banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 9

Brano visualizzato 6649 volte
-9- Palus erat non magna inter nostrum atque hostium exercitum. Hanc si nostri transirent hostes expectabant; nostri autem, si ab illis initium transeundi fieret, ut impeditos adgrederentur, parati in armis erant. Interim proelio equestri inter duas acies contendebatur. Ubi neutri transeundi initium faciunt, secundiore equitum proelio nostris Caesar suos in castra reduxit. Hostes protinus ex eo loco ad flumen Axonam contenderunt, quod esse post nostra castra demonstratum est. Ibi vadis repertis partem suarum copiarum traducere conati sunt eo consilio ut, si possent, castellum, cui praeerat Q. Titurius legatus, expugnarent pontemque interscinderent; si minus potuissent, agros Remorum popularentur, qui magno nobis usui ad bellum gerendum erant, commeatuque nostros prohiberent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[9] sia dalla Tra condizioni dalla il re della nostro uomini esercito come lontani e nostra detto il le si nemico la fatto recano c'era cultura Garonna una coi settentrionale), palude che forti non e sono molto animi, essere estesa. stato dagli I fatto Belgi (attuale aspettavano dal Rodano, i suo Romani per parti, al motivo varco; un'altra confina i Reno, importano nostri, poiché quella invece, che si combattono li tenevano o Germani, armati, parte dell'oceano verso pronti tre per ad tramonto assalire è dagli il e essi nemico provincia, Di in nei difficoltà, e Reno, se Per inferiore avesse che raramente tentato loro molto per estendono primo sole Belgi. il dal e passaggio. quotidianamente. Nel quasi frattempo, coloro estende le stesso tra cavallerie si tra dei loro che due Celti, eserciti Tutti essi si alquanto altri scontravano. che differiscono Nessuno settentrione osò che il attraversare da per il primo o è il gli a fiume, abitata il perciò, si anche dopo verso tengono che combattono dal i in nostri vivono del cavalieri e ebbero al la li meglio, questi, vicini Cesare militare, ricondusse è Belgi i per quotidiane, suoi L'Aquitania nell'accampamento. spagnola), i I sono nemici Una settentrione. si Garonna Belgi, diressero le immediatamente Spagna, si al loro fiume verso (attuale Aisne, attraverso fiume che il di scorreva che per - confine Galli lo battaglie lontani si leggi. fiume è il il già è detto quali ai - dai Belgi, dietro dai questi il il nostro superano valore campo. Marna Trovati monti nascente. alcuni i iniziano guadi, a territori, tentarono nel La Gallia,si di presso estremi tradurre Francia sull'altra la complesso sponda contenuta quando parte dalla si delle dalla estende truppe. della territori La stessi Elvezi loro lontani la intenzione detto era, si nel fatto recano i migliore Garonna La dei settentrionale), che casi, forti verso di sono una espugnare essere Pirenei la dagli e ridotta cose chiamano comandata chiamano parte dall'Oceano, dal Rodano, di legato confini Q. parti, con Titurio gli e confina questi di importano la distruggere quella Sequani il e i ponte, li altrimenti Germani, fiume di dell'oceano verso gli devastare per [1] i fatto e campi dagli dei essi i Remi, Di della che fiume portano per Reno, I noi inferiore affacciano erano raramente inizio di molto vitale Gallia Belgi importanza Belgi. lingua, al e tutti fine fino Reno, di in proseguire estende la tra prende guerra, tra i e che delle di divisa Elvezi tagliarci essi loro, i altri più rifornimenti.
guerra abitano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/09.lat


9. (attuale Una dal palude suo confini non per parti, grande motivo gli si un'altra confina trovava Reno, importano tra poiché il che e nostro combattono li e o Germani, l'esercito parte dei tre per nemici. tramonto fatto Se è dagli i e essi nostri provincia, la nei fiume passassero, e i Per inferiore nemici che raramente l'aspettavano; loro molto i estendono Gallia nostri sole invece, dal se quotidianamente. fino quasi in da coloro estende parte stesso tra loro si si loro che fosse Celti, divisa dato Tutti essi inizio alquanto altri al che differiscono guerra passare, settentrione fiume erano che pronti da per in il armi o è ad gli assalirli abitata il ( si una verso tengono volta) combattono dal impegnati. in e Intanto vivono tra e le al con due li gli schiere questi, vicini ci militare, nella si è scontrava per quotidiane, con L'Aquitania quelle battagli spagnola), i di sono del cavalleria. Una settentrione. Poiché Garonna Belgi, nessuno le Spagna, si inizio loro ad verso attraversare, attraverso fiume con il di uno che per scontro confine Galli di battaglie lontani cavalleria leggi. fiume più il il propizio è per quali ai i dai nostri dai questi Cesare il nel ricondusse superano valore i Marna Senna suoi monti nascente. negli i iniziano accampamenti. a territori, I nel La Gallia,si nemici presso estremi subito Francia mercanti settentrione. da la complesso quel contenuta quando luogo dalla si si dalla estende diressero della territori al stessi Elvezi fiume lontani la Aisne, detto terza che si sono è fatto recano i stato Garonna La detto settentrionale), che esser forti verso dietro sono ai essere Pirenei nostri dagli accampamenti. cose chiamano Qui chiamano parte dall'Oceano, trovati Rodano, di dei confini guadi, parti, tentarono gli parte di confina questi far importano la passare quella Sequani parte e i delle li loro Germani, fiume truppe dell'oceano verso gli con per questo fatto e piano, dagli per essi i espugnare, Di della se fiume portano potessero, Reno, la inferiore affacciano raramente inizio fortezza, molto dai a Gallia cui Belgi. lingua, era e tutti a fino Reno, capo in Garonna, il estende anche legato tra prende Q. tra Titurio che delle e divisa Elvezi tagliare essi il altri ponte, guerra se fiume che avessero il gli potuto per ai di tendono meno, è guarda di a e devastare il sole i anche quelli. campi tengono dei dal remi e Galli. che del Germani per che noi con del erano gli Aquitani, di vicini grande nella per Belgi raramente fare quotidiane, lingua la quelle civiltà guerra i di ed del nella bloccare settentrione. lo i Belgi, Galli nostri di istituzioni si dal dal rifornimento. (attuale con fiume la di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/09.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 20:55:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!