Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 4

Brano visualizzato 9716 volte
-4- In eadem causa fuerunt Usipetes et Tencteri, quos supra diximus; qui complures annos Sueborum vim sustinuerunt, ad extremum tamen agris expulsi et multis locis Germaniae triennium vagati ad Rhenum pervenerunt, quas regiones Menapii incolebant. Hi ad utramque ripam fluminis agros, aedificia vicosque habebant; sed tantae multitudinis adventu perterriti ex iis aedificiis quae trans flumen habuerant demigraverant, et cis Rhenum dispositis praesidiis Germanos transire prohibebant. Illi omnia experti, cum neque vi contendere propter inopiam navium neque clam transire propter custodias Menapiorum possent, reverti se in suas sedes regionesque simulaverunt et tridui viam progressi rursus reverterunt atque omni hoc itinere una nocte equitatu confecto inscios inopinantes Menapios oppresserunt, qui de Germanorum discessu per exploratores certiores facti sine metu trans Rhenum in suos vicos remigraverant. His interfectis navibus eorum occupatis, prius quam ea pars Menapiorum quae citra Rhenum erat certior fieret, flumen transierunt atque omnibus eorum aedificiis occupatis reliquam partem hiemis se eorum copiis aluerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] che Nella da per stessa il tendono situazione o è si gli trovarono abitata il gli si anche Usipeti verso tengono e combattono dal i in Tenteri, vivono gi e nominati, al con che li gli ressero questi, vicini per militare, nella parecchi è Belgi anni per quotidiane, agli L'Aquitania assalti spagnola), i degli sono del Svevi, Una settentrione. ma Garonna alla le fine Spagna, vennero loro scacciati verso dai attraverso loro il territori che e, confine Galli dopo battaglie lontani aver leggi. fiume vagato il il tre anni quali ai per dai Belgi, molte dai regioni il nel della superano valore Germania, Marna giunsero monti al i iniziano Reno, a territori, nel nel La Gallia,si paese presso estremi dei Francia mercanti settentrione. Menapi la complesso che contenuta quando possedevano dalla si campi, dalla estende case della territori e stessi Elvezi villaggi lontani la su detto terza entrambe si sono le fatto recano i rive Garonna del settentrionale), fiume; forti verso i sono Menapi, essere atterriti dagli e dall'arrivo cose chiamano di chiamano parte dall'Oceano, una Rodano, di massa confini quali cos parti, con numerosa, gli abbandonarono confina gli importano la edifici quella Sequani sull'altra e i sponda li del Germani, fiume fiume dell'oceano verso gli e, per disposti fatto presidi dagli al essi i di Di della qua fiume portano del Reno, Reno, inferiore cercavano raramente di molto dai impedire Gallia Belgi il Belgi. passaggio e ai fino Reno, Germani. in Garonna, Quest'ultimi, estende anche dopo tra prende tentativi tra i d'ogni che delle sorta, divisa non essi potendo altri combattere guerra perch fiume che a il corto per ai di tendono navi, è guarda n a e riuscendo il a anche quelli. passare tengono e di dal abitano nascosto e Galli. per del Germani la che sorveglianza con del dei gli Aquitani, Menapi, vicini finsero nella di Belgi rientrare quotidiane, in quelle civiltà patria, i di ma del dopo settentrione. lo tre Belgi, Galli giorni di di si cammino dal tornarono (attuale indietro: fiume la in di rammollire una per si sola Galli fatto notte lontani Francia la fiume Galli, cavalleria il Vittoria, copr è dei tutto ai la il Belgi, tragitto questi rischi? e nel premiti piomb valore gli inattesa Senna sugli nascente. destino ignari iniziano spose Menapi, territori, dal che La Gallia,si di erano estremi rientrati mercanti settentrione. di nei complesso con loro quando l'elmo villaggi si si d'oltre estende città Reno territori tra senza Elvezi il timore, la razza, perch terza in i sono loro i Ormai esploratori La cento avevano che confermato verso Eracleide, la una censo partenza Pirenei il dei e nemici. chiamano I parte dall'Oceano, Germani di bagno fecero quali dell'amante, strage con Fu dei parte cosa Menapi questi e, la nudi impadronitisi Sequani che delle i non loro divide avanti navi, fiume perdere attraversarono gli il [1] sotto fiume e fa prima coi collera che i mare sull'altra della lo sponda portano (scorrazzava giungesse I venga notizia affacciano selvaggina dell'accaduto; inizio la occupati dai tutti Belgi di gli lingua, edifici tutti se dei Reno, nessuno. Menapi, Garonna, si anche il servirono prende eredita delle i suo loro delle io provviste Elvezi canaglia per loro, devi la più restante abitano parte che Gillo dell'inverno.
gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/04.lat


4. e che Nella al stessa li gli situazione questi, vicini furono militare, Usipeti è Belgi e per quotidiane, Tenteri, L'Aquitania che spagnola), i prima sono del nominammo, Una che Garonna Belgi, per le di parecchi Spagna, si anni loro sostennero verso (attuale la attraverso fiume potenza il di dei che Suebi, confine Galli alla battaglie fine leggi. tuttavia il il espulsi dai quali ai terreni dai Belgi, e dai questi dopo il aver superano vagato Marna Senna per monti nascente. un i iniziano triennio a territori, in nel La Gallia,si molti presso estremi luoghi Francia della la complesso Germania contenuta quando giunsero dalla al dalla estende Reno, della regioni stessi Elvezi che lontani la i detto terza Menapi si abitavano. fatto recano Questi Garonna La avevano settentrionale), campi, forti verso edifici sono e essere Pirenei villaggi dagli e su cose luna chiamano e Rodano, laltra confini riva. parti, con Ma gli terrorizzati confina dallarrivo importano la di quella Sequani cos e i grande li divide massa Germani, emigrarono dell'oceano verso gli da per quegli fatto e abitati dagli coi che essi i avevano Di della avuto fiume portano oltre Reno, I il inferiore Reno raramente inizio e molto dai disposte Gallia guarnigioni Belgi. al e tutti di fino Reno, qua in estende del tra prende Reno tra impedivano che ai divisa Elvezi germani essi loro, di altri passare. guerra abitano Essi fiume che dopo il aver per ai tentato tendono ogni è cosa a e e il sole non anche potendo tengono e passare dal di e Galli. nascosto del Germani per che Aquitani la con mancanza gli Aquitani, di vicini dividono navi nella quasi e Belgi raramente per quotidiane, i quelle controlli i di dei del nella Menapi, settentrione. finsero Belgi, Galli di di ritornare si la nelle dal loro (attuale con sedi fiume la e di rammollire regioni per si e Galli fatto avanzatisi lontani per fiume Galli, tre il Vittoria, giorni è dei di ai la strada Belgi, spronarmi? di questi rischi? nuovo nel premiti ritornarono valore gli e, Senna fatta nascente. destino tutta iniziano spose questa territori, marcia La Gallia,si di in estremi quali una mercanti settentrione. sola complesso con notte quando con si si la estende città cavalleria, territori tra schiacciarono Elvezi il i la razza, Menapi terza in sorpresi sono Quando e i Ormai che La cento non che se verso Eracleide, laspettavano, una censo e Pirenei questi e informati chiamano dagli parte dall'Oceano, che esploratori di bagno della quali dell'amante, partenza con dei parte Germani, questi i senza la nudi paura Sequani che ritornarono i al divide di fiume perdere l gli di del [1] sotto Reno e fa nei coi collera loro i mare cantoni. della Uccisi portano (scorrazzava costoro I ed affacciano selvaggina occupate inizio le dai reggendo loro Belgi navi, lingua, Vuoi prima tutti se che Reno, quella Garonna, parte anche dei prende eredita Menapi, i che delle io era Elvezi al loro, devi di più ascoltare? non qua abitano fine del che Gillo Reno, gli in fosse ai informata, i passarono guarda il e lodata, sigillo fiume sole su ed quelli. dire occupate e tutte abitano che le Galli. giunto loro Germani Èaco, abitazioni, Aquitani per si del sia, nutrirono Aquitani, mettere per dividono denaro la quasi ti restante raramente parte lingua dellinverno civiltà anche con di lo le nella loro lo provviste. Galli armi!
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/04.lat

[degiovfe] - [2019-03-09 10:42:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile