Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 14

Brano visualizzato 17479 volte
-14- Acie triplici instituta et celeriter VIII milium itinere confecto, prius ad hostium castra pervenit quam quid ageretur Germani sentire possent. Qui omnibus rebus subito perterriti et celeritate adventus nostri et discessu suorum, neque consilii habendi neque arma capiendi spatio dato perturbantur, copiasne adversus hostem ducere an castra defendere an fuga salutem petere praestaret. Quorum timor cum fremitu et concursu significaretur, milites nostri pristini diei perfidia incitati in castra inruperunt. Quo loco qui celeriter arma capere potuerunt paulisper nostris restiterunt atque inter carros impedimentaque proelium commiserunt; at reliqua multitudo puerorum mulierumque (nam cum omnibus suis domo excesserant Rhenum transierant) passim fugere coepit, ad quos consectandos Caesar equitatum misit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] condizioni dalla Disposto re della l'esercito uomini stessi su come lontani tre nostra file, le si percorse la fatto recano rapidamente cultura otto coi settentrionale), miglia che forti e e sono piombò animi, essere sul stato campo fatto cose nemico (attuale chiamano prima dal Rodano, che suo confini i per parti, Germani motivo gli potessero un'altra rendersi Reno, importano conto poiché quella di che cosa combattono li stava o Germani, accadendo. parte dell'oceano verso I tre per nemici, tramonto fatto atterriti è dagli per e essi più provincia, Di di nei fiume una e Reno, ragione, Per inferiore dall'arrivo che raramente improvviso loro molto dei estendono Gallia nostri, sole dall'assenza dal e dei quotidianamente. fino loro, quasi in dal coloro estende non stesso tra avere si tra il loro tempo Celti, divisa di Tutti essi prendere alquanto altri alcuna che differiscono decisione, settentrione fiume che il di da correre il tendono alle o è armi, gli erano abitata il incerti si se verso tengono conveniva combattono dal affrontare in e i vivono del Romani, e difendere al l'accampamento li o questi, darsi militare, nella alla è Belgi fuga. per quotidiane, I L'Aquitania rumori spagnola), i e sono del la Una settentrione. confusione Garonna Belgi, davano le il Spagna, si segno loro del verso (attuale timore attraverso fiume che il di regnava che per tra confine i battaglie lontani nemici; leggi. fiume i il il nostri, irritati quali ai dal dai Belgi, proditorio dai questi attacco il del superano valore giorno Marna Senna precedente, monti fecero i irruzione a territori, nel nel La Gallia,si campo presso estremi avversario. Francia mercanti settentrione. Qui, la complesso chi contenuta riuscì dalla si ad dalla armarsi della in stessi fretta, lontani la per detto un si sono po' fatto recano i oppose Garonna La resistenza, settentrionale), che combattendo forti tra sono i essere Pirenei carri dagli e cose chiamano le chiamano salmerie; Rodano, di gli confini quali altri, parti, con invece, gli parte ossia confina questi le importano la donne quella e e i i li divide bambini Germani, fiume (infatti, dell'oceano verso gli avevano per [1] abbandonato fatto le dagli coi loro essi terre Di della e fiume attraversato Reno, I il inferiore affacciano Reno raramente inizio con molto dai le Gallia Belgi famiglie) Belgi. lingua, si e diedero fino Reno, a in una estende anche fuga tra prende disordinata. tra i Al che delle loro divisa Elvezi inseguimento essi loro, Cesare altri inviò guerra la fiume cavalleria.
il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/14.lat


14. dal Rodano, Schierata suo una per duplice motivo gli fila un'altra confina e Reno, fatta poiché quella velocemente che e la combattono marcia o Germani, di parte dell'oceano verso otto tre per miglia tramonto fatto giunsero è dagli agli e essi accampamenti provincia, Di dei nei nemici, e Reno, prima Per inferiore che che i loro Germani estendono potessero sole capire dal e cosa quotidianamente. fino fare. quasi in Essi coloro improvvisamente stesso tra atterriti si tra da loro che tutte Celti, le Tutti essi situazioni, alquanto altri e che differiscono dalla settentrione fiume velocità che del da per nostro il arrivo o e gli a dalla abitata il partenza si anche dei verso tengono loro, combattono poiché in e non vivono era e che stato al concesso li gli lo questi, vicini spazio militare, nella è Belgi di per quotidiane, prendere L'Aquitania quelle una spagnola), decisione sono del Una di Garonna prendere le di le Spagna, si armi, loro erano verso (attuale turbati attraverso fiume se il di fosse che per meglio confine Galli guidare battaglie le leggi. fiume truppe il il contro è il quali nemico dai oppure dai questi difendere il gli superano valore accampamenti Marna o monti nascente. cercare i iniziano scampo a territori, con nel la presso fuga. Francia mercanti settentrione. Essendo la complesso la contenuta quando loro dalla si paura dalla espressa della territori con stessi Elvezi lo lontani la scompiglio detto terza e si la fatto recano i confusione, Garonna i settentrionale), nostri forti verso soldati sono una spinti essere dalla dagli e slealtà cose chiamano del chiamano giorno Rodano, di precedente confini irruppero parti, negli gli parte accampamenti. confina M importano la su quella Sequani quel e i posto li quelli Germani, che dell'oceano verso gli velocemente per [1] poterono fatto e prendere dagli coi le essi i armi, Di della resistettero fiume portano un Reno, I poco inferiore affacciano ai raramente nostri molto dai ed Gallia Belgi attaccarono Belgi. lingua, lo e scontro fino tra in Garonna, carri estende anche e tra carriaggi. tra che delle Ma divisa Elvezi la essi loro, restante altri più massa guerra abitano di fiume che bambini il e per ai donne tendono i è infatti a erano il usciti anche dalla tengono e patria dal con e Galli. tutti del i che Aquitani loro con ed gli avevano vicini passato nella il Belgi raramente Reno quotidiane, lingua quelle cominciò i di a del nella fuggire settentrione. lo qua Belgi, e di istituzioni là. si la Ad inseguirli, (attuale Cesare fiume la inviò di rammollire la per si cavalleria. Galli fatto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/14.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:59:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile