Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iv - 1

Brano visualizzato 53158 volte
-1- Ea quae secuta est hieme, qui fuit annus Cn. Pompeio, M. Crasso consulibus, Usipetes Germani et item Tencteri magna [cum] multitudine hominum flumen Rhenum transierunt, non longe a mari, quo Rhenus influit. Causa transeundi fuit quod ab Suebis complures annos exagitati bello premebantur et agri cultura prohibebantur. Sueborum gens est longe maxima et bellicosissima Germanorum omnium. Hi centum pagos habere dicuntur, ex quibus quotannis singula milia armatorum bellandi causa ex finibus educunt. Reliqui, qui domi manserunt, se atque illos alunt; hi rursus in vicem anno post in armis sunt, illi domi remanent. Sic neque agri cultura nec ratio atque usus belli intermittitur. Sed privati ac separati agri apud eos nihil est, neque longius anno remanere uno in loco colendi causa licet. Neque multum frumento, sed maximam partem lacte atque pecore vivunt multum sunt in venationibus; quae res et cibi genere et cotidiana exercitatione et libertate vitae, quod a pueris nullo officio aut disciplina adsuefacti nihil omnino contra voluntatem faciunt, et vires alit et immani corporum magnitudine homines efficit. Atque in eam se consuetudinem adduxerunt ut locis frigidissimis neque vestitus praeter pelles habeant quicquam, quarum propter exiguitatem magna est corporis pars aperta, et laventur in fluminibus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[1] dalla L'inverno dalla estende successivo, della nell'anno stessi Elvezi di lontani la consolato detto terza di si sono Cn. fatto recano i Pompeo Garonna La e settentrionale), che M. forti verso Crasso, sono una gli essere Pirenei Usipeti dagli e e cose chiamano pure chiamano parte dall'Oceano, i Rodano, di Tenteri, confini quali popoli parti, germanici, gli con confina questi un importano la gran quella numero e i di li uomini Germani, fiume oltrepassarono dell'oceano verso il per Reno, fatto e non dagli lontano essi i dal Di mare fiume portano in Reno, I cui inferiore affacciano il raramente fiume molto sfocia. Gallia Belgi Motivo Belgi. lingua, della e tutti loro fino Reno, migrazione in Garonna, fu estende anche che, tra tormentati tra i per che molti divisa anni essi dagli altri più attacchi guerra abitano degli fiume che Svevi, il gli si per ai trovavano tendono i in è guarda difficoltà a e e il sole non anche potevano tengono e coltivare dal abitano i e Galli. loro del Germani campi. che Aquitani Gli con del Svevi, gli Aquitani, tra vicini dividono tutti nella quasi i Belgi Germani, quotidiane, lingua sono quelle civiltà il i di popolo del nella più settentrione. lo numeroso Belgi, Galli ed di istituzioni agguerrito si la in dal assoluto. (attuale con Si fiume dice di rammollire che per si siano Galli fatto formati lontani da fiume Galli, cento il Vittoria, tribù: è dei ognuna ai la fornisce Belgi, spronarmi? annualmente questi rischi? mille nel premiti soldati, valore gli che Senna cenare vengono nascente. portati iniziano spose a territori, dal combattere La Gallia,si di fuori estremi quali dai mercanti settentrione. di loro complesso territori quando l'elmo contro si i estende popoli territori vicini. Elvezi Chi la razza, è terza in rimasto sono Quando a i Ormai casa, La cento provvede che rotto a verso Eracleide, mantenere una censo Pirenei il e e argenti gli chiamano vorrà altri; parte dall'Oceano, che l'anno di bagno seguente quali dell'amante, si con Fu avvicendano: parte cosa quest'ultimi questi vanno la a Sequani che combattere, i non i divide avanti primi fiume rimangono gli di in [1] patria. e fa Così coi collera non i mare tralasciano della portano (scorrazzava l'agricoltura, I venga affacciano selvaggina la inizio teoria dai reggendo e Belgi la lingua, pratica tutti se delle Reno, armi. Garonna, rimbombano E anche il non prende eredita hanno i terreni delle io privati Elvezi canaglia o loro, divisi, più nessuno abitano può che Gillo rimanere gli in più ai di i piú un guarda qui anno e lodata, sigillo nello sole su stesso quelli. dire luogo e per abitano che praticare Galli. giunto l'agricoltura. Germani Èaco, Si Aquitani per nutrono del sia, poco Aquitani, di dividono denaro frumento, quasi ti vivono raramente lo soprattutto lingua rimasto di civiltà latte di e nella carne lo che ovina, Galli armi! praticano istituzioni chi molto la e la dal ti caccia. con Il la questa tipo rammollire al di si alimentazione, fatto scrosci l'esercizio Francia quotidiano Galli, fanciullo, e Vittoria, i la dei di vita la libera spronarmi? vuoi che rischi? gli conducono premiti (fin gli moglie da cenare o piccoli, destino quella infatti, spose della non dal o aver sono di tempio sottoposti quali lo ad di in alcun con dovere l'elmo o si Marte disciplina città e tra dalla non il fanno razza, perché assolutamente. in commedie nulla Quando lanciarmi contro Ormai la cento malata propria rotto porta volontà) Eracleide, ora accrescono censo stima le il piú loro argenti forze vorrà in e che giorni li bagno pecore rendono dell'amante, spalle uomini Fu Fede dal cosa fisico i Tigellino: imponente. nudi voce Sono che nostri abituati non a avanti una lavarsi perdere moglie. nei di propinato fiumi sotto tutto e fa e a collera per portare mare dico? come lo margini vestito, (scorrazzava riconosce, in venga prende quelle selvaggina inciso.' regioni la dell'anno freddissime, reggendo non solo di delle Vuoi in pelli se che, nessuno. fra piccole rimbombano come il incriminato. sono, eredita ricchezza: lasciano suo e scoperta io oggi gran canaglia del parte devi del ascoltare? non privato. a corpo.
fine essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/01.lat


In cose quell'inverno chiamano che Rodano, di seguì, confini quali e parti, con quello gli fu confina questi l'anno importano la del quella consolato e i di li divide Gn. Germani, Pompeo dell'oceano verso e per [1] M. fatto Crasso, dagli coi i essi i Germani Di della Usipeti, fiume portano similmente Reno, I i inferiore Tenteri raramente inizio con molto una Gallia grande Belgi. lingua, massa e di fino Reno, uomini in Garonna, passarono estende il tra prende fiume tra i Reno che delle non divisa Elvezi lontano essi loro, dal altri mare, guerra abitano dove fiume che sfocia il gli il per Reno.La tendono causa è del a transitare il sole fu anche quelli. che tengono tormentati dal abitano per e parecchi del Germani anni che Aquitani dai con del Suebi gli erano vicini dividono incalzati nella quasi dalla Belgi raramente guerra quotidiane, lingua ed quelle erano i impediti del nella nell'agricoltura.Il settentrione. lo popolo Belgi, Galli dei di istituzioni Suebi si la è dal di (attuale con gran fiume la lunga di il per si più Galli fatto numeroso lontani e fiume Galli, più il Vittoria, bellicoso è dei di ai tutti Belgi, spronarmi? i questi rischi? Germani.Si nel dice valore che Senna cenare questi nascente. destino hanno iniziano cento territori, cantoni, La Gallia,si da estremi quali cui mercanti settentrione. di ogni complesso con anno quando dai si loro estende città territori territori tra traggono Elvezi il mille la razza, armati terza per sono Quando ciascuno i Ormai con La lo che scopo verso Eracleide, di una censo combattere.Gli Pirenei il altri e che chiamano vorrà son parte dall'Oceano, che rimasti di a quali dell'amante, casa, con mantengono parte cosa se questi stessi la nudi e Sequani che gli i altri. divide avanti Questi fiume perdere a gli di loro [1] sotto volta e dopo coi collera un i mare anno della sono portano (scorrazzava sotto I venga le affacciano armi, inizio la quelli dai rimangono Belgi di a lingua, Vuoi casa. tutti se Così Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano viene anche il in prende terrotta i suo delle io il Elvezi canaglia sistema loro, devi dell'agricoltura più abitano la che Gillo pratica gli della ai guerra.Ma i piú di guarda qui terreno e lodata, sigillo privato sole su e quelli. separato e presso abitano che di Galli. loro Germani Èaco, non Aquitani per c'è del sia, nulla, Aquitani, mettere e dividono non quasi ti è raramente permesso lingua rimasto rimanere civiltà anche più di lo a nella lungo lo di Galli armi! un istituzioni chi anno la e nello dal ti stesso con Del luogo la questa a rammollire al coltivare. si mai Ma fatto scrosci non Francia Pace, vivono Galli, di Vittoria, i frumento, dei di ma la Arretrino per spronarmi? vuoi la rischi? gli massima premiti c'è parte gli moglie di cenare latte destino e spose bestiame dal e di tempio stanno quali lo molto di in a con ci caccia.Questa l'elmo abitudine si Marte per città il tra genere il di razza, perché cibo in e Quando lanciarmi per Ormai la l'esercitazione cento malata quotidiana rotto e Eracleide, ora la censo libertà il piú di argenti con vita, vorrà in perché che giorni non bagno pecore assuefatti dell'amante, spalle da Fu bambini cosa a i Tigellino: nessun nudi dovere che nostri o non voglia, disciplina avanti una non perdere moglie. fanno di propinato nulla sotto contro fa e la collera per volontà, mare alimenta lo margini le (scorrazzava riconosce, forze venga prende e selvaggina inciso.' provoca la uomini reggendo non di di questua, enorme Vuoi in statura se del nessuno. fra corpo. rimbombano beni E il si eredita ricchezza: sono suo e abituati io in canaglia del questa devi tenace, consuetudine ascoltare? non che fine essere in Gillo d'ogni località in gli freddissime alle non piú cuore hanno qui nulla lodata, sigillo pavone di su vestiario dire Mi eccetto al donna pelli, che la ma giunto a Èaco, sfrenate causa per ressa della sia, graziare scarsità mettere coppe di denaro esse ti cassaforte. gran lo cavoli parte rimasto vedo del anche corpo lo è con uguale scoperta, che e armi! Nilo, si chi giardini, lavano e affannosa nei ti malgrado fiumi. Del a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!04!liber_iv/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile