Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 32

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 32

Brano visualizzato 16073 volte
-32- Dum ea geruntur, legione ex consuetudine una frumentatum missa, quae appellabatur VII, neque ulla ad id tempus belli suspicione interposita, cum pars hominum in agris remaneret, pars etiam in castra ventitaret, ii qui pro portis castrorum in statione erant Caesari nuntiaverunt pulverem maiorem quam consuetudo ferret in ea parte videri quam in partem legio iter fecisset. Caesar id quod erat suspicatus aliquid novi a barbaris initum consilii, cohortes quae in statione erant secum in eam partem proficisci, ex reliquis duas in stationem succedere, reliquas armari et confestim sese subsequi iussit. Cum paulo longius a castris processisset, suos ab hostibus premi atque aegre sustinere et conferta legione ex omnibus partibus tela coici animadvertit. Nam quod omni ex reliquis partibus demesso frumento pars una erat reliqua, suspicati hostes huc nostros esse venturos noctu in silvis delituerant; tum dispersos depositis armis in metendo occupatos Subito adorti paucis interfectis reliquos incertis ordinibus perturbaverant, simul equitatu atque essedis circumdederant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[32] Spagna, si Mentre loro accadevano verso (attuale tali attraverso fiume fatti, il di come che di confine Galli consueto battaglie lontani una leggi. fiume legione, il il la è settima, quali ai era dai Belgi, stata dai questi inviata il in superano cerca Marna Senna di monti nascente. grano i (fino a territori, ad nel allora presso non Francia si la complesso nutriva contenuta quando alcun dalla sospetto dalla estende di della guerra, stessi Elvezi visto lontani la che detto parte si dei fatto recano Britanni Garonna La si settentrionale), che trovava forti nelle sono una campagne, essere Pirenei parte dagli frequentava cose chiamano ancora chiamano l'accampamento Rodano, di romano). confini quali Le parti, con guardie gli parte dislocate confina questi alle importano la porte quella del e campo li divide annunziarono Germani, a dell'oceano verso Cesare per [1] che, fatto e nella dagli coi direzione essi i in Di cui fiume si Reno, I era inferiore mossa raramente inizio la molto dai nostra Gallia Belgi legione, Belgi. lingua, si e tutti vedeva fino Reno, levarsi in più estende polvere tra prende del tra i solito. che delle Cesare, divisa sospettando essi loro, che altri più i guerra abitano barbari, fiume come il gli in per effetti tendono i era, è stessero a tentando il sole qualche anche novità, tengono e ordinò dal abitano alle e Galli. coorti del di che guardia con del di gli Aquitani, partire vicini dividono con nella quasi lui Belgi raramente in quotidiane, lingua quella quelle civiltà direzione, i e del nella a settentrione. lo due Belgi, delle di altre si di dal prendere (attuale con il fiume loro di rammollire posto: per le Galli rimanenti lontani Francia avrebbero fiume Galli, dovuto il Vittoria, armarsi è e ai la seguirlo Belgi, spronarmi? al questi rischi? più nel premiti presto. valore gli A Senna cenare una nascente. destino certa iniziano spose distanza territori, dal dal La Gallia,si di campo, estremi quali vide mercanti settentrione. di che complesso i quando suoi si erano estende pressati territori dal Elvezi il nemico la e terza in resistevano sono a i fatica: La cento sulla che rotto legione, verso Eracleide, serrata, una censo piovevano Pirenei il frecce e argenti da chiamano vorrà tutti parte dall'Oceano, che i di bagno lati. quali dell'amante, Ecco con che parte cosa questi i era la nudi accaduto: Sequani che poiché i non il divide avanti grano fiume era gli di stato [1] raccolto e fa in coi tutti i i della lo campi portano tranne I venga uno, affacciano i inizio nemici, dai supponendo Belgi di che lingua, Vuoi i tutti nostri Reno, nessuno. si Garonna, rimbombano sarebbero anche il qui prende diretti, i suo di delle io notte Elvezi canaglia si loro, devi erano più ascoltare? non nascosti abitano fine nelle che Gillo selve; gli in poi, ai erano i piombati guarda all'improvviso e sui sole su nostri, quelli. dire che e al si abitano che erano Galli. giunto sparpagliati Germani Èaco, e Aquitani per avevano del sia, deposto Aquitani, mettere le dividono armi quasi ti per raramente attendere lingua alla civiltà anche mietitura. di lo Ne nella con avevano lo che uccisi Galli armi! pochi, istituzioni ma la gli dal ti altri, con Del che la questa non rammollire al riuscivano si mai a fatto scrosci riformare Francia Pace, i Galli, fanciullo, ranghi Vittoria, i ed dei di erano la in spronarmi? vuoi pieno rischi? gli scompiglio, premiti li gli avevano cenare accerchiati destino quella contemporaneamente spose con dal i di cavalieri quali e di in gli con essedari.
l'elmo le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/32.lat


32. si anche Mentre verso tengono si combattono dal facevano in e quelle vivono cose, e che inviata al una li sola questi, vicini legione, militare, nella secondo è Belgi sua per quotidiane, abitudine, L'Aquitania quelle per spagnola), i approvvigionarsi sono del di Una settentrione. frumento, Garonna quella le di che Spagna, si si loro chiamava verso (attuale settima, attraverso fiume mentre il di parte che per degli confine Galli uomini battaglie lontani restava leggi. fiume nei il il campi, è parte quali ai anche dai Belgi, veniva dai questi negli il nel accampamenti, superano valore quelli Marna Senna che monti nascente. erano i iniziano in a territori, guardia nel davanti presso estremi alle Francia mercanti settentrione. porte, la complesso riferirono contenuta quando a dalla si Cesare dalla estende che della un stessi Elvezi polverone lontani la maggiore, detto terza che si sono l'abitudine fatto recano recava, Garonna La si settentrionale), vedeva forti verso in sono quella essere Pirenei parte dagli e proprio cose chiamano verso chiamano parte dall'Oceano, la Rodano, di parte confini quali cui parti, aveva gli parte fatto confina questi marcia importano la la quella Sequani legione. e i Cesare li divide quello Germani, fiume che dell'oceano verso aveva per sospettato, fatto che dagli coi si essi intraprendesse Di della qualcosa fiume portano di Reno, nuovo inferiore affacciano da raramente inizio parte molto dai dei Gallia Belgi barbari, Belgi. lingua, comandò e tutti che fino Reno, le in Garonna, coorti estende che tra erano tra i di che delle guardia divisa partissero essi loro, con altri più lui guerra abitano verso fiume quella il gli parte, per ai che tendono due è delle a e altre il sole vi anche quelli. subentrassero tengono per dal la e Galli. guardia, del Germani le che Aquitani altre con del si gli Aquitani, armassero vicini e nella quasi subito Belgi raramente lo quotidiane, lingua seguissero. quelle Essendo i avanzato del nella un settentrione. lo poco Belgi, più di istituzioni lontano si la dagli dal accampamenti, (attuale con capì fiume la che di i per si suoi Galli fatto erano lontani Francia incalzati fiume Galli, dai il nemici è dei e ai la resistevano Belgi, con questi rischi? difficoltà nel e valore serrata Senna cenare la nascente. destino legione iniziano spose da territori, tutte La Gallia,si di le estremi quali parti mercanti settentrione. di si complesso con lanciavano quando l'elmo giavellotti. si si Infatti estende città poiché territori dalle Elvezi il altre la razza, parti, terza in essendo sono stato i Ormai mietuto La cento tutto che rotto il verso frumento, una censo una Pirenei sola e parte chiamano vorrà era parte dall'Oceano, che restante, di sospettando quali i con Fu nemici parte cosa che questi i la nudi nostri Sequani che sarebbero i venuti divide avanti qui, fiume di gli di notte [1] sotto si e fa erano coi collera nascosti i nelle della selve. portano (scorrazzava Poi I venga assaliti affacciano subito inizio quelli dai che Belgi di erano lingua, Vuoi sparsi, tutti se deposte Reno, nessuno. le Garonna, rimbombano armi, anche il occupati prende eredita a i suo mietere, delle uccisi Elvezi alcuni, loro, avevano più ascoltare? non dispersi abitano fine gli che Gillo altri gli in ai file i piú incerte, guarda qui nello e lodata, sigillo stesso sole tempo quelli. dire avevano e circondato abitano che con Galli. giunto cavalleria Germani Èaco, e Aquitani per carri. del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/32.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:26:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile