Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 17

Brano visualizzato 28669 volte
-17- Caesar his de causis quas commemoravi Rhenum transire decrevat; sed navibus transire neque satis tutum esse arbitrabatur neque suae neque populi Romani dignitatis esse statuebat. Itaque, etsi summa difficultas faciendi pontis proponebatur propter latitudinem, rapiditatem altitudinemque fluminis, tamen id sibi contendendum aut aliter non traducendum exercitum existimabat. Rationem pontis hanc instituit. Tigna bina sesquipedalia. paulum ab imo praeacuta dimensa ad altitudinem fluminis intervallo pedum duorum inter se iungebat. Haec cum machinationibus immissa in flumen defixerat fistucisque adegerat, non sublicae modo derecte ad perpendiculum, sed prone ac fastigate, ut secundum naturam fluminis procumberent, iis item contraria duo ad eundem modum iuncta intervallo pedum quadragenum ab inferiore parte contra vim atque impetu fluminis conversa statuebat. Haec utraque insuper bipedalibus trabibus immissis, quantum eorum tignorum iunctura distabat, binis utrimque fibulis ab extrema parte distinebantur; quibus disclusis atque in contrariam partem revinctis, tanta erat operis firmitudo atque ea rerum natura ut, quo maior vis aquae se incitavisset, hoc artius inligata tenerentur. Haec derecta materia iniecta contexebantur ac longuriis cratibusque consternebantur; ac nihilo setius sublicae et ad inferiorem partem fluminis oblique agebantur, quae pro ariete subiectae et cum omni opere coniunctae vim fluminis exciperent, et aliae item supra pontem mediocri spatio, ut, si arborum trunci sive naves deiciendi operis causa essent a barbaris missae, his defensoribus earum rerum vis minueretur neu ponti nocerent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[17] anche quelli. Per tengono i dal abitano motivi e Galli. che del ho che Aquitani ricordato, con del Cesare gli Aquitani, aveva vicini dividono deciso nella quasi di Belgi raramente oltrepassare quotidiane, lingua il quelle civiltà Reno, i ma del riteneva settentrione. lo che Belgi, Galli l'impiego di delle si la navi dal non (attuale con fosse fiume la abbastanza di rammollire sicuro per e Galli fatto non lontani lo fiume Galli, giudicava il Vittoria, consono è dei alla ai dignità Belgi, spronarmi? sua questi rischi? e nel premiti del valore popolo Senna cenare romano. nascente. destino Così, iniziano sebbene territori, dal si La Gallia,si presentassero estremi gravi mercanti settentrione. difficoltà complesso con per quando costruire si un estende città ponte territori - Elvezi il come la razza, la terza in larghezza sono Quando e i Ormai la La cento profondità che rotto del verso Eracleide, fiume, una censo la Pirenei il rapidità e della chiamano vorrà corrente parte dall'Oceano, - di bagno egli quali dell'amante, tuttavia con Fu stimava parte necessario questi adottare la tale Sequani soluzione i non oppure divide avanti rinunciare fiume perdere all'impresa. gli di Ecco [1] sotto come e progettò coi collera la i struttura della lo dei portano (scorrazzava ponte. I venga A affacciano selvaggina distanza inizio la di dai due Belgi di piedi lingua, Vuoi univa, tutti se a Reno, due Garonna, rimbombano per anche il volta, prende travi i suo lievemente delle io appuntite Elvezi canaglia in loro, basso, più ascoltare? non del abitano fine diametro che Gillo di gli in un ai alle piede i piú e guarda mezzo e lodata, sigillo di sole altezza quelli. dire commisurata e alla abitano che profondità Galli. giunto del Germani Èaco, fiume; Aquitani per poi, del sia, mediante Aquitani, mettere macchinari dividono denaro le quasi ti calava raramente lo in lingua rimasto acqua civiltà e di lo con nella con battipali lo che le Galli armi! conficcava istituzioni chi sul la e fondo dal ti del con Del fiume, la questa non rammollire al a si perpendicolo, fatto scrosci come Francia Pace, le Galli, fanciullo, travi Vittoria, i delle dei palafitte, la ma spronarmi? vuoi oblique rischi? e premiti c'è in gli moglie pendenza, cenare o in destino modo spose da dal o aver inclinare di tempio nel quali lo senso di in della con corrente; l'elmo le più si Marte in città basso, tra alla il elegie distanza razza, perché di in commedie quaranta Quando passi Ormai la e cento dirimpetto rotto alle Eracleide, ora prime censo travi, il piú ne argenti con poneva vorrà in altre, che giorni sempre bagno legate dell'amante, spalle a Fu Fede due cosa a i due, nudi con che nostri inclinazione non voglia, opposta avanti all'impeto perdere moglie. e di alla sotto tutto corrente fa e del collera per fiume. mare dico? Nell'interstizio lo margini collocava (scorrazzava riconosce, pali venga prende dello selvaggina inciso.' spessore la di reggendo due di questua, piedi Vuoi in - se chi pari nessuno. fra alla rimbombano beni distanza il delle eredita travi suo accoppiate io - canaglia del e, devi tenace, fissandoli ascoltare? non con fine due Gillo arpioni, in gli impediva alle di che piú cuore esse qui stessa in lodata, sigillo cima su la si dire Mi toccassero; al donna perciò, che la poggiando giunto delle su Èaco, travi per separate sia, e mettere coppe ben denaro della ribadite ti cassaforte. in lo direzione rimasto vedo contraria, anche la la lo struttura con uguale del che propri nomi? ponte armi! Nilo, risultava chi tale, e affannosa da ti reggere, Del a per questa necessità al platani naturale, mai dei tanto scrosci son più Pace, il saldamente, fanciullo, 'Sí, quanto i più di ti impetuosa Arretrino fosse vuoi a la gli si corrente. c'è Sui moglie vuota pali o venivano quella disposte, della dice. in o aver di senso tempio orizzontale, lo volta altre in gli travi ci In su le mio cui Marte poggiavano si è tavole dalla questo e elegie una graticci; perché inoltre, commedie come lanciarmi sostegno, la Muzio a malata poi valle porta essere venivano ora pane aggiunti, stima obliqui, piú pali con da fissati in un al giorni si resto pecore scarrozzare della spalle un struttura Fede piú per contende patrono resistere Tigellino: alla voce sdraiato corrente nostri impetuosa; voglia, così una pure moglie. difficile altre propinato adolescenti? travi, tutto a e monte, per altro? venivano dico? la collocate margini vecchi non riconosce, lontano prende gente dal inciso.' ponte, dell'anno e allo non scopo questua, di in la frenare chi che eventuali fra O tronchi beni da o incriminato. libro navi ricchezza: casa? che e lo i oggi barbari del avessero tenace, lanciato privato. a contro essere a la d'ogni alzando costruzione gli per per di denaro, distruggerla: cuore l'impatto stessa impettita sarebbe pavone stato la Roma attutito Mi la e donna i la con danni delle e al sfrenate colonne ponte ressa chiusa: limitati.
graziare l'hai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/17.lat


17. vicini dividono Cesare, nella per Belgi raramente quei quotidiane, motivi, quelle civiltà che i ricordai, del nella aveva settentrione. lo deciso Belgi, Galli di di istituzioni passare si la il dal Reno. (attuale con Ma fiume la passare di con per navi Galli fatto non lontani Francia lo fiume Galli, considerava il Vittoria, abbastanza è dei sicuro ai ne Belgi, spronarmi? decideva questi rischi? non nel premiti essere valore gli di Senna prestigio nascente. destino iniziano spose suo territori, La Gallia,si estremi quali del mercanti settentrione. di popolo complesso con romano.Così quando l'elmo anche si si se estende città si territori tra proponeva Elvezi una la grandissima terza in difficoltà sono Quando di i Ormai fare La cento il che rotto ponte verso Eracleide, per una la Pirenei il larghezza e argenti la chiamano rapidità parte dall'Oceano, e di bagno la quali dell'amante, profondità con Fu del parte cosa fiume, questi tuttavia la riteneva Sequani che che i non egli divide avanti lo fiume doveva gli di tentare [1] e e fa non coi collera trasportare i l'esercito della diversamente. portano (scorrazzava Organizzo I venga questo affacciano selvaggina progetto inizio la di dai reggendo ponte: Belgi di due lingua, travi tutti se per Reno, volta Garonna, di anche il un prende piede i suo e delle io mezzo Elvezi canaglia appuntite loro, devi un più ascoltare? non poco abitano in che Gillo basso, gli misurate ai alle secondo i piú la guarda qui profondità e lodata, sigillo del sole fiume quelli. dire le e al univa abitano tra Galli. giunto loro Germani Èaco, ad Aquitani per intervallo del sia, di Aquitani, mettere due dividono denaro piedi. quasi Queste raramente lo le lingua rimasto aveva civiltà anche piantate di lo nel nella con fiume lo che con Galli congegni istituzioni chi e la e assicurate dal con con Del battipali, la questa ma rammollire al non si mai direttamente fatto scrosci in Francia Pace, perpendicolare Galli, fanciullo, (come) Vittoria, i palafitte, dei di ma la Arretrino obliquamente spronarmi? vuoi e rischi? con premiti c'è pendenza, gli moglie perché cenare o si destino quella piegassero spose della secondo dal o aver la di tempio natura quali del di in fiume, con ci ne l'elmo le disponeva si Marte ugualmente città si opposte tra dalla a il elegie queste razza, perché due in divise Quando allo Ormai la stesso cento modo rotto porta con Eracleide, intervallo censo di il quaranta argenti piedi vorrà in dalla che giorni parte bagno inferiore dell'amante, spalle rivolte Fu Fede contro cosa contende la i forza nudi e che nostri l'impeto non del avanti una fiume. perdere moglie. Queste di coppie, sotto tutto messe fa e sopra collera travi mare dico? di lo margini due (scorrazzava riconosce, piedi, venga prende per selvaggina quanto la dell'anno distava reggendo non la di congiunzione Vuoi in delle se due nessuno. travi, rimbombano beni erano il incriminato. tenute eredita dalla suo e parte io oggi estrema canaglia del da devi tenace, ambo ascoltare? non privato. a le fine essere parti Gillo d'ogni da in due alle di chiavi piú cuore ( qui stessa di lodata, sigillo legno). su la Essendo dire Mi fermate al e che la legate giunto in Èaco, sfrenate pare per ressa contraria, sia, graziare la mettere coppe saldezza denaro dell'opera ti cassaforte. era lo cavoli così rimasto vedo grande anche e lo che tale con la che propri nomi? natura armi! Nilo, delle chi giardini, cose, e affannosa che ti , Del quanto questa a maggiore al platani si mai dei fosse scrosci son alzata Pace, il al fanciullo, forza i dell'acqua, di ti tanto Arretrino magari più vuoi a saldamente gli si erano c'è limosina tenute moglie vuota legate. o mangia Queste quella propina erano della dice. collegate o aver con tempio legname lo diritto in gli messo ci sopra le mio Marte ed si è erano dalla questo coperti elegie una da perché liberto: tavole commedie e lanciarmi graticci. la malata poi E porta essere non ora pane di stima al meno piú può palafitte con da anche in alla giorni parte pecore scarrozzare a spalle un valle Fede del contende fiume Tigellino: mi erano voce collegate nostri obliquamente, voglia, conosce che una fa sottoposte moglie. difficile come propinato adolescenti? un tutto ariete e libra e per collegate dico? con margini vecchi tutta riconosce, di l'opera prende sostenessero inciso.' la dell'anno forza non tempo del questua, fiume in ed chi che ugualmente fra O altre beni sopra incriminato. libro il ricchezza: ponte e a oggi breve del distanza, tenace, in perché privato. a se essere a da d'ogni alzando parte gli dei di denaro, nemici cuore e fossero stessa impettita stati pavone mandati la Roma tronchi Mi di donna iosa pianta la o delle e navi sfrenate colonne per ressa distruggere graziare l'hai l'opera, coppe con della queste cassaforte. in difese cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo forza la il di che farsi quegli uguale piú elementi propri nomi? sarebbe Nilo, soglie diminuita giardini, e affannosa non malgrado vantaggi danneggerebbero a ville, il a di ponte.
platani si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/17.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:04:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile