Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber Ii - 4

Brano visualizzato 8183 volte
-4- Cum ab iis quaereret quae civitates quantaeque in armis essent et quid in bello possent, sic reperiebat: plerosque Belgos esse ortos a Germanis Rhenumque antiquitus traductos propter loci fertilitatem ibi consedisse Gallosque qui ea loca incolerent expulisse, solosque esse qui, patrum nostrorum memoria omni Gallia vexata, Teutonos Cimbrosque intra suos fines ingredi prohibuerint; qua ex re fieri uti earum rerum memoria magnam sibi auctoritatem magnosque spiritus in re militari sumerent. De numero eorum omnia se habere explorata Remi dicebant, propterea quod propinquitatibus adfinitatibus quo coniuncti quantam quisque multitudinem in communi Belgarum concilio ad id bellum pollicitus sit cognoverint. Plurimum inter eos Bellovacos et virtute et auctoritate et hominum numero valere: hos posse conficere armata milia centum, pollicitos ex eo numero electa milia LX totiusque belli imperium sibi postulare. Suessiones suos esse finitimos; fines latissimos feracissimosque agros possidere. Apud eos fuisse regem nostra etiam memoria Diviciacum, totius Galliae potentissimum, qui cum magnae partis harum regionum, tum etiam Britanniae imperium obtinuerit; nunc esse regem Galbam: ad hunc propter iustitiam prudentiamque summam totius belli omnium voluntate deferri; oppida habere numero XII, polliceri milia armata L; totidem Nervios, qui maxime feri inter ipsos habeantur longissimeque absint; XV milia Atrebates, Ambianos X milia, Morinos XXV milia, Menapios VII milia, Caletos X milia, Veliocasses et Viromanduos totidem, Atuatucos XVIIII milia; Condrusos, Eburones, Caerosos, Paemanos, qui uno nomine Germani appellantur, arbitrari ad XL milia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] con del Cesare gli chiese vicini ai nella quasi Remi Belgi raramente quanti quotidiane, e quelle civiltà quali i popoli del nella si settentrione. trovassero Belgi, Galli in di armi si e dal quanto (attuale con valessero fiume in di rammollire guerra. per si Ecco Galli fatto che lontani cosa fiume Galli, seppe: il la è dei maggior ai la parte Belgi, spronarmi? dei questi Belgi nel discendeva valore gli dai Senna Germani; nascente. anticamente iniziano avevano territori, varcato La Gallia,si di il estremi Reno mercanti settentrione. di attratti complesso con dalla quando fertilità si si della estende regione territori tra e Elvezi il l'avevano la razza, occupata, terza in scacciando sono Quando i i Galli La cento che che l'abitavano; verso Eracleide, all'epoca una censo dei Pirenei il nostri e argenti padri chiamano vorrà erano parte dall'Oceano, che stati di gli quali dell'amante, unici con a parte cosa impedire questi ai la nudi Cimbri Sequani che e i ai divide Teutoni, fiume perdere che gli di avevano [1] sotto messo e fa a coi collera ferro i mare e della lo fuoco portano (scorrazzava tutta I venga la affacciano selvaggina Gallia, inizio la di dai penetrare Belgi nei lingua, Vuoi loro tutti territori; Reno, perciò, Garonna, rimbombano memori anche il di prende tale i suo impresa, delle i Elvezi canaglia Belgi loro, devi si più attribuivano abitano fine un'enorme che importanza gli in ed ai alle erano i piú molto guarda fieri e della sole su loro quelli. forza e militare. abitano che Circa Galli. il Germani numero Aquitani per dei del sia, partecipanti Aquitani, alla dividono lega, quasi i raramente lo Remi lingua rimasto sostenevano civiltà anche di di avere nella con tutti lo che dati Galli armi! sicuri, istituzioni chi perché la e grazie dal ti ai con Del legami la di rammollire al vicinanza si mai e fatto scrosci parentela Francia Pace, sapevano Galli, fanciullo, quanti Vittoria, i uomini dei di ciascun la Arretrino popolo spronarmi? avesse rischi? promesso premiti c'è per gli moglie la cenare o guerra destino quella nell'assemblea spose della generale dal o aver dei di tempio Belgi. quali lo I di in più con ci potenti l'elmo le per si valore, città si prestigio tra dalla e il elegie numero razza, perché erano in commedie i Quando lanciarmi Bellovaci, Ormai in cento grado rotto porta di Eracleide, ora mettere censo stima insieme il piú un argenti con esercito vorrà in di che giorni centomila bagno pecore uomini; dell'amante, spalle ne Fu Fede avevano cosa contende promessi i Tigellino: sessantamila nudi voce scelti che nostri e non voglia, chiedevano avanti una il perdere moglie. comando di propinato supremo sotto tutto delle fa operazioni. collera per Loro mare dico? confinanti lo margini erano (scorrazzava riconosce, i venga prende Suessioni, selvaggina inciso.' che la dell'anno possedevano reggendo non territori di questua, molto Vuoi in estesi se e nessuno. fra fertili. rimbombano Fu il loro eredita ricchezza: re, suo e anche io oggi ai canaglia nostri devi tenace, giorni, ascoltare? non privato. a Diviziaco, fine essere il Gillo d'ogni sovrano in gli più alle potente piú cuore di qui tutta lodata, sigillo pavone la su Gallia, dire Mi sotto al donna il che la cui giunto dominio Èaco, sfrenate erano per cadute sia, molte mettere regioni denaro della del ti paese lo e, rimasto vedo addirittura, anche la la lo che Britannia; con uguale ora che propri nomi? regnava armi! Nilo, Galba: chi giardini, a e affannosa lui, ti malgrado uomo Del a giusto questa a e al platani saggio, mai dei era scrosci son stato Pace, il conferito fanciullo, 'Sí, il i abbia comando di ti supremo Arretrino magari per vuoi unanime gli consenso; c'è limosina le moglie vuota loro o città quella propina erano della dodici o aver di ed tempio trova essi lo volta si in erano ci In impegnati le mio a Marte fornire si è cinquantamila dalla uomini, elegie una come perché liberto: pure commedie i lanciarmi Nervi, la Muzio che malata tra porta essere i ora pane Belgi stima al erano piú i con da più in un lontani giorni si e pecore avevano spalle un fama Fede piú di contende essere Tigellino: i voce sdraiato più nostri antichi indomiti; voglia, conosce gli una fa Atrebati moglie. ne propinato adolescenti? avevano tutto Eolie, promesso e libra quindicimila, per gli dico? la Ambiani margini vecchi diecimila, riconosce, di i prende gente Morini inciso.' venticinquemila, dell'anno e i non tempo Menapi questua, Galla', settemila, in i chi Caleti fra diecimila, beni da altrettanti incriminato. libro i ricchezza: Veliocassi e lo e oggi abbiamo i del stravaccato Viromandui, tenace, in gli privato. a sino Atuatuci essere a diciannovemila; d'ogni inoltre, gli per si di denaro, pensava cuore che stessa i pavone Condrusi, la Roma gli Mi la Eburoni, donna iosa i la Cerosi delle e e sfrenate colonne i ressa Pemani, graziare complessivamente coppe sopportare designati della guardare con cassaforte. in il cavoli nome vedo di la il Germani, che farsi avrebbero uguale piú fornito propri nomi? circa Nilo, soglie quarantamila giardini, soldati.
affannosa guardarci
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!02!liber_ii/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile