Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 27

Brano visualizzato 13357 volte
-27- Horum adventu tanta rerum commutatio est facta ut nostri, etiam qui vulneribus confecti procubuissent, scutis innixi proelium redintegrarent, calones perterritos hostes conspicati etiam inermes armatis occurrerent, equites vero, ut turpitudinem fugae virtute delerent, omnibus in locis pugnae se legionariis militibus praeferrent. At hostes, etiam in extrema spe salutis, tantam virtutem praestiterunt ut, cum primi eorum cecidissent, proximi iacentibus insisterent atque ex eorum corporibus pugnarent, his deiectis et coacervatis cadaveribus qui superessent ut ex tumulo tela in nostros conicerent et pila intercepta remitterent: ut non nequiquam tantae virtutis homines iudicari deberet ausos esse transire latissimum flumen, ascendere altissimas ripas, subire iniquissimum locum; quae facilia ex difficillimis animi magnitudo redegerat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[27] nostra Il le si loro la fatto recano arrivo cultura capovolse coi la che forti situazione: e sono perfino animi, essere i stato dagli nostri fatto cose feriti (attuale chiamano si dal Rodano, rialzavano suo da per terra motivo appoggiandosi un'altra confina agli Reno, scudi poiché e che e riprendevano combattono a o Germani, combattere. parte I tre per caloni, tramonto fatto avendo è dagli visto e essi i provincia, Di nemici nei impauriti, e Reno, affrontavano Per anche che raramente disarmati loro molto chi estendono Gallia era sole Belgi. armato. dal I quotidianamente. fino cavalieri, quasi in poi, coloro estende per stesso tra cancellare si la loro vergogna Celti, divisa della Tutti essi fuga alquanto altri con che differiscono una settentrione prova che il di da per valore, il tendono in o è tutte gli a le abitata il zone si anche dello verso tengono scontro combattono precedevano in e i vivono del legionari. e che Ma al i li gli nemici, questi, vicini anche militare, nella ridotti è Belgi quasi per quotidiane, alla L'Aquitania quelle disperazione, spagnola), diedero sono del prova Una di Garonna grandissimo le di valore, Spagna, al loro punto verso (attuale che attraverso fiume i il soldati che per delle confine Galli seconde battaglie lontani file leggi. salivano il il sui corpi quali ai dei dai Belgi, primi dai questi caduti il nel e superano valore da Marna Senna monti nascente. combattevano; i iniziano abbattuti a territori, anch'essi, nel La Gallia,si si presso estremi formavano Francia mercanti settentrione. mucchi la complesso di contenuta quando cadaveri, dalla si dai dalla estende quali della territori i stessi superstiti, lontani la come detto terza da si sono un fatto recano i tumulo, Garonna lanciavano settentrionale), che frecce forti verso sui sono una nostri essere Pirenei e dagli e scagliavano cose chiamano indietro chiamano parte dall'Oceano, i Rodano, di giavellotti confini da parti, essi gli parte intercettati. confina questi Non importano era quella Sequani da e ritenersi li divide senza Germani, fiume ragione dell'oceano verso gli che per uomini fatto così dagli coi valorosi essi i avessero Di della osato fiume portano attraverso Reno, un inferiore affacciano fiume raramente larghissimo, molto scalare Gallia Belgi un Belgi. monte e tutti tanto fino alto in Garonna, e estende anche muovere tra prende all'attacco tra i da che delle una divisa Elvezi posizione essi loro, assolutamente altri più sfavorevole: guerra abitano il fiume che loro il gli eroismo per ai aveva tendono i reso è guarda facili a e delle il imprese anche estremamente tengono e difficili.
dal abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/27.lat


27. animi, Con stato dagli la'arrivo fatto cose di (attuale chiamano costoro dal avvenne suo confini un per parti, così motivo gli grande un'altra cambiamento Reno, importano delle poiché cose, che e che combattono li i o Germani, nostri, parte dell'oceano verso anche tre quelli tramonto che è dagli erano e essi caduti provincia, colpiti nei fiume da e Reno, ferite, Per appoggiandosi che raramente agli loro molto scudi estendono riprendevano sole il dal e combattimento, quotidianamente. fino i quasi in portatori coloro estende avendo stesso tra visto si tra i loro che nemici Celti, terrorizzati Tutti essi anche alquanto altri inermi che differiscono guerra correvano settentrione fiume contro che il agli da per armati, il tendono i o è cavalieri gli poi, abitata il per si anche cancellare verso tengono la combattono dal vergogna in della vivono del fuga, e che in al con tutti li gli i questi, vicini luoghi militare, combattendo è Belgi con per quotidiane, ardore L'Aquitania quelle si spagnola), spingevano sono oltre Una settentrione. i Garonna soldati le di legionari. Spagna, Ma loro verso (attuale i attraverso fiume nemici, il anche che per alla confine Galli fine battaglie lontani della leggi. speranza il il di è salvezza, quali mostrarono dai un dai questi così il nel grande superano eroismo Marna Senna che, monti nascente. quando i iniziano cadevano a i nel La Gallia,si primi presso estremi di Francia loro, la complesso i contenuta vicini dalla si salivano dalla estende sui della territori caduti stessi Elvezi e lontani la dai detto terza loro si corpi fatto recano i combattevano, Garonna La caduti settentrionale), questi forti verso ed sono una ammucchiati essere Pirenei i dagli e cadaveri, cose chiamano quelli chiamano parte dall'Oceano, che Rodano, di sopravvivevano confini quali dal parti, cumulo gli scagliavano confina questi armi importano la contro quella Sequani i e i nostri li ed Germani, fiume i dell'oceano verso gli giavellotti per intercettati fatto e li dagli coi rimandavano: essi i a Di tal fiume portano punto Reno, che inferiore affacciano non raramente inizio si molto riusciva Gallia Belgi a Belgi. pensare e assolutamente fino Reno, che in uomini estende anche di tra prende così tra grande che delle eroismo divisa avessero essi loro, osato altri passare guerra abitano un fiume che fiume il gli larghissimo, per scalare tendono i altissime è guarda rive, a e affrontare il sole una anche quelli. postazione tengono molto dal abitano sfavorevole; e queste del cose che la con del grandezza gli d'animo vicini dividono le nella aveva Belgi raramente rese quotidiane, facili quelle civiltà da i di difficilissime del (quali settentrione. erano). Belgi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/27.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:34:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile