banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 22

Brano visualizzato 38610 volte
-22- Dum in his locis Caesar navium parandarum causa moratur, ex magna parte Morinorum ad eum legati venerunt, qui se de superioris temporis consilio excusarent, quod homines barbari et nostrae consuetudinis imperiti bellum populo Romano fecissent, seque ea quae imperasset facturos pollicerentur. Hoc sibi Caesar satis oportune accidisse arbitratus, quod neque post tergum hostem relinquere volebat neque belli gerendi propter anni tempus facultatem habebat neque has tantularum rerum occupationes Britanniae anteponendas iudicabat, magnum iis numerum obsidum imperat. Quibus adductis eos in fidem recipit. Navibus circiter LXXX onerariis coactis contractisque, quot satis esse ad duas transportandas legiones existimabat, quod praeterea navium longarum habebat quaestori, legatis praefectisque distribuit. Huc accedebant XVIII onerariae naves, quae ex eo loco a milibus passuum VIII vento tenebantur quo minus in eundem portum venire possent: has equitibus tribuit. Reliquum exercitum Q. Titurio Sabino et L. Aurunculeio Cottae legatis in Menapios atque in eos pagos Morinorum a quibus ad eum legati non venerant ducendum dedit. P. Sulpicium Rufum legatum cum eo praesidio quod satis esse arbitrabatur portum tenere iussit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[22] Garonna Belgi, Mentre le di per Spagna, si preparare loro la verso flotta attraverso fiume Cesare il di si che attardava confine Galli nei battaglie territori leggi. dei il Morini, molte quali ai tribù dai Belgi, della dai questi regione il nel gli superano inviarono Marna Senna emissari monti nascente. per i scusarsi a della nel La Gallia,si loro presso condotta Francia mercanti settentrione. passata, la quando, contenuta quando barbari dalla si e dalla estende ignari della delle stessi nostre lontani consuetudini, detto terza avevano si sono mosso fatto recano guerra Garonna La al settentrionale), che popolo forti romano: sono una adesso essere Pirenei promettevano dagli e ubbidienza cose chiamano ai chiamano suoi Rodano, ordini. confini quali Cesare parti, con la gli giudicò confina questi una importano la circostanza quella Sequani veramente e i favorevole, li divide perché Germani, fiume non dell'oceano verso gli voleva per [1] lasciarsi fatto un dagli coi nemico essi i alle Di spalle fiume e, Reno, I con inferiore affacciano l'estate raramente inizio che molto dai volgeva Gallia al Belgi. lingua, termine, e tutti non fino Reno, aveva in Garonna, il estende anche tempo tra di tra i sostenere che delle una divisa Elvezi guerra; essi loro, inoltre, altri più stimava guerra abitano di fiume non il gli dover per ai anteporre tendono un è problema a e di il sole così anche quelli. lieve tengono e entità dal abitano alla e Britannia; del Germani pretese, che allora, con del la gli Aquitani, consegna vicini dividono di nella quasi un Belgi raramente alto quotidiane, numero quelle di i di ostaggi. del Ricevuti settentrione. lo i Belgi, Galli quali, di istituzioni pose si i dal Morini (attuale sotto fiume la la di propria per protezione. Galli fatto Circa lontani Francia ottanta fiume navi il Vittoria, da è carico, ai la numero Belgi, che questi giudicava nel sufficiente valore gli per Senna cenare il nascente. destino trasporto iniziano delle territori, dal legioni, La Gallia,si di vennero estremi quali radunate mercanti settentrione. di e complesso con munite quando l'elmo di si si tolde. estende città Le territori navi Elvezi da la razza, guerra terza in di sono cui i Ormai disponeva La vennero che rotto suddivise verso tra una censo il Pirenei il questore, e i chiamano vorrà legati parte dall'Oceano, e di i quali dell'amante, prefetti. con Fu A parte esse questi i si la nudi aggiungevano Sequani che altre i diciotto divide avanti navi fiume perdere da gli di carico, [1] che e fa erano coi a i mare otto della lo miglia portano di I venga distanza affacciano selvaggina e inizio non dai riuscivano Belgi di a lingua, Vuoi raggiungere tutti il Reno, nessuno. porto Garonna, rimbombano per anche il via prende eredita del i suo vento: delle le Elvezi canaglia riservò loro, devi alla più ascoltare? non cavalleria. abitano fine Ai che Gillo legati gli in Q. ai alle Titurio i piú Sabino guarda qui e e lodata, sigillo L. sole su Aurunculeio quelli. dire Cotta e al affidò abitano che il Galli. resto Germani dell'esercito Aquitani per col del compito Aquitani, di dividono denaro guidarlo quasi ti contro raramente i lingua Menapi civiltà anche e di le nella con tribù lo che dei Galli Morini istituzioni che la e non dal avevano con inviato la questa ambascerie. rammollire Lasciò si al fatto scrosci legato Francia Pace, P. Galli, Sulpicio Vittoria, Rufo dei di una la Arretrino guarnigione spronarmi? giudicata rischi? gli sufficiente, premiti c'è con gli moglie l'ordine cenare di destino presidiare spose il dal porto.
di tempio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/22.lat


Mentre militare, nella Cesare è Belgi si per quotidiane, ferma L'Aquitania quelle in spagnola), quei sono del luoghi Una settentrione. per Garonna Belgi, allestire le di le Spagna, navi, loro dalla verso (attuale gran attraverso fiume parte il dei che per Morini confine Galli giunsero battaglie lontani a leggi. lui il il ambasciatori che quali ai si dai scusavano dai questi della il decisione superano valore precedente, Marna Senna perché monti nascente. uomini i barbari a territori, ed nel inesperti presso della Francia mercanti settentrione. nostra la tradizione contenuta quando avevan dalla si fatto dalla estende guerra della al stessi Elvezi popolo lontani la romano detto terza e si promettevano fatto recano i di Garonna La fare settentrionale), che le forti cose sono una che essere Pirenei lui dagli avesse cose comandato.Cesare chiamano parte dall'Oceano, ritenendo Rodano, che confini quali questo parti, era gli accaduto confina questi opportunamente, importano la poiché quella Sequani non e voleva li divide Germani, fiume lasciare dell'oceano verso gli il per nemico fatto e alle dagli coi spalle essi i e Di non fiume portano aveva Reno, I la inferiore affacciano possibilità raramente inizio per molto dai il Gallia periodo Belgi. dell'anno e tutti di fino fare in Garonna, la estende anche guerra tra prende tra i giudicava che delle che divisa bisognasse essi anteporre altri l'impegno guerra abitano di fiume che cose il gli da per ai poco tendono i alla è guarda Britannia, a ordina il loro anche quelli. un tengono gran dal numero e Galli. di del Germani ostaggi.Essendo che Aquitani stati con del condotti gli Aquitani, questi, vicini dividono li nella quasi accoglie Belgi raramente in quotidiane, protezione.Riunite quelle civiltà circa i di 80 del nella navi settentrione. da Belgi, Galli carico, di istituzioni e si raccolte dal quante (attuale con pensava fiume la esser di rammollire sufficienti per si per Galli fatto trasportare lontani Francia due fiume Galli, legioni, il quello è dei che ai la aveva Belgi, spronarmi? in questi rischi? più nel premiti tra valore le Senna cenare navi nascente. da iniziano guerra, territori, questi La Gallia,si di lo estremi quali consegnò mercanti settentrione. ad complesso un quando l'elmo questore, si si a estende città legati territori e Elvezi il prefetti.A la razza, questo terza in s'aggiungevano sono Quando 18 i navi La cento da che rotto carico, verso Eracleide, che una censo erano Pirenei il bloccate e dal chiamano vorrà vento parte dall'Oceano, che a di bagno otto quali dell'amante, mila con Fu passi parte cosa da questi i quel la nudi luogo, Sequani che di i non poter divide avanti giungere fiume perdere nello gli di stesso [1] sotto porto; e fa queste coi collera le i mare diede della ai portano (scorrazzava cavalieri.L'esercito I venga rimanente affacciano selvaggina lo inizio la diede dai ai Belgi di legati lingua, Vuoi Q. tutti Titurio Reno, Sabino Garonna, rimbombano e anche il L. prende Aurunculeio i Cotta, delle io da Elvezi guidare loro, devi verso più i abitano fine Menapi che Gillo ed gli in in ai alle quei i cantoni guarda qui dei e lodata, sigillo Morini, sole su da quelli. parte e al dei abitano che quali Galli. giunto non Germani gli Aquitani per eran del sia, giunti Aquitani, ambasciatori;ordinò dividono denaro che quasi il raramente lo legato lingua P. civiltà Sulpicio di lo Rufo nella con occupasse lo che il Galli armi! porto istituzioni con la quella dal ti guarnigione con Del che la questa riteneva rammollire al fosse si mai sufficiente. fatto scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!