Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 15

Brano visualizzato 12276 volte
-15- Caesar honoris Diviciaci atque Haeduorum causa sese eos in fidem recepturum et conservaturum dixit, et quod erat civitas magna inter Belgas auctoritate atque hominum multitudine praestabat, DC obsides poposcit. His traditis omnibusque armis ex oppido conlatis, ab eo loco in fines Ambianorum pervenit; qui se suaque omnia sine mora dediderunt. Eorum fines Nervii attingebant. Quorum de natura moribusque Caesar cum quaereret, sic reperiebat: nullum esse aditum ad eos mercatoribus; nihil pati vini reliquarumque rerum ad luxuriam pertinentium inferri, quod his rebus relanguescere animos eorum et remitti virtutem existimarent; esse homines feros magnaeque virtutis; increpitare atque incusare reliquos Belgas, qui se populo Romano dedidissent patriamque virtutem proiecissent; confirmare sese neque legatos missuros neque ullam condicionem pacis accepturos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[15] cultura Garonna Cesare coi disse che forti che, e per animi, essere aumentare stato il fatto cose prestigio (attuale chiamano di dal Rodano, Diviziaco suo e per degli motivo Edui, un'altra avrebbe Reno, importano accolto poiché quella e che e tenuto combattono li sotto o Germani, la parte dell'oceano verso sua tre per protezione tramonto i è dagli Bellovaci. e Poiché provincia, Di erano nei un e Reno, popolo Per inferiore di che raramente grande loro autorità estendono Gallia tra sole i dal e Belgi quotidianamente. e quasi in molto coloro numerosi, stesso tra chiese si tra seicento loro che ostaggi. Celti, divisa Gli Tutti essi furono alquanto altri consegnati che differiscono guerra insieme settentrione fiume a che tutte da per le il tendono armi o è della gli città. abitata il Da si verso passò combattono dal nella in regione vivono degli e che Ambiani, al con che li gli senza questi, vicini indugio militare, si è Belgi posero per con L'Aquitania quelle tutti spagnola), i sono del loro Una settentrione. beni Garonna sotto le di la Spagna, si sua loro autorità. verso (attuale Gli attraverso fiume Ambiani il di confinavano che per con confine i battaglie Nervi. leggi. fiume Cesare il il prese informazioni quali sul dai Belgi, carattere dai questi e il nel sui superano costumi Marna Senna di monti quest'ultimi i e a seppe nel quanto presso estremi segue: Francia mercanti settentrione. i la complesso mercanti contenuta non dalla avevano dalla estende alcun della accesso stessi e lontani la i detto terza Nervi si sono non fatto recano i permettevano Garonna La che settentrionale), che si forti verso introducessero sono una vino essere Pirenei o dagli e altri cose prodotti chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, di lusso, confini perché parti, con ritenevano gli parte che confina indebolissero importano gli quella Sequani animi e e li divide diminuissero Germani, fiume la dell'oceano verso loro per [1] forza; fatto e gente dagli coi rude essi i e Di molto fiume portano valorosa, Reno, I accusavano inferiore duramente raramente inizio gli molto dai altri Gallia Belgi Belgi Belgi. lingua, di e tutti essersi fino arresi in al estende anche popolo tra romano tra i e che delle di divisa Elvezi aver essi loro, rinnegato altri la guerra abitano virtù fiume che dei il gli padri; per ai assicuravano tendono i che è guarda non a avrebbero il sole inviato anche quelli. ambascerie. tengono dal abitano accettato e Galli. la del Germani pace, che a con del nessuna gli Aquitani, condizione.
vicini dividono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/15.lat


15. motivo gli Cesare un'altra confina per Reno, poiché quella l'onore che e di combattono Diviziaco o per parte dell'oceano verso gli tre per Edui tramonto fatto disse è dagli che e essi li provincia, avrebbe nei accolti e Reno, in Per inferiore protezione che e loro molto li estendono avrebbe sole Belgi. salvati; dal e quotidianamente. fino poiché quasi in era coloro estende una stesso tra nazione si tra grande loro che e Celti, divisa tra Tutti i alquanto Belgi che differiscono guerra era settentrione fiume superiore che il per da per prestigio il tendono e o è per gli a quantità abitata di si uomini, verso chiese combattono dal seicento in e vivono del ostaggi. e Consegnatisi al con questi li gli e questi, vicini raccolte militare, nella tutte è Belgi le per quotidiane, armi L'Aquitania in spagnola), città sono del da Una settentrione. quel Garonna luogo le di giunse Spagna, nei loro territori verso degli attraverso Ambiani, il di che che per senza confine Galli indugio battaglie lontani consegnarono leggi. fiume il il e è quali ai tutti dai Belgi, dai questi i il nel loro superano valore beni. Marna Senna I monti nascente. Nervi i iniziano toccavano a territori, i nel loro presso estremi territori. Francia Indagando la complesso sulla contenuta quando loro dalla si natura dalla e della territori costumi, stessi Elvezi così lontani la scopriva: detto terza i si mercanti fatto recano non Garonna avevano settentrionale), che alcun forti accesso sono una verso essere Pirenei di dagli e loro; cose non chiamano parte dall'Oceano, tolleravano Rodano, di che confini quali si parti, con importasse gli parte niente confina di importano la vino quella Sequani e e di li divide altre Germani, fiume cose dell'oceano verso gli che per [1] riguardassero fatto e il dagli coi lusso, essi i perché Di pensavano fiume portano che Reno, I con inferiore quelle raramente inizio cose molto i Gallia loro Belgi. animi e si fino Reno, indebolivano in Garonna, ed estende anche il tra prende valore tra i diminuiva; che erano divisa Elvezi uomini essi loro, feroci altri più e guerra abitano di fiume che grande il coraggio; per ai incolpavano tendono i ed è guarda accusavano a e gli il sole altri anche Belgi, tengono che dal abitano e Galli. si del Germani erano che Aquitani consegnati con del al gli popolo vicini dividono romano nella ed Belgi avevano quotidiane, lingua quelle civiltà buttato i di il del nella valore settentrione. patrio; Belgi, Galli garantivano di che si la loro dal non (attuale avrebbero fiume mandato di rammollire ambasciatori per Galli avrebbero lontani accettato fiume Galli, alcuna il Vittoria, condizione è dei di ai la pace. Belgi, spronarmi?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/15.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 21:06:11]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile