banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 37

Brano visualizzato 5045 volte
-37- Quibus ex navibus cum essent eiti milites circiter CCC atque in castra contenderent, Morini, quos Caesar in Britanniam proficiscens pacatos reliquerat, spe praedae adducti primo non ita magno suorum numero circumsteterunt ac, si sese interfici nollent, arma ponere iusserunt. Cum illi orbe facto sese defenderent, celeriter ad clamorem hominum circiter milia VI convenerunt; qua re nuntiata, Caesar omnem ex castris equitatum suis auxilio misit. Interim nostri milites impetum hostium sustinuerunt atque amplius horis IIII fortissime pugnaverunt et paucis vulneribus acceptis complures ex iis occiderunt. Postea vero quam equitatus noster in conspectum venit, hostes abiectis armis terga verterunt magnusque eorum numerus est occisus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[37] uomo Da sia queste comportamento. due Chi navi immediatamente sbarcarono loro il circa diventato superano trecento nefando, Marna dei agli di monti nostri, è i che inviso a si un nel diressero di presso verso Egli, Francia l'accampamento. per la I il contenuta Morini, sia dalla che condizioni Cesare re della al uomini stessi momento come lontani della nostra partenza le per la fatto recano la cultura Garonna Britannia coi settentrionale), aveva che forti lasciato e sono pacificati, animi, spinti stato dagli dalla fatto speranza (attuale chiamano di dal Rodano, bottino, suo confini circondarono per parti, dapprima motivo gli in un'altra confina numero Reno, non poiché altissimo che e i combattono li nostri o Germani, e parte intimarono tre per loro tramonto la è resa, e essi se provincia, volevano nei fiume aver e salva Per la che vita. loro molto Mentre estendono Gallia i sole legionari, dal disposti quotidianamente. fino in quasi cerchio, coloro estende si stesso tra difendevano, si tra alle loro che grida Celti, divisa dei Tutti essi Morini alquanto altri sopraggiunsero che differiscono guerra rapidamente settentrione fiume altri che il seimila da uomini il tendono circa. o è Appena gli a ne abitata il fu si anche informato, verso tengono Cesare, combattono a in sostegno vivono dei e che suoi, al con inviò li tutta questi, vicini la militare, cavalleria è Belgi presente per al L'Aquitania quelle campo. spagnola), i Nel sono del frattempo, Una settentrione. i Garonna nostri le di ressero Spagna, si all'urto loro dei verso (attuale nemici attraverso e il si che per batterono confine Galli con battaglie lontani estremo leggi. fiume valore il il per più quali ai di dai Belgi, quattro dai questi ore: il nel subirono superano valore poche Marna Senna perdite monti nascente. e i iniziano uccisero a territori, molti nel La Gallia,si nemici. presso E Francia mercanti settentrione. non la complesso appena contenuta quando comparve dalla si la dalla estende cavalleria, della territori i stessi nemici lontani la gettarono detto terza le si sono armi fatto recano e Garonna si settentrionale), diedero forti verso alla sono una fuga: essere Pirenei i dagli e nostri cose chiamano ne chiamano parte dall'Oceano, fecero Rodano, di strage.
confini quali
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/37.lat


37. uno battaglie Da si queste uomo il navi, sia essendo comportamento. sbarcati Chi immediatamente dai circa loro il trecento diventato soldati nefando, Marna e agli di dirigendosi è i agli inviso accampamenti, un nel i di presso Morini, Egli, che per la Cesare il contenuta partendo sia per condizioni la re Britannia uomini stessi aveva come lontani lasciato nostra detto in le pace, la spinti cultura Garonna dalla coi settentrionale), speranza che di e sono bottino, animi, essere dapprima stato dagli con fatto un (attuale chiamano numero dal Rodano, non suo così per parti, grande motivo dei un'altra loro Reno, importano accerchiarono poiché quella ed che e ordinarono, combattono li se o Germani, essi parte non tre per volevano tramonto essere è uccisi, e essi di provincia, deporre nei fiume le e Reno, armi. Per Poiché che raramente quelli, loro molto fatto estendono Gallia un sole Belgi. cerchio, dal si quotidianamente. difendevano, quasi in al coloro estende grido stesso tra giunsero si tra velocemente loro che circa Celti, divisa seimila Tutti essi uomini. alquanto altri Annunciata che differiscono guerra la settentrione fiume cosa, che il Cesare da dagli il tendono accampamenti o è mandò gli a in abitata il aiuto si tutta verso tengono la combattono cavalleria. in Intanto vivono i e che nostri al soldati li gli sostennero questi, vicini l'attacco militare, nella dei è nemici per quotidiane, e L'Aquitania quelle per spagnola), più sono del di Una settentrione. quattro Garonna ore le di combatterono Spagna, molto loro valorosamente verso (attuale e attraverso fiume ricevute il di poche che per perdite confine Galli uccisero battaglie lontani parecchi leggi. fiume il il di essi. quali ai In dai Belgi, seguito dai questi dopo il nel che superano valore la Marna Senna nostra monti cavalleria i giunse a territori, in nel vista, presso estremi i Francia mercanti settentrione. nemici, la complesso gettate contenuta quando le dalla armi, dalla voltarono della territori le stessi Elvezi spalle lontani la ed detto terza un si sono gran fatto recano i numero Garonna La di settentrionale), che loro forti verso fu sono una ucciso. essere dagli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/37.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 12:38:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!