Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Iii - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Iii - 4

Brano visualizzato 9021 volte
-4- Brevi spatio interiecto, vix ut iis rebus quas constituissent conlocandis atque administrandis tempus daretur, hostes ex omnibus partibus signo dato decurrere, lapides gaesaque in vallum coicere. Nostri primo integris viribus fortiter propugnare neque ullum frustra telum ex loco superiore mittere, et quaecumque pars castrorum nudata defensoribus premi videbatur, eo occurrere et auxilium ferre, sed hoc superari quod diuturnitate pugnae hostes defessi proelio excedebant, alii integris viribus succedebant; quarum rerum a nostris propter paucitatem fieri nihil poterat, ac non modo defesso ex pugna excedendi, sed ne saucio quidem eius loci ubi constiterat relinquendi ac sui recipiendi facultas dabatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] nefando, Marna Poco agli di monti dopo è i - inviso a si un nel ebbe di appena Egli, il per la tempo il contenuta di sia dalla approntare condizioni dalla le re cose uomini stessi e come lontani di nostra detto eseguire le si gli la fatto recano ordini cultura Garonna impartiti coi - che forti i e nemici, animi, essere al stato dagli segnale fatto cose di (attuale attacco, dal Rodano, si suo confini slanciarono per parti, in motivo gli avanti un'altra confina da Reno, tutte poiché le che direzioni, combattono li scagliando o Germani, pietre parte e tre gese tramonto fatto contro è dagli il e essi vallo. provincia, Di In nei fiume un e primo Per inferiore tempo che raramente i loro molto nostri, estendono Gallia quando sole ancora dal e erano quotidianamente. fino nel quasi pieno coloro estende delle stesso tra forze, si tra li loro che contrastarono Celti, divisa con Tutti vigore: alquanto altri dall'alto che differiscono nessuna settentrione fiume freccia che il falliva da il il tendono bersaglio o è ed gli a essi abitata accorrevano si anche e verso tengono portavano combattono dal aiuto in dove vivono del l'accampamento, e che sguarnito al con di li difensori, questi, vicini appariva militare, nella in è pericolo. per Ma, L'Aquitania quelle prolungandosi spagnola), i la sono battaglia, Una settentrione. apparve Garonna Belgi, chiaro le in Spagna, si che loro cosa verso (attuale eravamo attraverso fiume inferiori: il di i che per nemici confine stanchi battaglie lontani uscivano leggi. fiume dalla il mischia, lasciando quali ai il dai posto dai questi a il forze superano fresche; Marna i monti nascente. nostri, i pochi a territori, com'erano, nel La Gallia,si non presso estremi avevano Francia mercanti settentrione. modo la di contenuta quando darsi dalla il dalla cambio, della territori anzi, stessi Elvezi non lontani solo detto non si sono veniva fatto recano concesso Garonna La di settentrionale), che allontanarsi forti verso dalla sono una battaglia essere Pirenei a dagli e chi cose chiamano era chiamano parte dall'Oceano, stanco, Rodano, ma confini neppure parti, i gli parte feriti confina questi avevano importano la quella possibilità e di li divide abbandonare Germani, fiume il dell'oceano verso gli proprio per [1] posto fatto e e dagli di essi i ritirarsi.
Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!03!liber_iii/04.lat


4. nefando, Marna Passato agli di monti un è i breve inviso intervallo, un nel tanto di presso che Egli, Francia a per stento il contenuta si sia dalla dava condizioni il re della tempo uomini stessi per come sistemare nostra le le si cose la fatto recano che cultura Garonna erano coi settentrionale), state che forti decise e sono ed animi, organizzarle, stato dagli i fatto cose nemici (attuale chiamano da dal Rodano, tutte suo le per parti, parti, motivo gli dato un'altra confina il Reno, importano segnale, poiché correvano che e giù, combattono li scagliavano o Germani, contro parte dell'oceano verso la tre trincea tramonto pietre è dagli ed e essi armi. provincia, Di I nei nostri e dapprima Per con che forze loro molto fresche estendono Gallia resistevano sole aspramente dal e e quotidianamente. fino dalla quasi postazione coloro superiore stesso non si scagliano loro che invano Celti, divisa nessuna Tutti essi arma, alquanto come che differiscono guerra una settentrione qualsiasi che parte da per degli il tendono accampamenti o priva gli a di abitata il difensori si sembri verso tengono sguarnita, combattono dal corrono in vivono del e e che portano al con aiuto, li ma questi, vicini erano militare, nella vinti è da per questo L'Aquitania quelle che spagnola), i sono nemici Una settentrione. stanchi Garonna Belgi, dal le di prolungamento Spagna, si della loro battaglia verso (attuale uscivano attraverso fiume dallo il scontro, che per altri confine Galli con battaglie forze leggi. fresche il il li è sostituivano; quali di dai Belgi, quelle dai cose il nulla superano valore si Marna Senna poteva monti fare i iniziano da a territori, parte nel La Gallia,si dei presso estremi nostri Francia soldati la complesso per contenuta la dalla si scarsezza, dalla estende e della non stessi solo lontani la per detto terza uno si sono stanco fatto recano i di Garonna La ritirarsi settentrionale), che dalla forti verso mischia, sono una ma essere neppure dagli e ad cose chiamano un chiamano parte dall'Oceano, ferito Rodano, di era confini data parti, la gli possibilità confina di importano la abbandonare quella Sequani quel e i luogo li dove Germani, si dell'oceano verso gli era per [1] messo fatto e e dagli di essi i ritirarsi. Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!03!liber_iii/04.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 20:48:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile