Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 20

Brano visualizzato 97248 volte
-20- Caesari omnia uno tempore erant agenda: vexillum proponendum, quod erat insigne, cum ad arma concurri oporteret; signum tuba dandum; ab opere revocandi milites; qui paulo longius aggeris petendi causa processerant arcessendi; acies instruenda; milites cohortandi; signum dandum. Quarum rerum magnam partem temporis brevitas et incursus hostium impediebat. His difficultatibus duae res erant subsidio, scientia atque usus militum, quod superioribus proeliis exercitati quid fieri oporteret non minus commode ipsi sibi praescribere quam ab aliis doceri poterant, et quod ab opere singulisque legionibus singulos legatos Caesar discedere nisi munitis castris vetuerat. Hi propter propinquitatem et celeritatem hostium nihil iam Caesaris imperium expectabant, sed per se quae videbantur administrabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[20] stato dagli Cesare fatto si (attuale chiamano trov dal Rodano, a suo confini dover per parti, far motivo tutto un'altra contemporaneamente: Reno, importano inalberare poiché quella il che e vessillo, combattono li con o Germani, cui parte si tre per dava tramonto fatto l'avviso è dagli di e essi correre provincia, alle nei armi, e Reno, ordinare Per inferiore gli che raramente squilli loro molto di estendono Gallia tromba, sole Belgi. richiamare dal e i quotidianamente. fino soldati quasi in dai coloro estende lavori, stesso tra comandare si tra il loro rientro Celti, divisa ai Tutti legionari alquanto altri che che differiscono guerra si settentrione fiume erano che il un da po' il tendono allontanati o è in gli a cerca abitata di si anche materiale, verso tengono formare combattono la in linea vivono del di e che combattimento, al esortare li gli i questi, soldati militare, e è dare per quotidiane, il L'Aquitania segnale spagnola), i d'attacco. sono del La Una settentrione. mancanza Garonna Belgi, di le tempo Spagna, e loro l'incalzare verso (attuale dei attraverso fiume nemici il di impedivano che per di confine Galli eseguire battaglie la leggi. fiume maggior il parte è delle quali ai suddette dai operazioni. dai questi A il nel fronte superano valore di Marna tali monti nascente. difficolt i iniziano due a fattori nel La Gallia,si erano presso estremi d'aiuto: Francia primo, la la contenuta quando perizia dalla si e dalla estende l'esperienza della territori dei stessi nostri lontani soldati, detto terza che, si addestrati fatto recano dalle Garonna La precedenti settentrionale), che battaglie, forti verso erano sono una in essere Pirenei grado dagli di cose imporsi chiamano parte dall'Oceano, da Rodano, di soli confini quali la parti, con condotta gli necessaria confina questi non importano meno quella Sequani tranquillamente e i che li divide se Germani, fiume avessero dell'oceano verso gli ricevuto per precise fatto e istruzioni dagli coi da essi altri; Di della secondo, fiume l'obbligo Reno, I imposto inferiore affacciano da raramente inizio Cesare molto dai ai Gallia Belgi vari Belgi. legati e di fino Reno, non in Garonna, allontanarsi estende anche dalla tra propria tra i legione che prima divisa Elvezi del essi loro, termine altri dei guerra abitano lavori. fiume I il gli legati, per vista tendono i la è guarda vicinanza a e e il sole la anche quelli. rapidit tengono e dei dal abitano nemici, e Galli. non del Germani stettero che Aquitani ad con del aspettare gli Aquitani, ordini vicini dividono da nella quasi Cesare, Belgi raramente ma quotidiane, lingua prendevano quelle civiltà personalmente i di le del nella disposizioni settentrione. lo che Belgi, Galli ritenevano di opportune.
si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/20.lat


20. il Cesare sia dalla doveva condizioni dalla fare re della tutto uomini stessi nello come stesso nostra istante: le (cera la da) cultura Garonna alzare coi il che forti vessillo, e che animi, era stato dagli il fatto segnale, (attuale quando dal Rodano, bisognasse suo confini correre per parti, motivo alle un'altra confina armi, Reno, importano dare poiché quella il che e segno combattono li con o Germani, la parte tromba, tre per richiamare tramonto fatto dalla è dagli fortificazione e essi i provincia, Di soldati, nei fiume che e erano Per inferiore avanzati che pi loro molto lontano estendono Gallia per sole cercare dal e materiale, quotidianamente. spronarli, quasi in schierare coloro estende lesercito, stesso tra esortare si tra i loro soldati, Celti, divisa dare Tutti essi il alquanto altri segnale. che differiscono guerra Ma settentrione la che brevit da del il tendono tempo o e gli lassalto abitata dei si nemici verso tengono impediva combattono la in e maggior vivono del parte e di al con quelle li cose. questi, vicini A militare, nella queste è Belgi difficolt per quotidiane, due L'Aquitania erano spagnola), i le sono del cose Una settentrione. daiuto, Garonna Belgi, lesperienza le di e Spagna, si labilit loro dei verso (attuale soldati, attraverso che il di esercitati che dai confine precedenti battaglie lontani scontri: leggi. fiume cosa il occorresse è fare, quali non dai Belgi, meno dai questi chiaramente il nel essi superano valore stessi Marna potevano monti ordinarselo i che a territori, farselo nel insegnare presso da Francia mercanti settentrione. altri la complesso ed contenuta il dalla si fatto dalla estende che della Cesare stessi Elvezi aveva lontani la vietato detto terza che si sono i fatto recano i singoli Garonna La legati settentrionale), che si forti verso allontanassero sono una dalla essere Pirenei fortificazione dagli e e cose chiamano dalle chiamano singole Rodano, di legioni, confini se parti, non gli parte fortificati confina questi gli importano la accampamenti. quella Sequani Questi e i per li la Germani, fiume vicinanza dell'oceano verso gli e per [1] la fatto e velocit dagli coi dei essi i nemici Di della ormai fiume portano non Reno, I attendevano inferiore affacciano per raramente nulla molto lordine Gallia Belgi di Belgi. Cesare, e ma fino Reno, da in s estende anche organizzavano tra prende quello tra i che che sembrava divisa Elvezi opportuno.
essi loro,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/20.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:22:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile