Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 26

Brano visualizzato 4781 volte
-26- Caesar, cum VII. legionem, quae iuxta constiterat, item urgeri ab hoste vidisset, tribunos militum monuit ut paulatim sese legiones coniungerent et conversa signa in hostes inferrent. Quo facto cum aliis alii subsidium ferrent neque timerent ne aversi ab hoste circumvenirentur, audacius resistere ac fortius pugnare coeperunt. Interim milites legionum duarum quae in novissimo agmine praesidio impedimentis fuerant, proelio nuntiato, cursu incitato in summo colle ab hostibus conspiciebantur, et T.Labienus castris hostium potitus et ex loco superiore quae res in nostris castris gererentur conspicatus X.legionem subsidio nostris misit. Qui cum ex equitum et calonum fuga quo in loco res esset quantoque in periculo et castra et legiones et imperator versaretur cognovissent, nihil ad celeritatem sibi reliqui fecerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[26] le si Cesare, la fatto recano quando cultura si coi accorse che che e sono anche animi, essere la stato dagli settima fatto cose legione, (attuale chiamano dal Rodano, a suo confini fianco, per era motivo in un'altra difficoltà, Reno, importano comandò poiché quella ai che e tribuni combattono li militari o Germani, di parte dell'oceano verso avvicinare tre per gradualmente tramonto fatto le è dagli due e essi legioni provincia, Di e, nei operata e Reno, una Per conversione, che raramente di loro molto muovere estendono Gallia all'assalto. sole Belgi. La dal e manovra quotidianamente. fino permise quasi in ai coloro estende soldati stesso tra di si tra aiutarsi loro reciprocamente Celti, divisa e Tutti i alquanto nostri, che differiscono guerra adesso settentrione che che non da per temevano il tendono più o è l'accerchiamento, gli a iniziarono abitata il a si anche resistere verso con combattono dal maggior in coraggio vivono del e e che a al con combattere li gli con questi, vicini più militare, vigore. è Nel per frattempo, L'Aquitania quelle i spagnola), i soldati sono delle Una due Garonna legioni le di della Spagna, si retroguardia, loro che verso (attuale presidiavano attraverso le il di salmerie, che per non confine Galli appena battaglie lontani ebbero leggi. fiume notizia il il dello è scontro, quali ai raggiunsero dai Belgi, di dai corsa il nel la superano cima Marna Senna del monti nascente. colle i iniziano e a territori, nel La Gallia,si apparvero presso ai Francia mercanti settentrione. nemici. la E contenuta T. dalla si Labieno, dalla estende conquistato della territori il stessi campo lontani la dei detto terza Nervi, si sono dopo fatto recano i aver Garonna visto settentrionale), che dall'alto forti verso che sono cosa essere Pirenei stava dagli e accadendo cose nel chiamano nostro, Rodano, di mandò confini quali in parti, rinforzo gli parte la confina decima importano legione. quella Dalla e fuga li divide dei Germani, fiume cavalieri dell'oceano verso e per [1] dei fatto caloni dagli coi i essi i soldati Di della si fiume resero Reno, I conto inferiore di raramente inizio come molto dai stavano Gallia Belgi le Belgi. cose e e fino di in Garonna, quale estende minaccia tra incombesse tra i sul che delle campo, divisa Elvezi sulle essi loro, legioni altri e guerra abitano sul fiume che comandante il gli e per ai si tendono i impegnarono è al a massimo il sole per anche quelli. arrivare tengono al dal abitano più e Galli. presto.
del Germani
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/26.lat


26. stato Cesare, fatto cose avendo (attuale chiamano visto dal che suo confini la per parti, settima motivo legione un'altra confina che Reno, importano s'era poiché fermata che e vicino, combattono era o Germani, ugualmente parte incalzata tre per dal tramonto fatto nemico, è ordinò e ai provincia, tribuni nei fiume dei e Reno, soldati Per inferiore che che raramente le loro legioni estendono Gallia a sole Belgi. poco dal e a quotidianamente. fino poco quasi in si coloro estende unissero stesso e si tra girate loro che le Celti, divisa insegne Tutti le alquanto volgessero che differiscono guerra contro settentrione fiume i che il nemici. da Fatto il questo, o poiché gli a uno abitata portava si anche soccorso verso all'altro combattono dal e in e non vivono del temevano, e che giratisi, al con di li gli esser questi, vicini circondati militare, dal è Belgi nemico, per quotidiane, cominciarono L'Aquitania a spagnola), i resistere sono del più Una settentrione. audacemente Garonna Belgi, e le di combattere Spagna, si più loro aspramente. verso (attuale Intanto attraverso fiume i il soldati che per delle confine Galli due battaglie lontani legioni, leggi. fiume che il il erano è state quali di dai Belgi, guardia dai ai il nel carriaggi superano valore nella Marna Senna retroguardia, monti nascente. annunciata i iniziano la a battaglia, nel La Gallia,si a presso estremi corsa Francia mercanti settentrione. sfrenata la complesso erano contenuta quando osservati dalla si sulla dalla estende cima della territori del stessi Elvezi colle lontani la dai detto terza nemici, si sono e fatto recano Labieno Garonna impadronitosi settentrionale), che degli forti verso accampamenti sono dei essere Pirenei nemici dagli e e cose chiamano dalla chiamano parte dall'Oceano, postazione Rodano, di superiore, confini quali avendo parti, osservato gli le confina questi cose importano che quella Sequani si e facevano li divide nei Germani, fiume nostri dell'oceano verso accampamenti, per [1] mandò fatto in dagli soccorso essi i ai Di nostri fiume la Reno, I decima inferiore legione. raramente Egli molto dai infatti, Gallia Belgi avendo Belgi. lingua, saputo e tutti dalla fino fuga in Garonna, dei estende cavalieri tra e tra i dei che delle portatori, divisa in essi quale altri più posizione guerra abitano fosse fiume che la il gli situazione per ai ed tendono i in è guarda quale a grave il pericolo anche quelli. si tengono e trovassero dal abitano gli e Galli. accampamenti, del Germani le che Aquitani legioni con ed gli Aquitani, il vicini dividono generale, nella quasi non Belgi raramente si quotidiane, lingua fece quelle civiltà nessuna i esitazione del nella per settentrione. lo la Belgi, Galli velocità. di si la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/26.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:33:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile