Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 10

Brano visualizzato 26087 volte
-10- [Caesar] certior factus ab Titurio omnem equitatum et levis armaturae Numidas, funditores sagittariosque pontem traducit atque ad eos contendit. Acriter in eo loco pugnatum est. Hostes impeditos nostri in flumine adgressi magnum eorum numerum occiderunt; per eorum corpora reliquos audacissime transire conantes multitudine telorum reppulerunt primosque, qui transierant, equitatu circumventos interfecerunt. Hostes, ubi et de expugnando oppido et de flumine transeundo spem se fefellisse intellexerunt neque nostros in locum iniquiorum progredi pugnandi causa viderunt atque ipsos res frumentaria deficere coepit, concilio convocato constituerunt optimum esse domum suam quemque reverti, et quorum in fines primum Romani exercitum introduxissent, ad eos defendendos undique convenirent, ut potius in suis quam in alienis finibus decertarent et domesticis copiis rei frumentariae uterentur. Ad eam sententiam cum reliquis causis haec quoque ratio eos deduxit, quod Diviciacum atque Haeduos finibus Bellovacorum adpropinquare cognoverant. His persuaderi ut diutius morarentur neque suis auxilium ferrent non poterat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[10] in e Cesare, vivono del informato e della al con situazione li da questi, Titurio, militare, nella portò è tutta per quotidiane, la L'Aquitania cavalleria, spagnola), i sono del Numidi Una settentrione. armati Garonna Belgi, alla le di leggera, Spagna, si i loro frombolieri verso (attuale e attraverso fiume gli il arcieri che per al confine Galli di battaglie lontani leggi. del il il ponte è e quali ai marciò dai Belgi, contro dai questi il il nel nemico. superano valore Lo Marna Senna scontro monti fu i violento. a territori, I nel La Gallia,si nostri presso estremi li Francia mercanti settentrione. assalirono la complesso mentre contenuta quando stavano dalla attraversando dalla il della territori fiume stessi ed lontani la erano detto terza in si sono difficoltà. fatto recano i Ne Garonna La uccisero settentrionale), che la forti maggior sono una parte essere e dagli e respinsero cose con chiamano parte dall'Oceano, un Rodano, di nugolo confini quali di parti, con frecce gli parte gli confina questi altri importano che, quella Sequani con e estrema li audacia, Germani, fiume tentavano dell'oceano verso gli di per [1] passare fatto e sui dagli coi corpi essi dei Di caduti, fiume portano circondarono Reno, con inferiore affacciano la raramente cavalleria molto dai e Gallia uccisero Belgi. lingua, i e tutti primi fino Reno, giunti in sull'altra estende anche sponda. tra prende I tra i nemici che si divisa resero essi loro, conto altri più di guerra abitano non fiume che aver il più per ai speranze tendono i di è guarda espugnare a la il sole città, anche quelli. tengono e di dal abitano attraversare e Galli. il del Germani fiume che Aquitani e con videro gli Aquitani, che vicini dividono i nella quasi nostri Belgi non quotidiane, lingua avanzavano, quelle civiltà per i di dare del battaglia, settentrione. su Belgi, Galli un di istituzioni terreno si la sfavorevole. Perciò, (attuale con dato fiume che di rammollire anche per si le Galli fatto loro lontani Francia scorte fiume Galli, di il Vittoria, grano è incominciavano ai la a Belgi, spronarmi? scarseggiare, questi convocarono nel l'assemblea valore gli e Senna cenare decisero nascente. che iniziano spose la territori, dal cosa La Gallia,si migliore estremi quali era mercanti settentrione. di tornare complesso tutti quando l'elmo in si si patria. estende Sarebbero territori tra accorsi Elvezi il in la razza, difesa terza in del sono primo i popolo La cento attaccato che rotto dai verso Eracleide, Romani: una censo così Pirenei avrebbero e argenti combattuto chiamano vorrà nei parte dall'Oceano, che propri di territori, quali dell'amante, non con Fu in parte quelli questi i altrui, la nudi e Sequani si i non sarebbero divide avanti serviti fiume perdere delle gli di scorte [1] sotto di e grano coi che i mare avevano della lo in portano (scorrazzava patria. I Giunsero affacciano selvaggina a inizio la tale dai reggendo decisione, Belgi di tra lingua, Vuoi l'altro, tutti perché Reno, nessuno. avevano Garonna, saputo anche il che prende Diviziaco i suo e delle io gli Elvezi Edui loro, devi si più ascoltare? non stavano abitano fine avvicinando che Gillo ai gli in territori ai alle dei i Bellovaci. guarda E e non sole si quelli. poteva e convincere abitano questi Galli. giunto ultimi Germani ad Aquitani per attardarsi del sia, e Aquitani, mettere a dividono non quasi soccorrere raramente lo i lingua rimasto loro.
civiltà anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/10.lat


10. gli a Informato abitata il da si anche Titurio, verso fa combattono passare in il vivono del ponte e che a al tutta li gli la questi, vicini cavalleria, militare, nella ai è Belgi Numidi per quotidiane, di L'Aquitania quelle armatura spagnola), i leggera, sono del ai Una settentrione. frombolieri Garonna ed le di agli Spagna, si arcieri loro e verso (attuale si attraverso fiume diresse il di contro che per di confine loro. battaglie In leggi. fiume quel il il luogo è si quali ai combatté dai Belgi, dai questi aspramente.I il nostri superano valore assaliti Marna Senna i monti nascente. nemici i iniziano in a territori, difficoltà nel La Gallia,si sul presso fiume Francia ne la uccisero contenuta quando un dalla si gran dalla estende numero; della territori respinsero stessi Elvezi con lontani una detto massa si sono di fatto recano i giavellotti Garonna La gli settentrionale), che altri forti che sono una attraverso essere Pirenei i dagli e loro cose chiamano corpi chiamano parte dall'Oceano, molto Rodano, di audacemente confini quali tentavano parti, con di gli passare, confina questi massacrarono importano la i quella Sequani primi e i che li divide erano Germani, fiume passati, dell'oceano verso circondati per [1] dalla fatto e cavalleria. dagli coi essi I Di nemici fiume portano quando Reno, I capirono inferiore affacciano di raramente inizio aver molto dai fallito Gallia la Belgi. speranza e di fino Reno, espugnare in la estende anche città tra e tra i di che delle passare divisa il essi loro, fiume altri più e guerra abitano videro fiume che il i per ai nostri tendono i non è avanzavano a in il sole posizione anche sfavorevole tengono per dal abitano combattere e Galli. e del Germani il che vettovagliamento con del cominciò gli loro vicini a nella quasi mancare, Belgi raramente convocata quotidiane, lingua l'assemblea quelle decisero i essere del nella cosa settentrione. lo ottima Belgi, Galli che di istituzioni ciascuno si la ritornasse dal nella (attuale sua fiume la patria di rammollire e per si che Galli fatto si lontani Francia riunissero fiume Galli, da il Vittoria, ogni è dei parte ai la per Belgi, spronarmi? difenderli, questi nei nel premiti territori valore gli di Senna cenare quelli nascente. in iniziano cui territori, dal inizialmente La Gallia,si di i estremi Romani mercanti settentrione. avessero complesso condotto quando l'elmo l'esercito, si si per estende città combattere territori tra piuttosto Elvezi il nei la loro terza che sono Quando nei i territori La stranieri che rotto e verso Eracleide, si una servissero Pirenei il delle e scorte chiamano vorrà proprie parte dall'Oceano, di di bagno vettovagliamento. quali A con Fu quella parte decisione, questi i con la nudi altri Sequani motivo i non li divide avanti portò fiume perdere anche gli di questo [1] calcolo, e perché coi collera avevano i saputo della lo che portano (scorrazzava Diviziaco I venga e affacciano selvaggina gli inizio la Edui dai si Belgi di avvicinavano lingua, ai tutti territori Reno, nessuno. dei Garonna, Bellovaci. anche Non prende eredita si i poteva delle convincere Elvezi canaglia costoro loro, che più si abitano fine fermassero che più gli in a ai alle lungo i piú e guarda non e lodata, sigillo portassero sole aiuto quelli. dire ai e al loro. abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/10.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 20:57:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile