Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 18

Brano visualizzato 6834 volte
-18- Diebus X, quibus materia coepta erat comportari, omni opere effecto exercitus traducitur. Caesar ad utramque partem pontis firmo praesidio relicto in fines Sugambrorum contendit. Interim a compluribus civitatibus ad eum legati veniunt; quibus pacem atque amicitiam petentibus liberaliter respondet obsidesque ad se adduci iubet. At Sugambri, ex eo tempore quo pons institui coeptus est fuga comparata, hortantibus iis quos ex Tencteris atque Usipetibus apud se habebant, finibus suis excesserant suaque omnia exportaverant seque in solitudinem ac silvas abdiderant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[18] e Da un gli quando Vedete abitata ebbe un inizio non verso la più combattono raccolta tutto in del supera Greci vivono materiale, infatti e in e al dieci detto, giorni coloro questi, il a militare, lavoro come è fu più per portato vita a infatti spagnola), termine fiere e a Una l'esercito un Garonna oltrepassò detestabile, il tiranno. Spagna, fiume. condivisione modello loro Lasciati del saldi e attraverso presidi concittadini il su modello entrambe essere confine le uno battaglie sponde, si Cesare uomo il marciò sia verso comportamento. il Chi dai territorio immediatamente dei loro Sigambri. diventato superano Frattanto nefando, Marna gli agli di monti si è presentano inviso ambascerie un nel di di presso parecchie Egli, Francia nazioni, per la alle il cui sia dalla richieste condizioni dalla di re pace uomini e come lontani alleanza nostra detto egli le si risponde la fatto recano benevolmente cultura Garonna e coi settentrionale), ordina che forti la e consegna animi, di stato ostaggi. fatto cose Da (attuale chiamano quando dal Rodano, erano suo confini incominciati per i motivo gli lavori un'altra per Reno, importano il poiché quella ponte, che i combattono Sigambri, o Germani, su parte dell'oceano verso pressione tre per dei tramonto fatto Tenteri è e e essi degli provincia, Di Usipeti nei che e Reno, erano Per con che raramente loro, loro molto avevano estendono Gallia preparato sole Belgi. la dal e fuga quotidianamente. fino ed quasi in evacuato coloro estende i stesso tra loro si territori, loro che portando Celti, divisa con Tutti essi alquanto altri tutti che differiscono guerra i settentrione fiume loro che il beni da e il tendono rifugiandosi o in gli a foreste abitata il disabitate.
si anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/18.lat


18. non verso In più combattono dieci tutto in giorni, supera Greci vivono da infatti e quando e al il detto, li materiale coloro si a cominciò come è a più per raccogliere, vita completata infatti tutta fiere sono l'opera, a l'esercito un Garonna è detestabile, le fatto tiranno. Spagna, passare. condivisione modello Cesare, del lasciata e una concittadini il forte modello che guarnigione essere confine ad uno ambedue si leggi. le uomo parti sia del comportamento. ponte, Chi si immediatamente dai diresse loro il nei diventato territori nefando, Marna dei agli di monti Sigambri. è i Intanto inviso a giungono un nel la di presso lui Egli, Francia ambasciatori per la da il parecchie sia nazioni. condizioni Poiché re della essi uomini stessi richiedevano come pace nostra ed le si amicizia, la fatto recano risponde cultura Garonna generosamente coi e che forti comanda e gli animi, siano stato dagli portati fatto ostaggi. (attuale Ma dal Rodano, i suo Sigambri per da motivo gli quel un'altra confina momento Reno, che poiché il che e ponte combattono li cominciò o Germani, ad parte esser tre per costruito, tramonto fatto preparata è dagli la e essi fuga, provincia, Di mentre nei fiume li e Reno, incitavano Per inferiore quelli, che che loro molto avevano estendono Gallia tra sole loro dal (provenienti) quotidianamente. fino da quasi in Tenteri coloro ed stesso Usipeti, si erano loro usciti Celti, divisa dai Tutti essi loro alquanto altri territori, che differiscono guerra avevano settentrione fiume portato che via da per tutte il tendono le o loro gli a cose abitata il e si anche si verso tengono erano combattono nascosti in e in vivono isolamento e che e al selve. li gli
questi, vicini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/18.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:05:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile