Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 12

Brano visualizzato 12484 volte
-12- At hostes, ubi primum nostros equites conspexerunt, quorum erat V milium numerus, cum ipsi non amplius DCCC equites haberent, quod ii qui frumentandi causa erant trans Mosam profecti nondum redierant, nihil timentibus nostris, quod legati eorum paulo ante a Caesare discesserant atque is dies indutiis erat ab his petitus, impetu facto celeriter nostros perturbaverunt; rursus his resistentibus consuetudine sua ad pedes desiluerunt subfossis equis compluribus nostris deiectis reliquos in fugam coniecerunt atque ita perterritos egerunt ut non prius fuga desisterent quam in conspectum agminis nostri venissent. In eo proelio ex equitibus nostris interficiuntur IIII et LXX, in his vir fortissimus Piso Aquitanus, amplissimo genere natus, cuius avus in civitate sua regnum obtinuerat amicus a senatu nostro appellatus. Hic cum fratri intercluso ab hostibus auxilium ferret, illum ex periculo eripuit, ipse equo vulnerato deiectus, quoad potuit, fortissime restitit; cum circumventus multis vulneribus acceptis cecidisset atque id frater, qui iam proelio excesserat, procul animadvertisset, incitato equo se hostibus obtulit atque interfectus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[12] sono del Ma Una i Garonna nemici, le di non Spagna, si appena loro videro verso (attuale la attraverso fiume nostra il di cavalleria che per - confine benché battaglie lontani contasse leggi. fiume circa il cinquemila unità, quali ai mentre dai Belgi, essi dai questi non il nel erano superano valore più Marna Senna di monti nascente. ottocento, i iniziano non a territori, essendo nel ancora presso rientrati Francia mercanti settentrione. i la complesso cavalieri contenuta quando che dalla si avevano dalla estende varcato della la stessi Elvezi Mosa lontani la in detto cerca si di fatto recano i grano Garonna La - settentrionale), che si forti verso lanciarono sono una all'attacco essere Pirenei e dagli scompaginarono cose chiamano in chiamano parte dall'Oceano, breve Rodano, di tempo confini quali i parti, con nostri, gli che confina questi non importano nutrivano quella Sequani alcun e i timore, li divide in Germani, fiume quanto dell'oceano verso gli l'ambasceria per dei fatto e Germani dagli coi aveva essi appena Di della lasciato fiume Cesare Reno, I chiedendo, inferiore affacciano per raramente inizio quel molto dai giorno, Gallia Belgi tregua. Belgi. lingua, Quando e i fino Reno, nostri in Garonna, riuscirono estende a tra prende opporre tra i resistenza, che delle gli divisa Elvezi avversari, essi loro, secondo altri più la guerra abitano loro fiume tecnica il gli abituale, per balzarono tendono a è guarda terra a e, il sole ferendo anche quelli. al tengono e ventre dal abitano i e Galli. cavalli, del disarcionarono che molti con dei gli Aquitani, nostri vicini dividono e nella costrinsero Belgi alla quotidiane, lingua fuga quelle i i superstiti, del nella premendoli settentrione. lo e Belgi, Galli terrorizzandoli di al si la punto dal che (attuale non fiume la cessarono di rammollire la per si ritirata Galli fatto se lontani non fiume Galli, quando il furono è dei in ai la vista Belgi, spronarmi? del questi nostro nel premiti esercito valore in Senna cenare marcia. nascente. Nello iniziano scontro territori, dal perdono La Gallia,si la estremi quali vita mercanti settentrione. settantaquattro complesso nostri quando l'elmo cavalieri, si tra estende città cui territori tra l'aquitano Elvezi il Pisone, la razza, uomo terza di sono Quando grandissimo i valore La e che di verso alto una censo lignaggio: Pirenei il un e argenti suo chiamano vorrà avo parte dall'Oceano, che aveva di bagno tenuto quali dell'amante, la con suprema parte cosa autorità questi tra la nudi la Sequani sua i non gente divide avanti e fiume perdere ricevuto gli di dal [1] senato e fa di coi collera Roma i mare il della lo titolo portano (scorrazzava di I venga amico. affacciano selvaggina Pisone, inizio accorso dai in Belgi di aiuto lingua, Vuoi del tutti se fratello Reno, nessuno. circondato Garonna, rimbombano dai anche il nemici, prende era i suo riuscito delle io a Elvezi canaglia liberarlo; loro, disarcionato più ascoltare? non - abitano fine il che Gillo suo gli in cavallo ai alle era i piú stato guarda colpito e lodata, sigillo - sole resistette quelli. con e al estremo abitano che valore Galli. giunto finché Germani Èaco, ebbe Aquitani per forza: del sia, poi, Aquitani, mettere circondato dividono denaro da quasi molti raramente lo avversari, lingua cadde. civiltà Il di lo fratello, nella con che lo che aveva Galli già istituzioni chi lasciato la e la dal mischia, con Del lo la questa vide rammollire da si mai lontano: fatto scrosci sferzato Francia Pace, il Galli, fanciullo, cavallo, Vittoria, i si dei di gettò la Arretrino sui spronarmi? nemici rischi? e premiti c'è rimase gli moglie ucciso.
cenare o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/12.lat


12. Una settentrione. Ma Garonna i le di nemici, Spagna, si appena loro videro verso (attuale i attraverso nostri il di cavalieri, che per il confine cui battaglie lontani numero leggi. fiume era il il di è cinque quali ai mila, dai mentre dai questi essi il nel non superano valore avevano Marna più monti nascente. di i iniziano ottocento a cavalieri, nel poiché presso estremi quelli Francia mercanti settentrione. che la complesso erano contenuta andati dalla si oltre dalla estende la della territori Mosa stessi per lontani la detto terza far si provviste, fatto recano i non Garonna La erano settentrionale), che ancora forti tornati, sono mentre essere Pirenei i dagli nostri cose chiamano non chiamano parte dall'Oceano, temevano Rodano, nulla, confini poiché parti, con i gli loro confina questi ambasciatori importano la poco quella Sequani prima e i erano li partiti Germani, fiume da dell'oceano verso gli Cesare per [1] e fatto quel dagli coi giorno essi i era Di della stato fiume da Reno, I essi inferiore affacciano richiesto raramente per molto dai la Gallia Belgi tregua, Belgi. lingua, lanciato e un fino Reno, attacco in velocemente estende anche scompigliarono tra i tra i nostri. che delle Ma, divisa resistendo essi loro, i altri nostri, guerra abitano secondo fiume la il gli loro per ai abitudine tendono saltarono è guarda giù a e a il sole piedi anche e tengono e colpiti dal abitano da e Galli. sotto del Germani i che con del cavalli, gli Aquitani, e vicini dividono scavalcati nella quasi parecchi Belgi nostri, quotidiane, lingua misero quelle civiltà in i fuga del gli settentrione. altri Belgi, Galli e di istituzioni li si la resero dal così (attuale con terrorizzati fiume la che di no per si cessarono Galli dalla lontani fuga fiume Galli, prima il Vittoria, di è dei esser ai la giunti Belgi, spronarmi? in questi rischi? vista nel premiti della valore nostra Senna cenare schiera. nascente. destino In iniziano spose quello territori, scontro La Gallia,si di vengono estremi quali ammazzati mercanti settentrione. di settanta complesso con quando l'elmo quattro si si dei estende città nostri territori cavalieri, Elvezi il tra la questi terza in un sono Quando uomo i Ormai fortissimo La Pisone che rotto Aquilano verso Eracleide, nato una da Pirenei il nobile e argenti famiglia, chiamano vorrà il parte dall'Oceano, cui di avo quali dell'amante, aveva con parte cosa tenuto questi i il la potere Sequani nella i sua divide avanti nazione, fiume perdere dichiarato gli di amico [1] dal e fa nostro coi collera senato. i Costui della lo mentre portano (scorrazzava portava I venga aiuto affacciano selvaggina al inizio la fratello dai chiuso Belgi di tra lingua, Vuoi i tutti se nemici, Reno, lo Garonna, rimbombano strappò anche il dal prende pericolo, i lui delle io sbalzato Elvezi canaglia dal loro, cavallo più ascoltare? non ferito, abitano fin che Gillo che gli in poté ai alle resistette i piú molto guarda qui audacemente; e lodata, sigillo attorniato, sole su essendo quelli. caduto e al dopo abitano che aver Galli. giunto ricevuto Germani Èaco, molte Aquitani per ferite del sia, ed Aquitani, essendosi dividono accorto quasi ti di raramente lo questo lingua rimasto da civiltà anche lontano di il nella fratello, lo che Galli armi! ormai istituzioni era la e uscito dal ti dalla con mischia, la questa rammollire al spronato si mai il fatto scrosci cavallo Francia si Galli, buttò Vittoria, i tra dei i la Arretrino nemici spronarmi? vuoi e rischi? gli allo premiti c'è stesso gli modo cenare o fu destino ucciso. spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/12.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:57:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile