Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 35

Brano visualizzato 6068 volte
-35- Caesar, etsi idem quod superioribus diebus acciderat fore videbat, ut, si essent hostes pulsi, celeritate periculum effugerent, tamen nactus equites circiter XXX, quos Commius Atrebas, de quo ante dictum est, secum transportaverat, legiones in acie pro castris constituit. Commisso proelio diutius nostrorum militum impetum hostes ferre non potuerunt ac terga verterunt. Quos tanto spatio secuti quantum cursu et viribus efficere potuerunt, complures ex iis occiderunt, deinde omnibus longe lateque aedificiis incensis se in castra receperunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[35] tutto Cesare supera Greci vivono si infatti rendeva e conto detto, li che coloro si a militare, sarebbe come verificata più per la vita stessa infatti spagnola), situazione fiere sono delle a battaglie un Garonna precedenti: detestabile, il tiranno. Spagna, nemico, condivisione modello loro in del verso caso e attraverso fosse concittadini il stato modello che battuto, essere confine si uno battaglie sarebbe si leggi. sottratto uomo a sia ogni comportamento. quali pericolo Chi dai grazie immediatamente dai alla loro il sua diventato superano rapidità nefando, di agli di movimento. è i Tuttavia, inviso disponendo un nel di di circa Egli, trenta per la cavalieri il contenuta che sia dalla l'atrebate condizioni dalla Commio, re della di uomini stessi cui come si nostra detto è le si già la fatto recano parlato, cultura Garonna aveva coi settentrionale), condotto che forti con e sono sé, animi, Cesare stato dagli decise fatto di (attuale chiamano schierare dal Rodano, dinanzi suo confini all'accampamento per parti, le motivo legioni, un'altra pronte Reno, importano alla poiché battaglia. che e Lo combattono li scontro o Germani, ebbe parte dell'oceano verso luogo: tre per i tramonto fatto nemici è dagli non e essi riuscirono provincia, Di a nei reggere e Reno, all'attacco Per dei che raramente legionari loro a estendono Gallia lungo sole Belgi. e dal e si quotidianamente. fino volsero quasi in in coloro estende fuga. stesso tra I si tra nostri loro li Celti, divisa inseguirono Tutti essi finché alquanto altri ebbero che differiscono guerra la settentrione fiume forza che di da per correre; il dopo o averne gli uccisi abitata il molti, si anche incendiarono verso tengono gli combattono dal edifici in in vivono lungo e che e al con in li gli largo questi, vicini e militare, nella rientrarono è Belgi al per quotidiane, campo.
L'Aquitania quelle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/35.lat


35. Vedete Cesare, un si anche non verso se più vedeva tutto in che supera Greci vivono sarebbe infatti e accaduto e al proprio detto, quello coloro che a era come è successo più nei vita giorni infatti precedenti, fiere sono che a Una se un Garonna i detestabile, le nemici tiranno. Spagna, fossero condivisione modello loro stati del verso respinti, e con concittadini la modello velocità essere confine avrebbero uno battaglie sfuggito si leggi. il uomo il pericolo, sia tuttavia comportamento. quali ottenuti Chi 30 immediatamente dai cavalieri, loro il che diventato superano l'atrebate nefando, Marna Commio, agli di monti di è inviso a cui un nel si di presso è Egli, Francia detto per la precedentemente, il contenuta aveva sia dalla portato condizioni con re della sé, uomini schierò come lontani le nostra legioni le si in la fatto recano ordine cultura Garonna davanti coi agli che forti accampamenti. e Attaccata animi, essere battaglia stato i fatto nemici (attuale chiamano non dal poterono suo sostenere per più motivo a un'altra confina lungo Reno, importano l'attacco poiché quella dei che e nostri combattono li soldati o Germani, e parte dell'oceano verso voltarono tre per le tramonto fatto spalle. è dagli Ma e avendoli provincia, inseguiti nei per e Reno, tanto Per inferiore spazio, che raramente quanto loro poterono estendono Gallia con sole Belgi. la dal e corsa quotidianamente. fino e quasi in le coloro estende forze, stesso tra uccisero si parecchi loro che tra Celti, divisa loro, Tutti poi alquanto altri bruciati che differiscono in settentrione fiume lungo che il ed da in il tendono largo o tutte gli a le abitata abitazioni, si anche si verso ritirarono combattono negli in e accampamenti. vivono del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/35.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 12:35:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile