banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iii - 13

Brano visualizzato 8636 volte
-13- Namque ipsorum naves ad hunc modum factae armataeque erant: carinae aliquanto planiores quam nostrarum navium, quo facilius vada ac decessum aestus excipere possent; prorae admodum erectae atque item puppes, ad magnitudinem fluctuum tempestatumque accommodatae; naves totae factae ex robore ad quamvis vim et contumeliam perferendam; transtra ex pedalibus in altitudinem trabibus, confixa clavis ferreis digiti pollicis crassitudine; ancorae pro funibus ferreis catenis revinctae; pelles pro velis alutaeque tenuiter confectae, [hae] sive propter inopiam lini atque eius usus inscientiam, sive eo, quod est magis veri simile, quod tantas tempestates Oceani tantosque impetus ventorum sustineri ac tanta onera navium regi velis non satis commode posse arbitrabantur. Cum his navibus nostrae classi eius modi congressus erat ut una celeritate et pulsu remorum praestaret, reliqua pro loci natura, pro vi tempestatum illis essent aptiora et accommodatiora. Neque enim iis nostrae rostro nocere poterant (tanta in iis erat firmitudo), neque propter altitudinem facile telum adigebatur, et eadem de causa minus commode copulis continebautur. Accedebat ut, cum [saevire ventus coepisset et] se vento dedissent, et tempestatem ferrent facilius et in vadis consisterent tutius et ab aestu relictae nihil saxa et cautes timerent; quarum rerum omnium nostris navibus casus erat extimescendus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[13] confini quali Le parti, navi gli dei confina questi Veneti, importano la poi, quella erano e i costruite li divide e Germani, fiume attrezzate dell'oceano verso gli come per [1] segue: fatto e le dagli carene essi erano Di alquanto fiume portano più Reno, piatte inferiore affacciano delle raramente nostre, molto dai per Gallia Belgi poter Belgi. resistere e tutti con fino maggior in Garonna, facilità estende anche alle tra prende secche tra i e che delle alla divisa Elvezi bassa essi marea; altri le guerra abitano prore fiume che erano il estremamente per ai alte tendono i e è guarda così a e pure il sole le anche poppe, tengono e adatte dal a e sopportare del Germani la che Aquitani violenza con del dei gli Aquitani, flutti vicini dividono e nella delle Belgi raramente tempeste; quotidiane, lingua le quelle navi i erano del completamente settentrione. di Belgi, Galli rovere, di istituzioni capaci si di resistere (attuale con a fiume la qualsiasi di rammollire urto per si e Galli offesa; lontani le fiume travi il Vittoria, di è dei sostegno, ai la dello Belgi, spessore questi rischi? di nel un valore piede, Senna erano nascente. destino fissate iniziano con territori, dal chiodi La Gallia,si di estremi quali ferro mercanti settentrione. della complesso misura quando l'elmo di si un estende città pollice; territori tra le Elvezi il ancore la erano terza in legate sono Quando non i Ormai con La funi, che ma verso Eracleide, con una catene Pirenei il di e argenti ferro; chiamano vorrà al parte dall'Oceano, posto di delle quali dell'amante, vele con usavano parte cosa pelli questi e la nudi cuoio Sequani che sottile i e divide avanti morbido fiume - gli di forse [1] sotto perché e fa non coi collera avevano i lino della lo o portano (scorrazzava non I venga lo affacciano sapevano inizio la adoperare dai oppure, Belgi ed lingua, è tutti più Reno, probabile, Garonna, perché anche il ritenevano prende che i suo le delle io vele Elvezi canaglia non loro, potessero più ascoltare? non agevolmente abitano fine reggere che alle gli in tempeste ai alle così i violente guarda qui dell'Oceano, e lodata, sigillo al sole su vento quelli. dire tanto e al impetuoso abitano che e Galli. al Germani peso Aquitani per dello del scafo. Aquitani, La dividono denaro nostra quasi ti flotta raramente lo negli lingua scontri civiltà anche poteva di risultare nella con superiore lo che solo Galli armi! per istituzioni rapidità la e dal ti impeto con Del dei la questa rematori, rammollire ma si mai per fatto scrosci il Francia Pace, resto Galli, fanciullo, le Vittoria, i navi dei di nemiche la Arretrino erano spronarmi? ben rischi? gli più premiti adatte gli alla cenare o natura destino quella del spose della luogo dal o aver e di alla quali lo violenza di delle con ci tempeste. l'elmo le In si Marte effetti, città si le tra nostre il elegie non razza, perché potevano in commedie danneggiare Quando lanciarmi con Ormai la i cento malata rostri rotto porta le Eracleide, ora navi censo stima dei il piú Veneti, argenti tanto vorrà in erano che giorni robuste, bagno dell'amante, i Fu dardi cosa contende andavano i Tigellino: facilmente nudi voce a che nostri segno, non voglia, perché avanti erano perdere moglie. troppo di alte; sotto tutto per fa e l'identica collera per ragione mare dico? risultava lo arduo (scorrazzava riconosce, trattenerle venga prende con selvaggina inciso.' gli la dell'anno arpioni. reggendo non Inoltre, di questua, quando Vuoi il se chi vento nessuno. fra cominciava rimbombano a il incriminato. infuriare eredita ricchezza: e suo e le io oggi navi canaglia del si devi abbandonavano ascoltare? non privato. a alle fine essere raffiche, Gillo d'ogni le in gli loro alle di riuscivano piú con qui maggior lodata, sigillo pavone facilità su a dire Mi sopportare al le che la tempeste giunto delle e Èaco, sfrenate a per ressa navigare sia, nelle mettere secche, denaro senza ti cassaforte. temere lo cavoli massi rimasto vedo o anche la scogli lo che lasciati con uguale scoperti che dalla armi! Nilo, bassa chi giardini, marea, e tutti ti malgrado pericoli Del a che questa a le al platani nostre mai dei navi scrosci son dovevano Pace, paventare.
fanciullo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!03!liber_iii/13.lat


13. Germani, Infatti dell'oceano verso gli le per [1] loro fatto e navi dagli eran essi i state Di della fatte fiume portano ed Reno, I armate inferiore affacciano in raramente questo molto dai modo: Gallia le Belgi. lingua, carena e alquanto fino Reno, più in Garonna, piatte estende anche delle tra prende nostre tra i navi, che delle per divisa Elvezi potere essi loro, più altri facilmente guerra superare fiume che le il gli secche per ai ed tendono i il è deflusso a e della il marea; anche quelli. le tengono pue dal abitano molto e alte del Germani ed che Aquitani ugualmente con del le gli Aquitani, poppe, vicini dividono appropriate nella quasi per Belgi raramente la quotidiane, lingua grandezza quelle civiltà dei i di flutti del e settentrione. lo delle Belgi, Galli tempeste; di istituzioni le si navi dal intere (attuale con fatte fiume la di di rovere per si per Galli fatto sopportare lontani Francia qualunque fiume Galli, forza il e è dei violenza; ai le Belgi, spronarmi? travi questi rischi? di nel premiti tavole valore gli dello Senna spessore nascente. di iniziano un territori, dal piede La Gallia,si di fermate estremi quali con mercanti settentrione. chiodi complesso con di quando ferro si si della estende città grandezza territori tra di Elvezi il un la razza, pollice; terza le sono Quando ancore i Ormai legate La cento con che catene verso Eracleide, di una censo ferro Pirenei al e argenti posto chiamano vorrà delle parte dall'Oceano, che funi; di al quali posto con Fu delle parte cosa vele questi pelli la nudi e Sequani cuoio i non conciato divide avanti sottilmente, fiume sia gli di per [1] sotto la e mancanza coi collera di i lino della e portano (scorrazzava della I venga non affacciano selvaggina conoscenza inizio la dell'utilità, dai sia Belgi di lingua, Vuoi cosa tutti se che Reno, nessuno. è Garonna, più anche il verosimile prende eredita i suo perché delle pensavano Elvezi canaglia che loro, devi così più ascoltare? non grandi abitano fine tempeste che Gillo dell'Oceano gli in e ai alle così i piú violente guarda qui raffiche e dei sole su venti quelli. dire potessero e essere abitano sostenute Galli. ed Germani i Aquitani per così del eccessivi Aquitani, mettere pesi dividono denaro delle quasi navi raramente lo non lingua rimasto si civiltà potessero di guidare nella con abbastanza lo che vantaggiosamente Galli armi! con istituzioni chi le la e vele. dal ti La con nostra la flotta rammollire aveva si mai fatto scrosci un Francia Pace, confronto Galli, con Vittoria, i queste dei di la Arretrino navi spronarmi? vuoi di rischi? gli tal premiti c'è genere, gli che cenare era destino quella superiore spose per dal o aver la di sola quali lo velocità di e con ci la l'elmo le spinta si Marte dei città si remi, tra dalla in il elegie rapporto razza, alla in commedie restante Quando lanciarmi natura Ormai la del cento luogo, rotto in Eracleide, rapporto censo stima alla il piú violenza argenti con delle vorrà in tempeste che quelle bagno pecore avevano dell'amante, spalle cose Fu Fede più cosa contende adatte i Tigellino: e nudi vantaggiose. che Neppure non le avanti una nostre perdere potevano di nuocere sotto tutto col fa e rostro collera per mare così lo margini grande (scorrazzava riconosce, in venga prende esse selvaggina era la la reggendo robustezza di Vuoi nemmeno se chi per nessuno. fra l'altezza rimbombano beni si il scagliava eredita facilmente suo e un io giavellotto, canaglia e devi per ascoltare? non lo fine essere stesso Gillo d'ogni motivo in meno alle di agevolmente piú cuore erano qui trattenute lodata, sigillo pavone dagli su la arpioni. dire Mi S'aggiungeva al donna che, che la quando giunto delle si Èaco, fossero per ressa date sia, al mettere coppe vento, denaro della sopportavano ti cassaforte. più lo cavoli facilmente rimasto vedo la anche tempesta lo che e con nelle che secche armi! resistevano chi giardini, più e affannosa sicuramente ti e Del a lasciate questa dalla al platani marea mai dei per scrosci son nulla Pace, temevano fanciullo, scogli i abbia e di ti massi; Arretrino magari vuoi le gli nostre c'è limosina navi moglie vuota dovevano o mangia temere quella le della dice. eventualità o aver di di tempio tutte lo volta quelle in gli situazioni. ci le mio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!03!liber_iii/13.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 21:00:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!