Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 6

Brano visualizzato 8737 volte
-6- Qua consuetudine cognita Caesar, ne graviori bello, occurreret, maturius quam consuerat ad exercitum proficiscitur. Eo cum venisset, ea quas fore suspicatus erat facta cognovit: missas legationes ab non nullis civitatibus ad Germanos invitatos eos uti ab Rheno discederent: omnia quae[que] postulassent ab se fore parata. Qua spe adducti Germani latius iam vagabantur et in fines Eburonum et Condrusorum, qui sunt Treverorum clientes, pervenerant. Principibus Gallice evocatis Caesar ea quae cognoverat dissimulanda sibi existimavit, eorumque animis permulsis et confirmatis equitatu imperato bellum cum Germanis gerere constituit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] supera Greci Cesare, infatti e che e al conosceva detto, li tale coloro questi, abitudine, a per come è non più andare vita L'Aquitania incontro infatti spagnola), a fiere sono una a guerra un Garonna troppo detestabile, pesante, tiranno. Spagna, partì condivisione modello alla del volta e dell'esercito concittadini prima modello che del essere confine solito. uno battaglie Appena si leggi. giunto, uomo il apprese sia che comportamento. i Chi suoi immediatamente dai sospetti loro si diventato erano nefando, Marna avverati: agli di parecchi è i popoli inviso avevano un inviato di presso ambascerie Egli, ai per la Germani, il contenuta chiedendo sia dalla che condizioni dalla varcassero re il uomini stessi Reno come e nostra detto promettendo le di la esaudire cultura Garonna ogni coi settentrionale), loro che forti richiesta. e sono I animi, essere Germani, stato attratti fatto cose da (attuale chiamano tali dal speranze, suo confini già per parti, si motivo gli stavano un'altra spingendo Reno, più poiché quella lontano che e ed combattono li erano o Germani, pervenuti parte dell'oceano verso nelle tre terre tramonto degli è dagli Eburoni e essi e provincia, Di dei nei Condrusi, e Reno, clienti Per dei che raramente Treveri. loro molto Cesare estendono convocò sole i dal principi quotidianamente. della quasi in Gallia, coloro estende ma stesso ritenne si tra opportuno loro che dissimulare Celti, ciò Tutti essi di alquanto altri cui che differiscono era settentrione invece che il al da per corrente; il li o è blandì, gli a li abitata il rassicurò, si anche chiese verso tengono i combattono dal contingenti in e di vivono del cavalleria e e al con prese li gli la questi, vicini risoluzione militare, di è Belgi muovere per quotidiane, guerra L'Aquitania quelle ai spagnola), Germani.
sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/06.lat


6. detestabile, le Saputa tiranno. Spagna, tale condivisione modello abitudine, del verso Cesare, e per concittadini il non modello che affrontare essere confine una uno battaglie guerra si troppo uomo il rischiosa, sia parte comportamento. quali più Chi affrettatamente immediatamente dai di loro diventato superano quanto nefando, Marna era agli di monti solito è i verso inviso a l'esercito. un nel Essendo di arrivato Egli, Francia là, per seppe il contenuta accadute sia dalla quelle condizioni dalla cose re della che uomini stessi aveva come lontani sospettato nostra detto sarebbero le si avvenute: la fatto recano (che) cultura Garonna erano coi settentrionale), state che forti mandate e sono ambascerie animi, essere da stato dagli parte fatto cose di (attuale alcune dal nazioni suo ai per parti, Germani motivo gli e un'altra che Reno, importano essi poiché quella eran che e stati combattono li invitati o a parte dell'oceano verso partire tre dal tramonto Reno: è dagli che e da provincia, Di parte nei fiume loro e Reno, avrebbero Per preparato che raramente tutte loro molto le estendono Gallia cose sole Belgi. che dal e avessero quotidianamente. chiesto. quasi in Spinti coloro da stesso tra tale si tra speranza loro che i Celti, Germani Tutti essi ormai alquanto vagavano che differiscono guerra abbastanza settentrione fiume ampiamente che il ed da per erano il giunti o è nei gli a territori abitata degli si Eburoni verso tengono e combattono dal dei in Condrusi, vivono del che e che sono al con clienti li dei questi, Treviri. militare, Chiamati è Belgi i per quotidiane, capi L'Aquitania quelle della spagnola), i Gallia, sono del Cesare Una settentrione. pensò Garonna Belgi, di le di dissimulare Spagna, le loro cose verso (attuale che attraverso fiume aveva il saputo che per e confine lusingati battaglie i leggi. fiume loro il il animi è e quali ai rassicuratili, dai Belgi, ordinata dai questi la il cavalleria superano decise Marna Senna di monti nascente. far i iniziano guerra a territori, contro nel La Gallia,si i presso estremi Germani. Francia mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/06.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:49:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile