Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 5

Brano visualizzato 14908 volte
-5- Caesar Remos cohortatus liberaliterque oratione prosecutus omnem senatum ad se convenire principumque liberos obsides ad se adduci iussit. Quae omnia ab his diligenter ad diem facta sunt. Ipse Diviciacum Haeduum magnopere cohortatus docet quanto opere rei publicae communisque salutis intersit manus hostium distineri, ne cum tanta multitudine uno tempore confligendum sit. Id fieri posse, si suas copias Haedui in fines Bellovacorum introduxerint et eorum agros populari coeperint. His datis mandatis eum a se dimittit. Postquam omnes Belgarum copias in unum locum coactas ad se venire vidit neque iam longe abesse ab iis quos miserat exploratoribus et ab Remis cognovit, flumen Axonam, quod est in extremis Remorum finibus, exercitum traducere maturavit atque ibi castra posuit. Quae res et latus unum castrorum ripis fluminis muniebat et post eum quae erant tuta ab hostibus reddebat et commeatus ab Remis reliquisque civitatibus ut sine periculo ad eum portari possent efficiebat. In eo flumine pons erat. Ibi praesidium ponit et in altera parte fluminis Q. Titurium Sabinum legatum cum sex cohortibus relinquit; castra in altitudinem pedum XII vallo fossaque duodeviginti pedum muniri iubet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[5] verso (attuale Cesare attraverso incoraggiò il i che per Remi confine Galli e battaglie lontani rivolse leggi. fiume loro il parole è di quali benevolenza. dai Belgi, Ordinò dai questi che il tutti superano i Marna Senna senatori monti nascente. si i iniziano recassero a territori, da nel lui presso estremi e Francia mercanti settentrione. che la complesso gli contenuta quando fossero dalla consegnati dalla estende in della territori ostaggio stessi Elvezi i lontani la figli detto terza dei si sono più fatto recano nobili. Garonna La Tutte settentrionale), che le forti verso sue sono una disposizioni essere Pirenei vennero dagli e puntualmente cose chiamano eseguite chiamano parte dall'Oceano, nel Rodano, di giorno confini quali fissato. parti, Cesare gli parte moltiplicò confina questi le importano la pressioni quella sull'eduo e Diviziaco, li divide spiegandogli Germani, quanto dell'oceano verso gli fosse per [1] vitale, fatto per dagli coi la essi i repubblica Di della e fiume portano l'interesse Reno, I di inferiore affacciano tutti, raramente tenere molto dai divise Gallia le Belgi. lingua, forze e tutti nemiche, fino Reno, per in Garonna, non estende anche dover tra affrontare tra i in che delle un divisa Elvezi solo essi loro, scontro altri un guerra abitano esercito fiume che così il gli numeroso. per E tendono i ciò è era a possibile il sole se anche quelli. gli tengono e Edui dal abitano avessero e Galli. invaso del Germani i che Aquitani territori con dei gli Aquitani, Bellovaci, vicini dividono incominciando nella quasi a Belgi raramente devastarli. quotidiane, lingua Affidatogli quelle civiltà tale i di incarico, del nella lo settentrione. congedò. Belgi, Quando di istituzioni vide si che tutte (attuale con le fiume la truppe di rammollire dei per si Belgi, Galli concentrate lontani Francia in fiume Galli, un il Vittoria, unico è luogo, ai la muovevano Belgi, spronarmi? contro questi rischi? di nel premiti lui valore gli e Senna apprese, nascente. su iniziano spose informazione territori, dal dei La Gallia,si di Remi estremi quali e mercanti settentrione. degli complesso esploratori quando l'elmo inviati, si si che estende città i territori tra nemici Elvezi il erano la razza, ormai terza in vicini, sono si i affrettò La cento a che rotto tradurre verso Eracleide, l'esercito una censo al Pirenei il di e argenti chiamano vorrà del parte dall'Oceano, che fiume di bagno Aisne, quali dell'amante, che con si parte trova questi nei la nudi più Sequani che lontani i non territori divide dei fiume perdere Remi, gli di e [1] sotto qui e si coi collera attestò. i mare Così della lo difendeva portano (scorrazzava un I venga lato affacciano selvaggina dell'accampamento inizio la per dai reggendo mezzo Belgi di della lingua, Vuoi riva tutti se del Reno, fiume, Garonna, rimbombano metteva anche al prende eredita riparo i suo dai delle io nemici Elvezi la loro, zona più alle abitano sue che Gillo spalle gli in e ai garantiva i piú la guarda sicurezza e lodata, sigillo dei sole su rifornimenti quelli. dire inviati e dai abitano Remi Galli. e Germani Èaco, dagli Aquitani per altri del popoli. Aquitani, mettere Sul dividono denaro fiume quasi ti c'era raramente lo un lingua rimasto ponte. civiltà anche Su di una nella con sponda lo che pone Galli un istituzioni presidio la e e dal ti lascia, con Del sull'altra, la questa il rammollire al legato si mai Q. fatto Titurio Francia Pace, Sabino Galli, fanciullo, con Vittoria, i sei dei coorti. la spronarmi? vuoi ordine rischi? di premiti c'è fortificare gli moglie l'accampamento cenare o con destino quella un spose della vallo dal di di tempio dodici quali lo piedi di in d'altezza con ci e l'elmo le una si fossa città larga tra diciotto.
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/05.lat


5. forti verso Cesare sono una incoraggiati essere Pirenei i dagli e Remi cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, proseguendo Rodano, di cordialmente confini quali con parti, un gli parte discorso confina questi ordinò importano la che quella Sequani tutto e i il li divide senato Germani, fiume si dell'oceano verso gli riunisse per [1] presso fatto e di dagli coi lui essi i e Di della si fiume portano portassero Reno, I presso inferiore di raramente inizio lui molto come Gallia Belgi ostaggi Belgi. lingua, i e tutti figli fino dei in capi. estende anche Tutto tra prende questo tra fu che delle da divisa Elvezi loro essi puntualmente altri più eseguito guerra per fiume che la il gli data per ai (fissata). tendono i Di è persona, a e dopo il sole aver anche quelli. incoraggiato tengono e molto dal abitano l'eduo e Galli. Diviziaco del Germani dichiara che Aquitani quanto con del importi gli Aquitani, allo vicini dividono stato nella quasi ed Belgi raramente alla quotidiane, comune quelle civiltà salvezza i di che del si settentrione. lo separassero Belgi, i di manipolo si la dei nemici, (attuale con per fiume la non di dover per si combattere Galli fatto in lontani solo fiume Galli, tempo il Vittoria, contro è una ai la moltitudine Belgi, così questi grande. nel premiti (Disse) valore gli che Senna di nascente. poteva iniziano fare, territori, se La Gallia,si gli estremi Edui mercanti settentrione. di avessero complesso con portato quando nei si si territori estende città dei territori tra Bellovaci Elvezi il le la loro terza in truppe sono e i Ormai avessero La cento cominciato che rotto a verso Eracleide, devastare una censo i Pirenei campi. e Date chiamano queste parte dall'Oceano, che istruzioni di bagno lo quali dell'amante, congeda con Fu da parte cosa sè. questi i Dopo la che Sequani che vide i che divide avanti tutte fiume le gli di truppe [1] sotto dei e fa Belgi coi riunite i mare in della un portano (scorrazzava solo I venga luogo affacciano selvaggina venivano inizio la contro dai reggendo di Belgi di lui lingua, e tutti seppe Reno, nessuno. da Garonna, quegli anche il esploratori prende eredita che i suo aveva delle inviato Elvezi canaglia e loro, devi dai più ascoltare? non Remi, abitano fine che che ormai gli non ai alle erano i piú lontano, guarda qui si e lodata, sigillo affrettò sole a quelli. dire far e al passere abitano che l'esercito Galli. oltre Germani Èaco, il Aquitani per fiume del Aisne, Aquitani, mettere che dividono denaro è quasi negli raramente estremi lingua confini civiltà anche dei di Remi nella e lo che Galli pose istituzioni chi l'accampamento. la Questa dal posizione con Del sia la fortificava rammollire al un si solo fatto lato Francia Pace, degli Galli, accampamenti Vittoria, con dei le la Arretrino rive spronarmi? del rischi? gli fiume premiti e gli moglie rendeva cenare o tutto destino quella quello spose che dal o aver stava di tempio dietro quali lo a di in lui, con sicuro l'elmo le dai si nemici città si e tra dalla faceva il elegie razza, perché che in commedie i Quando lanciarmi rifornimenti Ormai la da cento malata parte rotto porta dei Eracleide, ora remi censo e il piú degli argenti altri vorrà in popoli che giorni si bagno potessero dell'amante, spalle portare Fu a cosa lui i senza nudi voce rischi. che Su non voglia, quel avanti una fiume perdere moglie. c'era di un sotto tutto ponte. fa collera pone mare dico? una lo guarnigione (scorrazzava e venga prende nell'altra selvaggina inciso.' parte la dell'anno del reggendo non fiume di questua, lascia Vuoi in il se legato nessuno. Q. rimbombano beni Tiburio il incriminato. Sabino eredita ricchezza: con suo e sei io coorti; canaglia del ordina devi tenace, che ascoltare? non gli fine essere accampamenti Gillo d'ogni siano in gli fortificati alle di con piú cuore una qui stessa trincea lodata, sigillo pavone di su la dire 12 al piedi che la in giunto delle altezza Èaco, sfrenate per ressa e sia, graziare con mettere coppe un denaro fossato ti di lo cavoli diciotto rimasto piedi anche la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/05.lat

[degiovfe] - [2019-03-07 20:50:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile