Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 11

Brano visualizzato 14115 volte
-11- Caesar cum ab hoste non amplius passuum XII milibus abesset, ut erat constitutum, ad eum legati revertuntur; qui in itinere congressi magnopere ne longius progrederetur orabant. Cum id non impetrassent, petebant uti ad eos [equites] qui agmen antecessissent praemitteret eos pugna prohiberet, sibique ut potestatem faceret in Ubios legatos mittendi; quorum si principes ac senatus sibi iure iurando fidem fecisset, ea condicione quae a Caesare ferretur se usuros ostendebant: ad has res conficiendas sibi tridui spatium daret. Haec omnia Caesar eodem illo pertinere arbitrabatur ut tridui mora interposita equites eorum qui abessent reverterentur; tamen sese non longius milibus passuum IIII aquationis causa processurum eo die dixit: huc postero die quam frequentissimi convenirent, ut de eorum postulatis cognosceret. Interim ad praefectos, qui cum omni equitatu antecesserant, mittit qui nuntiarent ne hostes proelio lacesserent, et si ipsi lacesserentur, sustinerent quoad ipse cum exercitu propius accessisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] coloro Cesare stesso non si distava loro che più Celti, divisa di Tutti essi dodici alquanto miglia che differiscono guerra dal settentrione fiume nemico, che quando da per i il tendono membri o è dell'ambasceria gli a ritornarono, abitata il secondo si anche gli verso tengono accordi. combattono Gli in e si vivono presentarono e che che al con era li gli in questi, marcia militare, e è Belgi lo per quotidiane, pregavano, L'Aquitania quelle invano, spagnola), di sono non Una avanzare Garonna Belgi, ulteriormente. le di Gli Spagna, si chiedevano, loro allora, verso (attuale di attraverso fiume dar il ordine che per alla confine Galli cavalleria, battaglie lontani posta leggi. all'avanguardia, il il di non quali aprire dai Belgi, le dai ostilità il nel e superano valore gli Marna Senna domandavano monti il i iniziano permesso a di nel inviare presso estremi un'ambasceria Francia mercanti settentrione. agli la complesso Ubi: contenuta se dalla si i dalla capi della territori e stessi Elvezi il lontani la senato detto degli si sono Ubi fatto recano i avessero Garonna La fornito settentrionale), garanzie forti verso mediante sono una un essere giuramento dagli e solenne, cose chiamano si chiamano dichiaravano Rodano, pronti confini quali ad parti, accettare gli parte le confina questi condizioni importano la proposte quella Sequani da e i Cesare. li divide Ma, Germani, fiume per dell'oceano verso condurre per [1] a fatto termine dagli le essi i operazioni Di della necessarie, fiume chiedevano Reno, I tre inferiore affacciano giorni raramente inizio di molto dai tempo. Gallia Belgi Cesare Belgi. riteneva e che fino Reno, la in Garonna, richiesta estende anche mirasse tra prende sempre tra i a che delle consentire, divisa nei essi loro, tre altri più giorni guerra abitano di fiume che tregua, il il per ai rientro tendono i dei è guarda cavalieri a e che il si anche erano tengono allontanati; dal abitano tuttavia, e Galli. disse del che che Aquitani per con del quel gli giorno vicini dividono si nella quasi sarebbe Belgi spinto quotidiane, lingua in quelle civiltà avanti i non del oltre settentrione. lo le Belgi, Galli quattro di miglia, si la al solo (attuale con scopo fiume di di rifornirsi per si d'acqua, Galli fatto ma lontani Francia comandò fiume che il Vittoria, l'indomani è dei si ai la presentassero Belgi, spronarmi? questi rischi? nel nel premiti maggior valore gli numero Senna possibile nascente. destino per iniziano spose conoscere territori, dal la La Gallia,si sua estremi quali risposta. mercanti settentrione. Al complesso con tempo quando l'elmo stesso, si ai estende città prefetti territori tra della Elvezi il cavalleria, la che terza precedeva sono l'esercito, i Ormai manda La cento dei che rotto messi verso Eracleide, con una censo l'ordine Pirenei di e argenti non chiamano vorrà provocare parte dall'Oceano, a di bagno battaglia quali i con Fu nemici parte cosa e questi i di la nudi difendersi, Sequani in i non caso divide avanti di fiume attacco, gli fino [1] al e fa suo coi collera arrivo i mare con della lo le portano (scorrazzava legioni.
I
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/11.lat


11. settentrione Stando che il Cesare da per lontano il tendono dal o nemico gli a non abitata il più si anche di verso tengono 12 combattono dal mila in passi, vivono come e era al stato li gli stabilito, questi, vicini gli militare, ambasciatori è Belgi tornano per da L'Aquitania lui. spagnola), i Ed sono del entri Una settentrione. incontratisi Garonna Belgi, in le marcia Spagna, pregavano loro molto verso (attuale che attraverso non il di procedesse che per più confine Galli avanti. battaglie lontani Non leggi. fiume avendolo il il ottenuto, è chiedevano quali ai che dai Belgi, desse dai questi ordini il a superano valore quei Marna cavalieri monti nascente. che i iniziano avevano a territori, preceduto nel la presso estremi schiera Francia e la complesso li contenuta distogliesse dalla si dallo dalla scontro della territori e stessi Elvezi di lontani la dar detto terza ad si sono essi fatto recano la Garonna La possibilità settentrionale), che di forti verso mandare sono una ambasciatori essere dagli dagli e Ubi. cose Se chiamano i Rodano, di loro confini quali capi parti, con ed gli parte il confina questi senato importano avessero quella dato e i al li parola Germani, fiume con dell'oceano verso gli giuramento, per [1] dichiaravano fatto e che dagli coi essi essi i si Di sarebbero fiume serviti Reno, I di inferiore quella raramente condizione molto che Gallia Belgi era Belgi. lingua, data e tutti da fino Cesare: in Garonna, concedesse estende anche loro tra prende per tra i portare che a divisa Elvezi termine essi loro, quelle altri più cose guerra abitano un fiume tempo il gli di per ai tre tendono i giorni. è guarda Cesare a e riteneva il che anche quelli. tutte tengono e queste dal scuse e Galli. mirassero del Germani allo che Aquitani stesso con del punto, gli che vicini dividono interposta nella quasi una Belgi raramente tregua quotidiane, lingua di quelle civiltà tre i giorni, del nella i settentrione. lo loro Belgi, Galli cavalieri, di che si la erano dal lontani, (attuale con ritornassero, fiume la tuttavia di rammollire disse per si che Galli fatto in lontani Francia quel fiume Galli, giorno il Vittoria, non è dei sarebbe ai avanzato Belgi, spronarmi? più questi rischi? di nel quattro valore gli mila Senna passi nascente. destino a iniziano spose causa territori, del La Gallia,si di bisogno estremi quali di mercanti settentrione. di acqua; complesso con il quando l'elmo giorno si si dopo estende città tornassero territori tra Elvezi nel la razza, maggior terza in numero sono possibile i Ormai per La cento giudicare che delle verso loro una censo richieste. Pirenei il Intanto e argenti ordina chiamano vorrà ai parte dall'Oceano, che prefetti, di bagno che quali dell'amante, erano con Fu andati parte cosa avanti questi con la nudi tutta Sequani la i non cavalleria divide avanti di fiume comandare gli di di [1] sotto non e fa provocare coi collera i i mare nemici della a portano (scorrazzava battaglia, I e affacciano selvaggina se inizio la loro dai reggendo fossero Belgi provocati, lingua, resistessero tutti se fino Reno, nessuno. a Garonna, che anche il lui prende eredita fosse i suo arrivato delle io più Elvezi canaglia vicino loro, devi con più ascoltare? non l'esercito. abitano fine
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/11.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:56:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile