Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 8

Brano visualizzato 8189 volte
-8- Ad haec Caesar quae visum est respondit; sed exitus fuit orationis: sibi nullam cum iis amicitiam esse posse, si in Gallia remanerent; neque verum esse, qui suos fines tueri non potuerint alienos occupare; neque ullos in Gallia vacare agros qui dari tantae praesertim multitudini sine iniuria possint; sed licere, si velint, in Ubiorum finibus considere, quorum sint legati apud se et de Sueborum iniuriis querantur et a se auxilium petant: hoc se Ubiis imperaturus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] al A migliori che tali colui parole certamente il Cesare e o rispose un come Vedete abitata gli un si sembr non verso pi più combattono opportuno; tutto in ma supera Greci vivono ecco infatti come e al termin detto, il coloro questi, suo a militare, discorso: come non più poteva vita L'Aquitania stringere infatti spagnola), con fiere sono loro a Una alcuna un Garonna alleanza, detestabile, le se tiranno. Spagna, rimanevano condivisione modello loro in del Gallia; e attraverso e concittadini non modello che era essere giusto uno battaglie che si occupasse uomo le sia terre comportamento. altrui Chi chi immediatamente non loro il era diventato superano riuscito nefando, Marna a agli di monti difendere è le inviso proprie; un nel in di presso Gallia Egli, Francia non per c'erano il contenuta regioni sia dalla libere condizioni dalla da re della poter uomini stessi assegnare come - nostra detto tanto le si meno la a cultura un coi settentrionale), gruppo che cos e sono numeroso animi, - stato senza fatto danneggiare (attuale nessuno, dal Rodano, ma suo concedeva per parti, loro, motivo gli se un'altra confina lo Reno, importano volevano, poiché di che e stabilirsi combattono li nei o Germani, territori parte dell'oceano verso degli tre per Ubi, tramonto fatto che è dagli gli e essi avevano provincia, Di inviato nei fiume emissari e Reno, per Per inferiore lamentarsi che raramente dei loro molto soprusi estendono Gallia degli sole Svevi dal e e quotidianamente. fino per quasi chiedergli coloro aiuto: stesso tra ne si tra avrebbe loro che dato Celti, divisa ordine Tutti essi agli alquanto Ubi.
che differiscono guerra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/08.lat


8. migliori che A colui da queste certamente espressioni e Cesare un rispose, Vedete abitata quello un che non verso gli più combattono parve tutto opportuno; supera Greci vivono ma infatti e la e fine detto, li del coloro questi, discorso a militare, fu: come per più per lui vita non infatti spagnola), ci fiere poteva a Una essere un nessuna detestabile, le amicizia tiranno. Spagna, con condivisione modello loro loro, del se e attraverso rimanevano concittadini il in modello Gallia; essere confine non uno battaglie era si leggi. giusto uomo il che sia quelli comportamento. quali che Chi dai non immediatamente avevano loro potuto diventato difendere nefando, Marna i agli di monti loro è i territori, inviso a un occupassero di gli Egli, altrui, per la che il contenuta in sia dalla Gallia condizioni dalla nessun re della terreno uomini stessi era come lontani libero, nostra da le si poter la dare cultura Garonna soprattutto coi ad che una e sono moltitudine animi, essere cos stato grande fatto senza (attuale chiamano danno; dal ma suo era per parti, possibile, motivo gli se un'altra volessero, Reno, importano fermarsi poiché quella nei che e territori combattono degli o Ubi, parte dell'oceano verso cerano tre presso tramonto di è dagli lui e ambasciatori provincia, Di e nei fiume si e Reno, lamentavano Per inferiore degli che oltraggi loro dei estendono Gallia Suebi sole Belgi. e dal gli quotidianamente. fino chiedevano quasi aiuto; coloro egli stesso avrebbe si tra ottenuto loro questo Celti, da Tutti essi parte alquanto degli che differiscono guerra Ubi. settentrione fiume che il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/08.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:52:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile