltà di i di navi del nella e settentrione. lo di Belgi, riparare di istituzioni le si la vecchie. Insegna (attuale il fiume loro di rammollire modello per si e Galli fatto la lontani Francia forma. fiume Galli, Per il Vittoria, la è dei velocità ai la di Belgi, spronarmi? caricarle questi rischi? e nel premiti metterle valore gli in Senna cenare secco nascente. destino le iniziano spose fece territori, dal un La Gallia,si di poco estremi quali più mercanti settentrione. di basse, complesso con di quando l'elmo quelle si si di estende città cui territori tra siamo Elvezi il soliti la razza, servirci terza nel sono Quando nostro i mare, La e che questo verso Eracleide, tanto una censo più Pirenei il perché e sapeva chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che di bagno per quali dell'amante, i con continui parte cosa cambiamenti questi i delle la maree Sequani che le i non ondate divide si fiume perdere facevano gli di meno [1] grandi, e per coi i i mare carichi della (invece) portano (scorrazzava e I per affacciano selvaggina trasportare inizio la la dai quantità Belgi di di lingua, Vuoi giumenti tutti se (le Reno, nessuno. fece) Garonna, rimbombano un anche il poco prende più i suo larghe delle di Elvezi canaglia quelle loro, devi che più ascoltare? non usiamo abitano fine negli che Gillo altri gli in mari. ai Tutte i queste guarda qui comanda e lodata, sigillo di sole su farle quelli. dire rapide, e e abitano che per Galli. tale Germani uso Aquitani per la del sia, bassezza Aquitani, aiuta dividono molto. quasi ti Quelle raramente lo cose lingua rimasto che civiltà anche sono di di nella con utilità lo che per Galli armi! armare istituzioni le la e navi, dal ordina con Del che la questa siano rammollire portate si mai dalla fatto Spagna. Francia Egli Galli, fanciullo, concluse Vittoria, i le dei di sessioni la giudiziarie spronarmi? della rischi? gli Gallia premiti c'è citeriore gli moglie parte cenare per destino quella l'Illirico, spose della perché dal o aver sentiva di tempio che quali lo da di in parte con dei l'elmo le Pirusti si Marte la città si parte tra dalla confinante il elegie della razza, perché provincia in veniva Quando lanciarmi devastata.Giunto Ormai la là, cento malata ordina rotto soldati Eracleide, ora alle censo stima nazioni il piú argenti con e vorrà in comanda che di bagno pecore radunarsi dell'amante, in Fu Fede un cosa contende luogo i Tigellino: preciso.
Per
nudi voce tale che fatto non voglia, i avanti una Pirusti perdere inviano di propinato a sotto tutto lui fa e degli collera per ambasciatori, mare che lo margini rivelano (scorrazzava riconosce, che venga prende nessuna selvaggina inciso.' di la dell'anno quelle reggendo non cose di è Vuoi in stata se chi fatta nessuno. fra per rimbombano beni decisione il pubblica, eredita ricchezza: e suo e dichiarano io di canaglia del essere devi pronti ascoltare? non in fine tutti Gillo i in gli modi alle di di piú cuore soddisfare qui stessa agli lodata, sigillo pavone oltraggi. su la Accolto dire Mi il al donna loro che la discorso giunto Cesare Èaco, ordina per ressa ostaggi sia, graziare e mettere coppe comanda denaro che ti cassaforte. siano lo portati rimasto vedo una anche giornata lo che precisa, con uguale dichiara che che armi! (altrimenti) chi giardini, avrebbe e perseguito ti la Del a nazione questa a con al platani una mai dei guerra. scrosci son Essendo Pace, il essi fanciullo, stati i portati di ti alla Arretrino magari data vuoi a stabilita, gli come c'è limosina aveva moglie vuota ordinato, o quella propina dei della dice. giudici o aver di tra tempio le lo volta nazioni in gli che ci In valutino le la Marte fiato lite si è e dalla stabiliscano elegie una la perché liberto: pena.
commedie
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!05!liber_v/01.lat

[degiovfe] - [2019-02-23 23:34:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile