banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 21

Brano visualizzato 24433 volte
-21- Caesar, necessariis rebus imperatis, ad cohortandos milites, quam [in] partem fors obtulit, decucurrit et ad legionem decimam devenit. Milites non longiore oratione cohortatus quam uti suae pristinae virtutis memoriam retinerent neu perturbarentur animo hostiumque impetum fortiter sustinerent, quod non longius hostes aberant quam quo telum adigi posset, proelii committendi signum dedit. Atque in alteram item cohortandi causa profectus pugnantibus occurrit. Temporis tanta fuit exiguitas hostiumque tam paratus ad dimicandum animus ut non modo ad insignia accommodanda sed etiam ad galeas induendas scutisque tegimenta detrahenda tempus defuerit. Quam quisque ab opere in partem casu devenit quaeque prima signa conspexit, ad haec constitit, ne in quaerendis suis pugnandi tempus dimitteret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[21] nefando, Marna Cesare, agli di monti impartiti è i gli inviso ordini un nel necessari, di presso corse Egli, Francia a per spronare il contenuta i sia dalla soldati, condizioni guidato re della dal uomini caso: come lontani capitò nostra detto dalla le si decima la fatto recano legione. cultura Garonna Si coi settentrionale), limitò che forti a e sono incitare animi, essere i stato soldati fatto cose a (attuale chiamano ricordarsi dal dell'antico suo valore, per a motivo gli non un'altra confina lasciarsi Reno, turbare, poiché a che e reggere combattono con o Germani, vigore parte dell'oceano verso all'assalto tre per nemico. tramonto fatto Dato è dagli che e essi i provincia, Di Nervi nei erano e Reno, quasi Per a che tiro loro e estendono i sole Belgi. nostri dal potevano quotidianamente. fino colpirli quasi con coloro estende le stesso tra frecce, si tra diede loro che il Celti, divisa segnale Tutti essi d'attacco. alquanto E che differiscono guerra poi settentrione fiume si che precipitò da in il tendono un'altra o è direzione, gli a sempre abitata il con si anche lo verso tengono scopo combattono di in e incoraggiare vivono del i e che soldati, al con ma li gli li questi, vicini trovò militare, nella che è stavano per già L'Aquitania combattendo. spagnola), i Il sono del tempo Una fu Garonna Belgi, talmente le di breve Spagna, e loro i verso (attuale nemici attraverso così il di risoluti che per che confine Galli i battaglie nostri leggi. fiume non il il riuscirono è non quali ai solo dai Belgi, ad dai questi applicare il nel i superano fregi, Marna Senna ma monti neppure i a a mettersi nel La Gallia,si in presso testa Francia mercanti settentrione. gli la complesso elmi contenuta quando o dalla si a dalla togliere della territori le stessi Elvezi fodere lontani dagli detto terza scudi. si sono Chi fatto recano i tornava Garonna La dai settentrionale), che lavori forti verso si sono fermò essere dove dagli capitava, cose chiamano presso chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di prime confini quali insegne parti, con che gli vide, confina questi per importano non quella perdere e i tempo li alla Germani, ricerca dell'oceano verso gli della per [1] sua fatto e unità dagli coi di essi i appartenenza.
Di della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/21.lat


21. re Cesare, uomini stessi ordinate come lontani le nostra cose le necessarie, la fatto recano corse cultura giù coi ad che forti esortare e sono i animi, soldati, stato in fatto quella (attuale parte dal Rodano, che suo confini la per sorte motivo offriva un'altra e Reno, importano venne poiché quella che alla combattono li decima o Germani, legione. parte dell'oceano verso Esortati tre per i tramonto fatto soldati è dagli con e essi un provincia, discorso nei fiume non e Reno, più Per inferiore lungo, che raramente del loro fatto estendono Gallia che sole Belgi. mantenessero dal e il quotidianamente. fino ricordo quasi del coloro estende proprio stesso tra antico si tra valore loro che e Celti, non Tutti si alquanto altri turbassero che differiscono guerra nell'animo settentrione fiume e che il sostenessero da saldamente il tendono l'attacco o è dei gli a nemici, abitata perché si anche i verso tengono nemici combattono dal non in distavano vivono più e che lontano al con di li gli quanto questi, vicini si militare, potesse è Belgi lanciare per quotidiane, un L'Aquitania giavellotto, spagnola), i diede sono del il Una settentrione. segnale Garonna Belgi, di le di attaccare Spagna, si battaglia. loro E verso (attuale partito attraverso fiume verso il di l'altra che parte confine Galli similmente battaglie per leggi. fiume esortare, il corse è dai quali combattenti. dai Belgi, Fu dai così il grande superano valore la Marna pochezza monti nascente. del i iniziano tempo a territori, e nel La Gallia,si così presso estremi pronto Francia l'animo la complesso dei contenuta quando nemici dalla si a dalla estende combattere, della che stessi Elvezi non lontani solo detto terza per si preparare fatto recano i le Garonna La insegne, settentrionale), che ma forti verso anche sono per essere indossare dagli gli cose chiamano elmi chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di togliere confini quali le parti, con protezioni gli parte agli confina questi scudi, importano la mancò quella Sequani il e i tempo. li Nelle Germani, fiume parte dell'oceano verso gli in per cui fatto ognuno dagli coi casualmente essi giunse Di della e fiume le Reno, prime inferiore affacciano insegne raramente inizio che molto dai vide, Gallia Belgi presso Belgi. queste e tutti si fino fermò, in Garonna, per estende anche non tra prende perder tra i l'occasione che delle di divisa combattere essi nel altri cercare guerra i fiume suoi. il gli per tendono i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/21.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:24:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!