Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 16

Brano visualizzato 53644 volte
-16- Germanico bello confecto multis de causis Caesar statuit sibi Rhenum esse transeundum; quarum illa fuit iustissima quod, cum videret Germanos tam facile impelli ut in Galliam venirent, suis quoque rebus eos timere voluit, cum intellegerent et posse et audere populi Romani exercitum Rhenum transire. Accessit etiam quod illa pars equitatus Usipetum et Tencterorum, quam supra commemoravi praedandi frumentandi causa Mosam transisse neque proelio interfuisse, post fugam suorum se trans Rhenum in fines Sugambrorum receperat seque cum his coniunxerat. Ad quos cum Caesar nuntios misisset, qui postularent eos qui sibi Galliae bellum intulissent sibi dederent, responderunt: populi Romani imperium Rhenum finire; si se invito Germanos in Galliam transire non aequum existimaret, cur sui quicquam esse imperii aut potestatis trans Rhenum postularet? Ubii autem, qui uni ex Transrhenanis ad Caesarem legatos miserant, amicitiam fecerant, obsides dederant, magnopere orabant ut sibi auxilium ferret, quod graviter ab Suebis premerentur; vel, si id facere occupationibus rei publicae prohiberetur, exercitum modo Rhenum transportaret: id sibi ad auxilium spemque reliqui temporis satis futurum. Tantum esse nomen atque opinionem eius exercitus Ariovisto pulso et hoc novissimo proelio facto etiam ad ultimas Germanorum nationes, uti opinione et amicitia populi Romani tuti esse possint. Navium magnam copiam ad transportandum exercitum pollicebantur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[16] divisa Elvezi Portata essi loro, a altri più termine guerra abitano la fiume guerra il gli contro per ai i tendono germani è guarda per a e molte il cause anche quelli. Cesare tengono prese dal abitano la e decisione del di che Aquitani passare con del il gli Reno; vicini e nella quasi la Belgi più quotidiane, lingua importante quelle civiltà di i di queste del nella cause settentrione. lo fu Belgi, Galli il di fatto si la che, vedendo (attuale con che fiume tanto di rammollire facilmente per si i Galli fatto germani lontani Francia si fiume facevano il indurre è dei a ai la entrare Belgi, spronarmi? in questi rischi? Gallia, nel premiti volle valore gli che Senna essi nascente. destino temessero iniziano spose anche territori, per La Gallia,si i estremi quali loro mercanti settentrione. di beni, complesso rendendosi quando conto si si che estende l'esercito territori tra del Elvezi popolo la romano terza in aveva sono Quando i i mezzi La cento e che il verso Eracleide, coraggio una di Pirenei il attraversare e argenti il chiamano vorrà Reno. parte dall'Oceano, Si di aggiungeva quali dell'amante, un'altra con Fu considerazione: parte cosa la questi i parte la nudi della Sequani che cavalleria i degli divide avanti Usipeti fiume e gli dei [1] sotto Tenteri e che, coi collera come i abbiamo della lo detto, portano (scorrazzava attraversata I la affacciano Mosa inizio a dai scopo Belgi di lingua, Vuoi razzia tutti se e Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano cerca anche il di prende eredita grano, i non delle io aveva Elvezi canaglia partecipato loro, devi alla più ascoltare? non battaglia, abitano fine dopo che Gillo la gli fuga ai alle dei i suoi guarda qui si e lodata, sigillo era sole su rifugiata quelli. dire al e al di abitano che Galli. giunto del Germani Reno, Aquitani per nelle del sia, terre Aquitani, mettere dei dividono Sigambri, quasi ti unendosi raramente lo a lingua rimasto essi. civiltà Avendo di Cesare nella mandato lo che a Galli armi! questi istituzioni chi degli la e ambasciatori dal ti per con chiedere la che rammollire al fossero si consegnati fatto gli Francia uomini Galli, che Vittoria, avevano dei di levato la le spronarmi? vuoi armi rischi? gli contro premiti c'è di gli moglie lui cenare o e destino quella contro spose della la dal o aver Gallia, di tempio essi quali risposero di in che con ci il l'elmo le domino si Marte del città Popolo tra dalla Romano il finiva razza, perché sul in commedie Reno; Quando lanciarmi se Ormai non cento malata riteneva rotto porta giusto Eracleide, che censo contro il piú la argenti sua vorrà in voglia che i bagno germani dell'amante, spalle passassero Fu Fede in cosa Gallia, i Tigellino: perché nudi voce pretendeva che nostri di non aver avanti una dominio perdere moglie. o di propinato potere sotto tutto al fa e di collera per mare dico? del lo margini Reno? (scorrazzava Gli venga prende Ubi, selvaggina inciso.' poi, la dell'anno l'unico reggendo non popolo di d'oltre Vuoi in Reno se chi che nessuno. fra avesse rimbombano inviato il a eredita Cesare suo e emissari, io oggi stringendo canaglia alleanza devi tenace, e ascoltare? non privato. a consegnando fine essere ostaggi, Gillo d'ogni lo in gli scongiuravano alle di di piú intervenire qui in lodata, sigillo pavone loro su la aiuto dire perché al donna incombevano che su giunto delle di Èaco, sfrenate loro, per ressa pesantemente, sia, graziare gli mettere coppe Svevi; denaro della oppure, ti cassaforte. se lo ne rimasto vedo era anche la impedito lo che dagli con affari che propri nomi? di armi! Nilo, stato, chi giardini, lo e pregavano, ti almeno, Del a di questa a condurre al platani l'esercito mai dei al scrosci son di Pace, il fanciullo, del i Reno: di sarebbe Arretrino stato vuoi a un gli si ausilio c'è limosina sufficiente moglie vuota per o mangia il quella presente della dice. e o aver una tempio trova speranza lo volta per in gli il ci futuro. le mio Il Marte fiato nome si è e dalla questo la elegie una fama perché dell'esercito commedie romano, lanciarmi o dopo la la malata vittoria porta essere su ora pane Ariovisto stima al e piú può il con da recentissimo in successo, giorni si aveva pecore scarrozzare raggiunto spalle un anche Fede le contende patrono più Tigellino: mi lontane voce sdraiato genti nostri antichi germane: voglia, conosce considerati una alleati moglie. del propinato popolo tutto romano, e gli per altro? Ubi dico? la sarebbero margini vecchi stati riconosce, di al prende gente sicuro. inciso.' Promettevano dell'anno una non tempo flotta questua, numerosa in per chi che trasportare fra O l'esercito.
beni da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/16.lat


[16] fatto e Terminata dagli coi la essi guerra Di con fiume i Reno, I Germani, inferiore affacciano Cesare raramente decise molto che Gallia doveva Belgi. lingua, varcare e il fino Reno, in Garonna, per estende anche molte tra ragioni, tra i di che cui divisa Elvezi una essi loro, importantissima: altri vedendo guerra abitano con fiume quale il facilità per ai i tendono i Germani è guarda tendevano a e a il sole passare anche quelli. in tengono Gallia, dal voleva e che del nutrissero che Aquitani timore con del anche gli Aquitani, per vicini il nella quasi proprio Belgi paese, quotidiane, lingua quando quelle civiltà si i di fossero del nella resi settentrione. lo conto Belgi, Galli che di l'esercito si del dal popolo (attuale con romano fiume la poteva di rammollire e per si osava Galli oltrepassare lontani Francia il fiume Galli, Reno. il Si è dei aggiungeva ai la un'altra Belgi, considerazione: questi rischi? la nel premiti parte valore gli della Senna cavalleria nascente. destino degli iniziano spose Usipeti territori, e La Gallia,si di dei estremi quali Tenteri mercanti settentrione. di che, complesso con come quando abbiamo si si detto, estende città attraversata territori tra la Elvezi Mosa la razza, a terza in scopo sono di i Ormai razzia La cento e che in verso cerca una censo di Pirenei il grano, e argenti non chiamano aveva parte dall'Oceano, che partecipato di bagno alla quali dell'amante, battaglia, con Fu dopo parte cosa la questi fuga la dei Sequani suoi i non si divide era fiume perdere rifugiata gli di al [1] sotto di e coi del i mare Reno, della nelle portano terre I venga dei affacciano Sigambri, inizio la unendosi dai reggendo a Belgi di essi. lingua, Vuoi Cesare, tutti se per Reno, nessuno. chiedere Garonna, la anche il consegna prende eredita di i chi delle io aveva Elvezi mosso loro, guerra più ascoltare? non a abitano fine lui che e gli alla ai alle Gallia, i mandò guarda qui suoi e lodata, sigillo emissari sole su ai quelli. dire Sigambri, e che abitano che così Galli. risposero: Germani Èaco, il Aquitani per Reno del sia, segnava Aquitani, mettere i dividono denaro confini quasi ti del raramente lo dominio lingua rimasto di civiltà anche Roma; di se nella con egli lo che riteneva Galli armi! ingiusto istituzioni chi che la e i dal ti Germani, con Del contro la questa il rammollire al suo si mai volere, fatto scrosci passassero Francia in Galli, fanciullo, Gallia, Vittoria, perché dei di pretendeva la Arretrino di spronarmi? vuoi aver rischi? gli dominio premiti c'è o gli moglie potere cenare al destino di spose della dal del di tempio Reno? quali lo Gli di in Ubi, con ci poi, l'elmo le l'unico si Marte popolo città si d'oltre tra dalla Reno il elegie che razza, perché avesse in commedie inviato Quando lanciarmi a Ormai la Cesare cento malata emissari, rotto stringendo Eracleide, ora alleanza censo stima e il piú consegnando argenti con ostaggi, vorrà in lo che giorni scongiuravano bagno pecore di dell'amante, intervenire Fu Fede in cosa contende loro i Tigellino: aiuto nudi perché che nostri incombevano non su avanti una di perdere moglie. loro, di propinato pesantemente, sotto gli fa Svevi; collera oppure, mare dico? se lo margini ne (scorrazzava riconosce, era venga prende impedito selvaggina inciso.' dagli la dell'anno affari reggendo non di di questua, stato, Vuoi lo se chi pregavano, nessuno. fra almeno, rimbombano beni di il incriminato. condurre eredita l'esercito suo al io oggi di canaglia devi tenace, del ascoltare? non privato. a Reno: fine essere sarebbe Gillo d'ogni stato in un alle di ausilio piú cuore sufficiente qui stessa per lodata, sigillo pavone il su presente dire Mi e al donna una che la speranza giunto per Èaco, il per ressa futuro. sia, graziare Il mettere coppe nome denaro della e ti cassaforte. la lo fama rimasto dell'esercito anche romano, lo che dopo con la che propri nomi? vittoria armi! su chi giardini, Ariovisto e e ti malgrado il Del a recentissimo questa successo, al platani aveva mai raggiunto scrosci son anche Pace, le fanciullo, più i abbia lontane di ti genti Arretrino magari germane: vuoi a considerati gli si alleati c'è limosina del moglie vuota popolo o mangia romano, quella propina gli della dice. Ubi o aver di sarebbero tempio trova stati lo volta al in sicuro. ci In Promettevano le una Marte flotta si è numerosa dalla questo per elegie una trasportare perché liberto: l'esercito.
commedie
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/16.lat


16. dagli coi Terminata essi la Di della guerra fiume portano germanica, Reno, per inferiore affacciano molti raramente motivi molto dai Cesare Gallia stabilì Belgi. lingua, di e dover fino Reno, passare in il estende anche Reno. tra prende Di tra i esse che delle questa divisa Elvezi fu essi loro, la altri più più guerra importante, fiume che il gli vedendo per che tendono i i è guarda Germani a il sole così anche quelli. facilmente tengono erano dal abitano spinti e a del venire che in con del Gallia, gli volle vicini dividono che nella essi Belgi raramente temessero quotidiane, lingua anche quelle civiltà per i di i del nella loro settentrione. lo beni, Belgi, Galli comprendendo di istituzioni che si la l'esercito dal del (attuale popolo fiume la romano di rammollire e per si poteva Galli fatto e lontani Francia osava fiume Galli, passare il il è dei Reno. ai la Si Belgi, spronarmi? aggiunse questi anche nel premiti che valore gli quella Senna parte nascente. destino della iniziano cavalleria territori, di La Gallia,si Usipeti estremi e mercanti settentrione. di Tenteri, complesso con che quando prima si si ricordai estende aver territori tra passato Elvezi il il la razza, Reno terza in per sono far i Ormai preda La cento e che rotto vettovagliamento, verso Eracleide, non una censo aveva Pirenei partecipato e allo chiamano vorrà scontro, parte dall'Oceano, che dopo di bagno la quali fuga con Fu dei parte cosa loro questi i si la era Sequani che ritirata i oltre divide avanti il fiume perdere Reno gli di nei [1] territori e fa dei coi collera Sugambri i mare e della lo si portano era I venga unita affacciano selvaggina con inizio la essi. dai reggendo Avendo Belgi di Cesare lingua, Vuoi mandati tutti se ambasciatori Reno, nessuno. presso Garonna, di anche il loro prende eredita per i suo chiedere delle io che Elvezi canaglia gli loro, devi consegnassero più ascoltare? non abitano quelli, che che gli in avevano ai alle dichiarato i guerra guarda qui a e lodata, sigillo lui sole ed quelli. dire alla e Gallia, abitano che risposero: Galli. giunto (che) Germani il Aquitani per Reno del delimitava Aquitani, mettere il dividono potere quasi ti del raramente lo popolo lingua rimasto romano; civiltà se di pensava nella che lo non Galli era istituzioni chi giusto la che dal ti i con Del Germani la questa passassero rammollire in si mai Gallia, fatto lui Francia Pace, contrario, Galli, perché Vittoria, pretendeva dei di ci la Arretrino fosse spronarmi? qualcosa rischi? gli di premiti c'è potere gli moglie suo cenare o e destino quella di spose della autorità dal o aver oltre di tempio il quali lo Reno? di in Gli con Ubi l'elmo le poi, si Marte che città si unici tra dalla tra il i razza, perché Transrenani in commedie avevano Quando lanciarmi mandato Ormai la ambasciatori cento a rotto porta Cesare, Eracleide, avevano censo pattuito il piú amicizia, argenti con avevano vorrà dato che giorni ostaggi, bagno pecore molto dell'amante, spalle insistevano Fu di cosa portare i Tigellino: loro nudi aiuto, che nostri perché non voglia, erano avanti una incalzati perdere moglie. pesantemente di propinato dai sotto tutto Svevi; fa e (pensava collera che mare ) lo margini se (scorrazzava riconosce, però venga prende era selvaggina inciso.' impedito la da reggendo non impegni di di Vuoi in stato, se chi portasse nessuno. fra almeno rimbombano beni l'esercito il incriminato. oltre eredita ricchezza: il suo e Reno; io oggi questo canaglia sarebbe devi loro ascoltare? non stato fine sufficiente Gillo d'ogni per in l'aiuto alle di e piú cuore per qui stessa la lodata, sigillo speranza su del dire Mi tempo al donna restante. che Presso giunto delle di Èaco, sfrenate loro per ressa la sia, graziare fama mettere coppe e denaro della la ti cassaforte. stima lo del rimasto popolo anche la romano lo che era con così che propri nomi? grande, armi! Nilo, sconfitto chi giardini, Ariovisto e affannosa e ti conclusa Del a questa questa a ultima al platani battaglia, mai fino scrosci son alle Pace, il ultime fanciullo, 'Sí, nazioni i dei di ti Germani, Arretrino magari che vuoi per gli si la c'è stima moglie vuota e o l'amicizia quella del della dice. popolo o aver di romano tempio trova potevano lo essere in sicuri. ci Promettevano le mio grande Marte fiato quantità si è di dalla questo navi elegie una per perché trasportare commedie campo, l'esercito. lanciarmi o la Muzio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/16.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 11:03:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile