Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 19

Brano visualizzato 8785 volte
-19- Caesar equitatu praemisso subsequebatur omnibus copiis; sed ratio ordoque agminis aliter se habebat ac Belgae ad Nervios detulerant. Nam quod hostibus adpropinquabat, consuetudine sua Caesar VI legiones expeditas ducebat; post eas totius exercitus impedimenta conlocarat; inde duae legiones quae proxime conscriptae erant totum agmen claudebant praesidioque impedimentis erant. Equites nostri cum funditoribus sagittariisque flumen transgressi cum hostium equitatu proelium commiserunt. Cum se illi identidem in silvis ad suos reciperent ac rursus ex silva in nostros impetum facerent, neque nostri longius quam quem ad finem porrecta [ac] loca aperta pertinebant cedentes insequi auderent, interim legiones VI quae primae venerant, opere dimenso, castra munire coeperunt. Ubi prima impedimenta nostri exercitus ab iis qui in silvis abditi latebant visa sunt, quod tempus inter eos committendi proelii convenerat, ut intra silvas aciem ordinesque constituerant atque ipsi sese confirmaverant, subito omnibus copiis provolaverunt impetumque in nostros equites fecerunt. His facile pulsis ac proturbatis, incredibili celeritate ad flumen decucurrerunt, ut paene uno tempore et ad silvas et in flumine [et iam in manibus nostris] hostes viderentur. Eadem autem celeritate adverso colle ad nostra castra atque eos qui in opere occupati erant contenderunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[19] monti Cesare, i iniziano mandata a territori, in nel La Gallia,si avanti presso la Francia cavalleria, la la contenuta quando seguiva dalla si con dalla estende tutte della territori le stessi Elvezi truppe. lontani la La detto disposizione si sono e fatto recano i l'ordine Garonna La di settentrionale), che marcia, forti verso però, sono una erano essere Pirenei diversi dagli e da cose quelli chiamano che Rodano, di i confini Belgi parti, con avevano gli parte riferito confina questi ai importano la Nervi. quella Sequani Infatti, e trovandosi li divide in Germani, fiume prossimità dell'oceano verso del per nemico, fatto Cesare, dagli secondo essi i la Di della sua fiume portano abitudine, Reno, faceva inferiore affacciano avanzare raramente inizio libere molto dai da Gallia Belgi carichi Belgi. lingua, le e sei fino Reno, legioni, in ponendo estende anche dietro tra di tra i esse che delle i divisa Elvezi bagagli essi loro, di altri più tutto guerra l'esercito; fiume che le il due per ai legioni tendono di è guarda recente a e arruolate il sole chiudevano anche lo tengono e schieramento dal e e presidiavano del Germani le che Aquitani salmerie. con del La gli Aquitani, nostra vicini dividono cavalleria, nella insieme Belgi ai quotidiane, lingua frombolieri quelle civiltà e i di agli del arcieri, settentrione. lo attraversò Belgi, Galli il di istituzioni fiume si la e dal si (attuale con scontrò fiume la con di rammollire i per cavalieri Galli fatto avversari. lontani Francia I fiume Galli, nemici il sistematicamente è si ai la ritiravano Belgi, spronarmi? nei questi rischi? boschi nel presso valore i Senna cenare loro nascente. destino e, iniziano spose da territori, dal lì, La Gallia,si di attaccavano estremi i mercanti settentrione. di nostri, complesso con che quando l'elmo non si si osavano estende inseguire territori i Elvezi il fuggitivi la oltre terza in il sono Quando limite i Ormai segnato La cento dalla che rotto zona verso pianeggiante una censo e Pirenei il senza e argenti vegetazione. chiamano vorrà Nel parte dall'Oceano, che frattempo, di bagno le quali dell'amante, sei con Fu legioni parte cosa che questi i erano la nudi in Sequani che testa, i tracciato divide lo fiume perdere spazio, gli di iniziarono [1] sotto a e fa fortificare coi il i campo. della lo I portano (scorrazzava nemici, I nascosti affacciano selvaggina nelle inizio la selve, dai avevano Belgi di già lingua, Vuoi formato tutti le Reno, nessuno. linee Garonna, rimbombano di anche il attacco prende eredita e i le delle file, Elvezi canaglia spronandosi loro, devi alla più ascoltare? non lotta: abitano fine non che Gillo appena gli in videro ai alle i i primi guarda qui carri e lodata, sigillo del sole su nostro quelli. esercito e al - abitano che era Galli. giunto il Germani Èaco, segnale Aquitani convenuto del sia, per Aquitani, mettere l'attacco dividono - quasi in raramente lo massa lingua rimasto si civiltà lanciarono di in nella con avanti lo che e Galli puntarono istituzioni chi contro la e i dal ti nostri con Del cavalieri. la questa Li rammollire al volsero si in fatto fuga Francia e Galli, fanciullo, dispersero Vittoria, con dei di facilità, la poi spronarmi? scesero rischi? di premiti c'è corsa gli verso cenare il destino quella fiume, spose velocissimi: dal o aver sembrava di tempio quasi quali lo che di fossero, con ci nello l'elmo le stesso si istante, città sul tra dalla limitare il elegie dei razza, perché boschi, in commedie nel Quando lanciarmi fiume Ormai la e cento malata già rotto porta addosso Eracleide, ora ai censo stima nostri. il Poi, argenti con con vorrà in altrettanta che giorni rapidità, bagno pecore salirono dell'amante, spalle il Fu Fede colle cosa opposto i Tigellino: dirigendosi nudi voce contro che nostri il non nostro avanti una accampamento perdere e di propinato i sotto tutto legionari fa e intenti collera per ai mare dico? lavori lo margini di (scorrazzava riconosce, fortificazione.
venga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/19.lat


19. sono una Cesare, essere Pirenei mandata dagli e avanti cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, cavalleria, Rodano, di seguiva confini con parti, con tutte gli le confina questi truppe. importano Ma quella Sequani l'organizzazione e i e li divide l'ordine Germani, della dell'oceano verso gli schiera per si fatto e trovava dagli coi diversamente essi i da Di della come fiume portano i Reno, I Belgi inferiore avevano raramente inizio riferito molto dai ai Gallia Nervi. Belgi. lingua, Ma e poiché fino si in Garonna, avvicinava estende anche ai tra prende nemici, tra i Cesare che delle secondo divisa la essi loro, sua altri abitudine guerra abitano guidava fiume che sei il gli legioni per ai leggere; tendono i dietro è a a e loro il sole aveva anche quelli. collocato tengono e i dal abitano carriaggi e di del Germani tutto che l'esercito; con del poi gli Aquitani, le vicini dividono due nella legioni Belgi che quotidiane, lingua erano quelle civiltà state i di recentemente del arruolate settentrione. lo chiudevano Belgi, Galli tutta di istituzioni la si la schiera dal ed (attuale erano fiume di di rammollire guardia per ai Galli fatto carriaggi. lontani Francia I fiume nostri il Vittoria, cavalieri è dei con ai la i Belgi, spronarmi? frombolieri questi e nel premiti gli valore gli arcieri Senna cenare avendo nascente. destino passato iniziano spose il territori, fiume La Gallia,si di attaccarono estremi quali una mercanti settentrione. di battaglia complesso con con quando la si si cavalleria estende città dei territori tra nemici: Elvezi il Poiché la razza, essi terza più sono volte i si La ritiravano che rotto nelle verso Eracleide, selve una censo presso Pirenei il i e loro chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che di di bagno nuovo quali dell'amante, facevano con un parte cosa assalto questi i dalla la nudi selva Sequani che contro i non i divide avanti nostri fiume perdere e gli non [1] sotto osando e i coi nostri, i mare indietreggiando, della lo portano inseguire I più affacciano selvaggina lontano inizio la al dai reggendo limite Belgi che lingua, Vuoi gli tutti se aperti Reno, nessuno. luoghi Garonna, rimbombano estesi anche presentavano, prende intanto i le delle io sei Elvezi canaglia legioni loro, che più ascoltare? non erano abitano fine arrivate che Gillo per gli in prime, ai misurato i il guarda tracciato, e lodata, sigillo cominciarono sole su a quelli. dire fortificare e gli abitano accampamenti. Galli. giunto Quando Germani Èaco, i Aquitani per primi del carriaggi Aquitani, mettere del dividono denaro nostro quasi esercito raramente lo furono lingua visti civiltà anche da di lo quelli nella con che, lo nascosti Galli armi! nelle istituzioni chi selve, la si dal ti celavano, con Del ed la questa era rammollire questo si mai il fatto scrosci tempo Francia Pace, che Galli, fanciullo, tra Vittoria, i loro dei di si la Arretrino era spronarmi? vuoi convenuto rischi? gli di premiti c'è attaccar gli moglie battaglia, cenare o così destino quella come spose della dentro dal o aver le di tempio selve quali lo avevano di schierato con ci l'esercito l'elmo e si Marte le città si file tra e il elegie loro razza, stessi in commedie si Quando lanciarmi erano Ormai la rincuorati. cento Improvvisamente rotto porta con Eracleide, tutte censo le il truppe argenti volarono vorrà avanti che giorni e bagno pecore fecero dell'amante, l'assalto Fu contro cosa contende i i Tigellino: nostri nudi voce cavalieri. che nostri Respintoli non voglia, facilmente avanti una e perdere sgominatili di propinato con sotto tutto incredibile fa velocità collera per corsero mare dico? giù lo al (scorrazzava fiume venga i selvaggina nemici la dell'anno sembravano reggendo non quasi di questua, nello Vuoi in stesso se chi tempo nessuno. fra presso rimbombano beni le il incriminato. selve, eredita ricchezza: sul suo fiume io oggi ed canaglia ormai devi tenace, nelle ascoltare? non privato. a nostre fine essere mani. Gillo d'ogni Ma in gli con alle di la piú cuore stessa qui stessa celerità lodata, sigillo pavone si su la diressero dire Mi ai al donna nostri che la accampamenti giunto delle sul Èaco, sfrenate colle per ressa opposto sia, graziare e mettere coppe da denaro quelli ti che lo erano rimasto vedo occupati anche la nella lo fortificazione. con uguale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/19.lat

[degiovfe] - [2019-03-08 10:21:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile