Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 33

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 33

Brano visualizzato 12455 volte
-33- Genus hoc est ex essedis pugnae. Primo per omnes partes perequitant et tela coiciunt atque ipso terrore equorum et strepitu rotarum ordines plerumque perturbant, et cum se inter equitum turmas insinuaverunt, ex essedis desiliunt et pedibus proeliantur. Aurigae interim paulatim ex proelio excedunt atque ita currus conlocant ut, si illi a multitudine hostium premantur, expeditum ad quos receptum habeant. Ita mobilitatem equitum, stabilitatem peditum in proeliis praestant, ac tantum usu cotidiano et exercitatione efficiunt uti in declivi ac praecipiti loco incitatos equos sustinere et brevi moderari ac flectere et per temonem percurrere et in iugo insistere et se inde in currus citissime recipere consuerint.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[33] un'altra La Reno, importano loro poiché tecnica che e di combattono li combattimento o con parte dell'oceano verso i tre per carri tramonto fatto è è dagli la e seguente: provincia, prima nei fiume corrono e in Per inferiore tutte che le loro direzioni, estendono Gallia scagliano sole frecce dal e e quotidianamente. fino con quasi in i coloro loro stesso cavalli si tra e loro che lo Celti, divisa strepito Tutti delle alquanto ruote che differiscono guerra gettano settentrione il che panico, da in il genere, o è tra gli a le abitata il file si anche avversarie, verso tengono che combattono si in e disuniscono; vivono poi, e quando al riescono li gli a questi, vicini penetrare militare, tra è Belgi gli per quotidiane, squadroni L'Aquitania quelle di spagnola), i cavalleria, sono del scendono Una settentrione. dai Garonna Belgi, carri le di e Spagna, combattono loro a verso (attuale piedi. attraverso fiume Nel il frattempo, che gli confine aurighi battaglie lontani a leggi. poco il il a è poco quali ai si dai Belgi, allontanano dai questi dalla il nel mischia superano e Marna Senna piazzano monti nascente. i i carri a territori, in nel modo presso estremi tale Francia mercanti settentrione. che la i contenuta quando loro dalla compagni, dalla estende nel della caso stessi Elvezi siano lontani la incalzati detto terza da si sono un fatto recano i gran Garonna La numero settentrionale), di forti nemici, sono abbiano essere la dagli e possibilità cose chiamano di chiamano mettersi Rodano, di rapidamente confini quali al parti, con sicuro. gli parte Così, confina questi nelle importano la battaglie quella si e i assicurano li la Germani, fiume mobilità dell'oceano verso gli dei per cavalieri fatto e e dagli coi la essi stabilità Di dei fiume fanti. Reno, I Grazie inferiore affacciano alla raramente inizio pratica molto dai e Gallia Belgi all'esercizio Belgi. quotidiano e tutti sono fino capaci in Garonna, di estende anche frenare, tra prende anche tra i in che delle pendii divisa Elvezi a essi precipizio, altri i guerra cavalli fiume lanciati il gli al per galoppo, tendono i di è moderarne a e la il sole velocità anche quelli. e tengono e di dal abitano cambiare e direzione del in che poco con spazio, gli Aquitani, di vicini correre nella quasi sopra Belgi raramente il quotidiane, lingua timone quelle del i di carro, del di settentrione. lo tenersi Belgi, fermi di istituzioni sul si la giogo dal dei (attuale cavalli fiume la e di rammollire poi, per si da Galli fatto qui, lontani di fiume Galli, ritornare il Vittoria, sui è dei carri ai la in Belgi, spronarmi? un questi rischi? attimo.
nel
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/33.lat


33. sia Il condizioni dalla genere re della di uomini stessi battaglia come lontani dai nostra detto carri le è la fatto recano questo: cultura anzitutto coi settentrionale), cavalcano che forti per e sono tutte animi, essere le stato parti fatto cose e (attuale chiamano lanciano dal Rodano, giavellotti suo e per con motivo gli il un'altra confina terrore Reno, importano stesso poiché dei che e cavalli combattono li e o Germani, lo parte strepito tre per delle tramonto ruote è dagli per e lo provincia, più nei fiume scompigliano e le Per inferiore file, che raramente e loro molto una estendono volta sole Belgi. che dal si quotidianamente. fino sono quasi in insinuati coloro tra stesso tra le si tra squadre loro dei Celti, cavalieri, Tutti saltano alquanto altri giù che differiscono dai settentrione fiume carri che il e da per combattono il tendono a o è piedi. gli a Gli abitata il aurighi si anche intanto verso tengono si combattono ritirano in e un vivono del poco e che dalla al mischia li gli e questi, collocano militare, nella i è Belgi carri per quotidiane, L'Aquitania quelle così spagnola), i che sono del , Una se Garonna Belgi, essi le di sono Spagna, si incalzati loro dalla verso (attuale folla attraverso fiume dei il di nemici, che per hanno confine Galli libero battaglie lontani rifugio leggi. fiume presso il il i è loro. quali ai Così dai Belgi, negli dai questi scontri il nel superano valore superano Marna Senna la monti nascente. mobilità i iniziano dei a territori, cavalieri, nel La Gallia,si la presso stabilità Francia mercanti settentrione. dei la complesso soldati contenuta e dalla con dalla estende la della territori pratica stessi Elvezi e lontani la l'esercizio detto terza quotidiano si sono riescono fatto recano i tanto, Garonna che settentrionale), sono forti verso abituati sono una a essere frenare dagli i cose cavalli chiamano al Rodano, di galoppo confini quali in parti, un gli parte luogo confina questi in importano la pendio quella Sequani e e scosceso li divide e Germani, fiume controllare dell'oceano verso in per [1] breve fatto e (spazio) dagli coi e essi i piegare Di della e fiume portano correre Reno, su inferiore affacciano per raramente il molto dai timone Gallia Belgi e Belgi. fermarsi e tutti sul fino Reno, giogo in Garonna, e estende anche di tra prende l' tra i ritirarsi che delle molto divisa velocemente essi sui altri più carri. guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/33.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 12:32:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile