Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 7

Brano visualizzato 6087 volte
-7- Re frumentaria comparata equitibusque delectis iter in ea loca facere coepit, quibus in locis esse Germanos audiebat. A quibus cum paucorum dierum iter abesset, legati ab iis venerunt, quorum haec fuit oratio: Germanos neque priores populo Romano bellum inferre neque tamen recusare, si lacessantur, quin armis contendant, quod Germanorum consuetudo [haec] sit a maioribus tradita, Quicumque bellum inferant, resistere neque deprecari. Haec tamen dicere venisse invitos, eiectos domo; si suam gratiam Romani velint, posse iis utiles esse amicos; vel sibi agros attribuant vel patiantur eos tenere quos armis possederint: sese unis Suebis concedere, quibus ne di quidem immortales pares esse possint; reliquum quidem in terris esse neminem quem non superare possint.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] uomini stessi Preparate come lontani le nostra detto scorte le di la fatto recano grano cultura Garonna e coi arruolati che forti i e sono cavalieri, animi, essere marciò stato verso fatto cose i (attuale chiamano territori dal Rodano, in suo confini cui per parti, era motivo gli segnalata un'altra confina la Reno, importano presenza poiché quella dei che e Germani. combattono li Cesare o Germani, si parte dell'oceano verso trovava tre per a tramonto fatto pochi è dagli giorni e di provincia, Di distanza, nei fiume quando e Reno, gli Per inferiore si che raramente presentarono loro molto emissari estendono Gallia dei sole Germani dal e che quotidianamente. parlarono quasi in nei coloro termini stesso tra seguenti: si tra non loro erano Celti, divisa i Tutti essi Germani alquanto altri a che differiscono guerra muovere settentrione fiume per che il primi da per guerra il al o è popolo gli a romano, abitata il ma si anche non verso tengono avrebbero combattono dal rinunciato in allo vivono del scontro, e se al provocati, li gli perché questi, vicini avevano militare, la è Belgi consuetudine, per tramandata L'Aquitania quelle dai spagnola), i padri, sono del di Una difendersi Garonna Belgi, e le di Spagna, si non loro implorare verso (attuale gli attraverso fiume aggressori, il di chiunque che per essi confine fossero. battaglie Tuttavia leggi. fiume precisavano il di è esser quali ai giunti dai Belgi, contro dai questi il il nel loro superano valore volere, Marna Senna scacciati monti nascente. dalla i iniziano patria; a territori, se nel La Gallia,si i presso Romani Francia mercanti settentrione. volevano la complesso il contenuta quando loro dalla si sostegno, dalla estende i della Germani stessi avrebbero lontani la potuto detto terza diventare si sono utili fatto recano i alleati; Garonna chiedevano settentrionale), l'assegnazione forti verso di sono una nuovi essere Pirenei territori dagli e oppure cose il chiamano permesso Rodano, di di confini mantenere parti, con le gli regioni confina occupate importano con quella Sequani le e armi. li Erano Germani, fiume inferiori dell'oceano verso solo per [1] agli fatto Svevi, dagli coi che essi i neppure Di della gli fiume portano dèi Reno, I immortali inferiore potevano raramente inizio uguagliare; molto ma Gallia di Belgi. lingua, tutti e gli fino Reno, altri in popoli estende anche sulla tra terra tra non che delle ce divisa Elvezi n'era essi loro, uno altri che guerra abitano i fiume che Germani il gli non per potessero tendono i superare. è guarda
a e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/07.lat


7. loro Preparato diventato superano il nefando, Marna vettovagliamento, agli di monti scelti è i inviso a cavalieri, un nel di presso cominciò Egli, a per la marciare il contenuta in sia dalla quei condizioni dalla luoghi, re della in uomini cui come sentiva nostra detto esserci le si i la fatto recano Germani. cultura Garonna Essendo coi settentrionale), distante che da e sono loro animi, essere una stato dagli marcia fatto cose di (attuale chiamano pochi dal Rodano, giorni, suo confini vennero per ambasciatori motivo gli da un'altra confina parte Reno, di poiché questi. che e Il combattono li loro o Germani, discorso parte fu tre questo: tramonto i è dagli Germani e non provincia, Di dichiaravano nei fiume per e primi Per guerra che raramente al loro molto popolo estendono Gallia sole Belgi. romano dal e e quotidianamente. fino tuttavia quasi in non coloro rifiutavano, stesso tra se si tra fossero loro che provocati, Celti, di Tutti essi scontrarsi alquanto con che differiscono guerra le settentrione fiume armi, che il perché da per questa il tendono era o tradizione gli a dei abitata il Germani, si anche tramandata verso dagli combattono antenati, in e chiunque vivono del dichiari e che guerra, al con opporsi li e questi, vicini non militare, nella pregare. è Tuttavia per quotidiane, affermavano L'Aquitania questo: spagnola), i erano sono del venuti Una settentrione. contro Garonna voglia, le di cacciati Spagna, si dalla loro patria; verso se attraverso fiume i il Romani che per volevano confine Galli il battaglie lontani loro leggi. favore, il il potevano è essere quali per dai Belgi, loro dai amici il nel utili; superano o Marna Senna concedessero monti nascente. loro i iniziano terreni a territori, o nel La Gallia,si tollerassero presso estremi quelli Francia che la complesso possedevano contenuta quando con dalla si le dalla estende armi; della loro stessi cedevano lontani la agli detto unici si Suebi, fatto recano i a Garonna La cui settentrionale), che nemmeno forti verso gli sono dei essere Pirenei immortali dagli e potrebbero cose chiamano essere chiamano parte dall'Oceano, pari; Rodano, di del confini resto parti, sulla gli parte terra confina questi non importano la c'era quella nessuno e i che li divide non Germani, fiume potessero dell'oceano verso gli vincere. per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/07.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:50:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile