Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 21

Brano visualizzato 34320 volte
-21- Ad haec cognoscenda, prius quam periculum faceret, idoneum esse arbitratus C. Volusenum cum navi longa praemittit. Huic mandat ut exploratis omnibus rebus ad se quam primum revertatur. Ipse cum omnibus copiis in Morinos proficiscitur, quod inde erat brevissimus in Britanniam traiectus. Huc naves undique ex finitimis regionibus et quam superiore aestate ad Veneticum bellum fecerat classem iubet convenire. Interim, consilio eius cognito et per mercatores perlato ad Britannos, a compluribus insulae civitatibus ad eum legati veniunt, qui polliceantur obsides dare atque imperio populi Romani obtemperare. Quibus auditis, liberaliter pollicitus hortatusque ut in ea sententia permanerent, eos domum remittit et cum iis una Commium, quem ipse Atrebatibus superatis regem ibi constituerat, cuius et virtutem et consilium probabat et quem sibi fidelem esse arbitrabatur cuiusque auctoritas in his regionibus magni habebatur, mittit. Huic imperat quas possit adeat civitates horteturque ut populi Romani fidem sequantur seque celeriter eo venturum nuntiet. Volusenus perspectis regionibus omnibus quantum ei facultatis dari potuit, qui navi egredi ac se barbaris committere non auderet, V. die ad Caesarem revertitur quaeque ibi perspexisset renuntiat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[21] della territori Allo stessi scopo lontani la di detto terza raccogliere si sono informazioni fatto recano in Garonna La proposito, settentrionale), che prima forti verso di sono una affrontare essere Pirenei l'impresa, dagli e Cesare cose manda chiamano in Rodano, di avanscoperta confini quali una parti, con nave gli parte da confina questi guerra importano la agli quella Sequani ordini e di li C. Germani, fiume Voluseno, dell'oceano verso gli ritenendolo per adatto fatto e per dagli coi la essi i missione. Di della Lo fiume incarica Reno, di inferiore affacciano rientrare raramente inizio al molto più Gallia Belgi presto, Belgi. lingua, una e tutti volta fino Reno, terminata in Garonna, la estende anche ricognizione. tra prende Dal tra canto che suo, divisa con essi loro, l'esercito altri più al guerra completo fiume si il gli dirige per nei tendono i territori è guarda dei a Morini, il sole perché anche da tengono e dal abitano il e Galli. tragitto del verso che Aquitani la con Britannia gli era vicini dividono il nella quasi più Belgi raramente breve. quotidiane, lingua Ordina quelle civiltà che i qui del nella si settentrione. lo radunino Belgi, le di istituzioni navi si la provenienti da (attuale con tutte fiume la le di rammollire regioni per si limitrofe Galli fatto e lontani Francia la fiume Galli, flotta il Vittoria, allestita è dei l'estate ai la precedente Belgi, spronarmi? per questi rischi? la nel premiti guerra valore contro Senna i nascente. destino Veneti. iniziano spose Nel territori, dal frattempo, La Gallia,si di le estremi sue mercanti settentrione. manovre complesso vengono quando l'elmo risapute si si e estende i territori mercanti Elvezi il le la razza, riferiscono terza ai sono Britanni: i da La cento parte che rotto di verso Eracleide, molti una popoli Pirenei il dell'isola e giungono chiamano messi parte dall'Oceano, per di bagno promettere quali dell'amante, che con Fu avrebbero parte cosa consegnato questi i ostaggi la e Sequani si i sarebbero divide avanti sottomessi fiume perdere al gli di dominio [1] sotto del e popolo coi collera romano. i mare Cesare della li portano (scorrazzava ascolta I venga e, affacciano selvaggina esortandoli inizio a dai reggendo non Belgi di mutare lingua, parere, tutti se con Reno, nessuno. benevoli Garonna, rimbombano promesse anche il li prende eredita rimanda i in delle io patria Elvezi canaglia accompagnati loro, devi da più ascoltare? non Commio, abitano fine che che Gillo in gli Britannia ai godeva i piú di guarda qui grande e autorità: sole su Cesare quelli. ne e stimava abitano il Galli. valore Germani Èaco, e Aquitani per l'intelligenza del sia, e Aquitani, mettere lo dividono riteneva quasi fedele raramente lo al lingua rimasto punto civiltà che di lo lo nella con aveva lo che designato Galli armi! re istituzioni chi degli la Atrebati dal ti dopo con averli la questa sconfitti rammollire in si mai battaglia. fatto A Francia Pace, Commio Galli, fanciullo, Vittoria, ordine dei di la Arretrino prendere spronarmi? vuoi contatti rischi? gli con premiti il gli maggior cenare o numero destino quella di spose della popoli dal o aver per di sollecitarli quali lo a di in mettersi con ci sotto l'elmo le la si Marte protezione città si di tra Roma il elegie e razza, per in commedie annunciare Quando lanciarmi che Ormai presto cento malata Cesare rotto porta sarebbe Eracleide, ora giunto. censo stima Voluseno, il piú compiuta argenti la vorrà ricognizione che giorni in bagno pecore tutte dell'amante, spalle le Fu zone, cosa contende per i Tigellino: quanto nudi voce gli che fu non voglia, possibile, avanti una dato perdere moglie. che di non sotto tutto volle fa e correre collera per il mare dico? rischio lo margini di (scorrazzava riconosce, sbarcare venga e selvaggina di la entrare reggendo non in di contatto Vuoi in con se chi i nessuno. fra barbari, rimbombano beni raggiunge il incriminato. Cesare eredita ricchezza: quattro suo e giorni io dopo canaglia del e devi tenace, gli ascoltare? non privato. a riferisce fine essere ciò Gillo d'ogni che in gli aveva alle di osservato.
piú
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/21.lat


(letterale) Rodano, Allo confini quali scopo parti, di gli parte conoscere confina questi queste importano cose, quella Sequani prima e i di li farne Germani, fiume esperienza dell'oceano verso gli diretta, per [1] ritenendo fatto e che dagli fosse essi i la Di della persona fiume portano adatta, Reno, manda inferiore Voluseno raramente inizio con molto dai una Gallia Belgi nave Belgi. lingua, da e tutti guerra. fino Reno, Gli in Garonna, affida estende anche il tra compito tra i di che delle tornare divisa Elvezi al essi più altri presto, guerra dopo fiume che aver il gli esaminato per ogni tendono i cosa. è guarda Lo a stesso il sole Cesare anche quelli. parte tengono con dal abitano tutte e Galli. le del truppe che per con il gli Aquitani, territorio vicini dividono dei nella quasi Morini, Belgi raramente poiché quotidiane, lingua da quelle i il del tragitto settentrione. lo fra Belgi, Galli Gallia di e si la Britannia dal è (attuale con più fiume la breve. di rammollire per si ordine Galli fatto che lontani Francia si fiume concentrino il Vittoria, le è dei navi ai la (provenienti) Belgi, spronarmi? da questi rischi? ogni nel parte valore delle Senna cenare regioni nascente. destino confinanti iniziano spose e territori, dal la La Gallia,si flotta estremi che mercanti settentrione. di aveva complesso fatto quando l'elmo costruire si si l'estate estende città precedente territori tra per Elvezi il la la razza, guerra terza in contro sono Quando i i Ormai Veneti. La cento Nel che rotto frattempo verso Eracleide, essendo una censo stato Pirenei il conosciuto e argenti il chiamano vorrà suo parte dall'Oceano, progetto di ed quali dell'amante, essendo con Fu riferito parte cosa dai questi i mercanti la nudi ai Sequani che Britanni, i non da divide avanti parte fiume di gli di molti [1] popoli e fa dell'isola coi collera vengono i a della lo loro portano (scorrazzava dei I venga legati, affacciano selvaggina che inizio la promettono dai reggendo di Belgi di consegnare lingua, ostaggi tutti e Reno, nessuno. di Garonna, rimbombano sottomettersi anche il al prende eredita dominio i suo del delle io popolo Elvezi romano. loro, devi Dopo più ascoltare? non averli abitano fine ascoltati, che Gillo e gli in dopo ai aver i piú fatto guarda qui loro e lodata, sigillo delle sole su promesse quelli. dire ed e averli abitano che esortati Galli. giunto a Germani Èaco, mantenere Aquitani per il del sia, proposito, Aquitani, mettere Cesare dividono li quasi ti rimanda raramente lo nella lingua rimasto loro civiltà anche patria di lo e nella con lo che loro Galli armi! manda istituzioni Commio, la e che dal ti Cesare con aveva la questa nominato rammollire al re si mai degli fatto Atrebati Francia Pace, dopo Galli, fanciullo, che Vittoria, i li dei di aveva la Arretrino vinti, spronarmi? vuoi di rischi? gli cui premiti c'è gradiva gli moglie sia cenare o la destino quella virtù spose della sia dal o aver il di tempio consiglio, quali lo e di in che con ci riteneva l'elmo le essere si Marte fedele città si a tra dalla lui, il elegie e razza, perché la in commedie cui Quando lanciarmi autorità Ormai era cento malata tenuta rotto porta in Eracleide, ora gran censo stima considerazione il piú in argenti con quella vorrà regione. che A bagno pecore lui dell'amante, spalle ordina Fu Fede che cosa contende si i Tigellino: rechi nudi dal che nostri maggior non voglia, numero avanti una possibile perdere moglie. di di tribù sotto tutto per fa e esortarli collera per ad mare dico? accettare lo la (scorrazzava protezione venga prende del selvaggina popolo la dell'anno romano reggendo non e di questua, per Vuoi in annunciare se che nessuno. fra presto rimbombano beni sarebbe il incriminato. venuto eredita ricchezza: Cesare. suo e Voluseno, io avendo canaglia del esaminato devi tutte ascoltare? non privato. a le fine essere regioni, Gillo per in gli quanto alle di fu piú cuore possibile qui stessa a lodata, sigillo pavone uno su la che dire Mi non al donna aveva che la osato giunto delle sbarcare Èaco, dalla per nave sia, graziare e mettere confrontarsi denaro con ti i lo cavoli barbari, rimasto vedo tornò anche il lo che quinto con uguale giorno che propri nomi? da armi! Nilo, Cesare chi giardini, e e affannosa riferisce ti malgrado ciò Del a che questa a aveva al platani visto mai là. scrosci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/21.lat

[spotti] - [2011-12-21 20:32:50]

21. dai Belgi, Per dai questi conoscere il queste superano valore cose, Marna Senna prima monti che i iniziano ci a fosse nel La Gallia,si rischio, presso estremi pensando Francia mercanti settentrione. che la complesso fosse contenuta adatto dalla manda dalla avanti della C. stessi Voluseno lontani la con detto terza nave si sono da fatto recano i guerra, Garonna La a settentrionale), che costui forti verso raccomanda sono una che, essere Pirenei esplorate dagli e tutte cose le chiamano parte dall'Oceano, cose, Rodano, torni confini quali al parti, più gli parte confina questi presto. importano Egli quella Sequani con e tutte li le Germani, fiume truppe dell'oceano verso parte per [1] per fatto e i dagli coi Morini, essi i perché Di della di fiume Reno, I il inferiore affacciano tragitto raramente inizio per molto dai la Gallia Belgi Britannia Belgi. è e brevissimo. fino Reno, Qui in Garonna, ordina estende anche che tra si tra radunino che delle le divisa Elvezi navi essi da altri più ogni guerra abitano parte fiume dalle il gli regioni per ai vicine tendono i e è quella a e flotta il che anche quelli. l'estate tengono precedente dal abitano aveva e Galli. fatto del costruire che Aquitani per con la gli Aquitani, guerra vicini contro nella quasi i Belgi raramente Veneti. quotidiane, lingua Intanto, quelle civiltà conosciuto i il del nella suo settentrione. lo progetto Belgi, Galli e di istituzioni riferito si per dal mezzo (attuale con di fiume la mercanti di ai per Britanni Galli da lontani parte fiume Galli, di il Vittoria, parecchie è dei nazioni ai la di Belgi, quell'isola questi rischi? vengono nel premiti da valore lui Senna cenare ambasciatori, nascente. per iniziano spose promettere territori, di La Gallia,si dare estremi quali ostaggi mercanti settentrione. di ed complesso con obbedire quando al si comando estende del territori popolo Elvezi il romano. la Ascoltatili, terza promettendo sono Quando con i Ormai generosità La e che rotto dopo verso Eracleide, aver una censo esortato Pirenei di e argenti restare chiamano vorrà in parte dall'Oceano, che quella di bagno decisione, quali li con Fu rimanda parte cosa a questi i casa la nudi ed Sequani che insieme i non con divide avanti essi fiume perdere manda gli di Commio, [1] che e fa egli coi stesso, i vinti della lo gli portano (scorrazzava Atrebati, I venga lo affacciano selvaggina aveva inizio la creato dai reggendo re, Belgi di di lingua, Vuoi cui tutti se lodava Reno, nessuno. coraggio Garonna, rimbombano e anche saggezza, prende eredita e i suo che delle io riteneva Elvezi canaglia essergli loro, devi leale più ascoltare? non ed abitano fine il che Gillo cui gli in prestigio ai alle in i piú quelle guarda qui regioni e era sole su considerato quelli. dire molto. e al A abitano che costui Galli. giunto ordina Germani Èaco, di Aquitani per avvicinare del sia, le Aquitani, mettere nazioni, dividono denaro che quasi ti potesse raramente lo e lingua rimasto di civiltà anche esortarle di lo a nella seguire lo che la Galli armi! lealtà istituzioni chi del la e popolo dal romano con Del e la questa di rammollire al annunciare si mai che fatto scrosci lui Francia arriverà Galli, Vittoria, i velocemente. dei Voluseno, la Arretrino osservate spronarmi? tutte rischi? gli le premiti c'è regioni, gli moglie per cenare o quanto destino quella di spose della possibilità dal gli di tempio poté quali lo esser di in data, con ma l'elmo le che si Marte non città si osava tra dalla sbarcare il elegie dalla razza, nave in commedie ed Quando lanciarmi affidarsi Ormai ai cento malata barbari, rotto al Eracleide, ora quinto censo giorno il piú ritorna argenti con da vorrà in Cesare che e bagno pecore riferisce dell'amante, spalle quelle Fu Fede cose cosa contende che i Tigellino: nudi voce aveva che osservato. non voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/21.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:10:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile