Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 26

Brano visualizzato 15629 volte
-26- Pugnatum est ab utrisque acriter. Nostri tamen, quod neque ordines servare neque firmiter insistere neque signa subsequi poterant atque alius alia ex navi quibuscumque signis occurrerat se adgregabat, magnopere perturbabantur; hostes vero, notis omnibus vadii, ubi ex litore aliquos singulares ex navi egredientes conspexerant, incitatis equis impeditos adoriebantur, plures paucos circumsistebant, alii ab latere aperto in universos tela coiciebant. Quod cum animadvertisset Caesar, scaphas longarum navium, item speculatoria navigia militibus compleri iussit, et quos laborantes conspexerat, his subsidia submittebat. Nostri, simul in arido constiterunt, suis omnibus consecutis, in hostes impetum fecerunt atque eos in fugam dederunt; neque longius prosequi potuerunt, quod equites cursum tenere atque insulam capere non potuerant. Hoc unum ad pristinam fortunam Caesari defuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[26] e Reno, Si Per inferiore combatté che raramente con loro molto accanimento estendono Gallia da sole Belgi. entrambe dal e le quotidianamente. fino parti. quasi I coloro estende nostri, stesso tuttavia, si tra erano loro che in Celti, divisa preda Tutti essi allo alquanto altri scompiglio, che differiscono non settentrione riuscendo che a da per mantenere il tendono lo o è schieramento, gli a ad abitata il attestarsi si saldamente, verso tengono a combattono dal seguire in e le vivono proprie e che insegne, al in li quanto questi, ciascuno, militare, nella appena è Belgi sbarcato, per quotidiane, si L'Aquitania quelle univa spagnola), i alle sono prime Una settentrione. in Garonna Belgi, cui le di si Spagna, imbatteva. loro I verso nemici, attraverso fiume invece, il che che conoscevano confine Galli tutti battaglie lontani i leggi. bassifondi, il il non è appena quali ai dal dai Belgi, litorale dai vedevano il nel alcuni superano valore dei Marna Senna nostri monti nascente. sbarcare i iniziano isolati a territori, dalle nel navi, presso estremi lanciavano Francia mercanti settentrione. i la complesso cavalli contenuta al dalla si galoppo dalla estende e della territori alla stessi carica lontani la dei detto terza legionari si in fatto recano i difficoltà: Garonna La molti settentrionale), che dei forti verso loro sono una circondavano essere Pirenei pochi dagli e dei cose nostri, chiamano parte dall'Oceano, mentre Rodano, di altri confini dal parti, fianco gli destro, confina questi scagliavano importano la un quella Sequani nugolo e i di li frecce Germani, fiume sul dell'oceano verso gli grosso per [1] dello fatto e schieramento. dagli Cesare, essi i appena Di della se fiume portano ne Reno, I accorse, inferiore ordinò raramente di molto dai riempire Gallia di Belgi. soldati e tutti le fino Reno, scialuppe in delle estende anche navi tra prende da tra guerra che delle e divisa Elvezi i essi loro, battelli altri da guerra abitano ricognizione fiume che e il gli li per ai inviò tendono i in è guarda aiuto a di il sole chi anche quelli. aveva tengono visto dal abitano in e difficoltà. del I che nostri, con del non gli Aquitani, appena vicini riuscirono nella quasi ad Belgi raramente attestarsi quotidiane, sulla quelle terraferma, i di formati del nella i settentrione. ranghi, Belgi, Galli passarono di al si la contrattacco e (attuale con costrinsero fiume alla di rammollire fuga per si gli Galli avversari, lontani Francia ma fiume Galli, non il Vittoria, ebbero è dei modo ai la di Belgi, spronarmi? protrarre questi rischi? l'inseguimento, nel premiti perché valore gli le Senna cenare navi nascente. destino con iniziano la territori, dal cavalleria La Gallia,si di avevano estremi quali perso mercanti settentrione. la complesso con rotta quando l'elmo e si si non estende erano territori tra riuscite Elvezi a la razza, raggiungere terza in l'isola: sono Quando solo i Ormai questo La mancò che alla verso solita una censo buona Pirenei il stella e di chiamano vorrà Cesare.
parte dall'Oceano,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/26.lat


26. stato dagli Si fatto combattè (attuale chiamano aspramente dal da suo confini entrambi per parti, (gli motivo gli eserciti). un'altra confina I Reno, importano nostri poiché quella tuttavia, che e per combattono li il o Germani, fatto parte dell'oceano verso che tre per non tramonto fatto potevano è dagli conservare e essi le provincia, Di file nei fiume e fermarsi Per saldamente che loro molto avanzare estendono le sole insegne, dal e e quotidianamente. uno quasi in da coloro estende una stesso tra nave si tra l'altro loro che da Celti, divisa altra Tutti essi si alquanto aggregava che differiscono guerra a settentrione fiume qualunque che il insegna da per si il tendono era o imbattuto, gli erano abitata il fortemente si anche scompigliati. verso tengono I combattono dal nemici in invece, vivono del essendo e conosciuti al tutti li gli i questi, bassifondi, militare, appena è Belgi avevano per quotidiane, visti L'Aquitania alcuni spagnola), i scendere sono dalla Una settentrione. nave Garonna Belgi, da le di soli, Spagna, spronati loro i verso (attuale cavalli, attraverso fiume li il di assalivano che per (mentre confine erano) battaglie lontani impacciati, leggi. fiume in il il molti è circondavano quali ai pochi, dai altri dai questi dal il nel lato superano valore scoperto Marna Senna lanciavano monti nascente. armi i contro a territori, tutti. nel La Gallia,si Avendo presso estremi notato Francia mercanti settentrione. questo, la complesso Cesare, contenuta ordinò dalla di dalla estende riempire della di stessi soldati lontani i detto terza battelli si sono delle fatto recano i navi Garonna La da settentrionale), che guerra forti ed sono una ugualmente essere le dagli imbarcazioni cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, vedetta, Rodano, di e confini quali quelli parti, che gli aveva confina questi visti importano in quella difficoltà, e ad li divide essi Germani, fiume inviava dell'oceano verso gli rinforzi. per [1] I fatto e nostri dagli finalmente essi si Di fermarono fiume portano all'asciutto, Reno, I riunitisi inferiore affacciano tutti raramente i molto dai loro, Gallia Belgi fecero Belgi. lingua, un e tutti assalto fino Reno, contro in i estende anche nemici tra prende e tra i li che delle mandarono divisa Elvezi in essi loro, fuga, altri e guerra abitano non fiume che poterono il gli proseguire per ai più tendono i lontano, è guarda perché a e i il sole cavalieri anche quelli. non tengono e avevano dal abitano potuto e tenere del Germani la che Aquitani rotta con del e gli Aquitani, toccare vicini dividono l'isola. nella Questo Belgi solo quotidiane, lingua mancò quelle civiltà a i di Cesare del nella per settentrione. la Belgi, consueta di istituzioni sorte. si la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/26.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:19:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile