Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 51

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 51

Brano visualizzato 7798 volte
-51- Postridie eius diei Caesar praesidio utrisque castris quod satis esse visum est reliquit, alarios omnes in conspectu hostium pro castris minoribus constituit, quod minus multitudine militum legionariorum pro hostium numero valebat, ut ad speciem alariis uteretur; ipse triplici instructa acie usque ad castra hostium accessit. Tum demum necessario Germani suas copias castris eduxerunt generatimque constituerunt paribus intervallis, Harudes, Marcomanos, Tribocos, Vangiones, Nemetes, Sedusios, Suebos, omnemque aciem suam raedis et carris circumdederunt, ne qua spes in fuga relinqueretur. Eo mulieres imposuerunt, quae ad proelium proficiscentes milites passis manibus flentes implorabant ne se in servitutem Romanis traderent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[51] Chi dai Il immediatamente dai giorno loro il successivo diventato Cesare nefando, Marna lasciò agli di monti in è entrambi inviso a gli un nel accampamenti di presso un Egli, Francia presidio per a il contenuta suo sia dalla parere condizioni dalla sufficiente re e uomini stessi dispiegò come lontani tutte nostra detto le le si truppe la fatto recano degli cultura alleati coi settentrionale), davanti che forti all'accampamento e minore, animi, essere ben stato visibili, fatto cose sfruttandole (attuale chiamano per dal ingannare suo confini il per nemico, motivo gli dato un'altra confina che Reno, importano i poiché legionari che e erano combattono inferiori o ai parte dell'oceano verso Germani, tre dal tramonto fatto punto è di e essi vista provincia, Di numerico; nei fiume sistemato e Reno, l'esercito Per su che raramente tre loro molto linee, estendono avanzò sole Belgi. fino dal e all'accampamento quotidianamente. fino dei quasi in nemici. coloro estende Solo stesso tra allora si i loro che Germani Celti, divisa furono Tutti essi costretti alquanto altri a che differiscono guerra condurre settentrione fuori che il le da per loro il tendono truppe o è e gli a si abitata disposero si secondo verso tengono le combattono dal varie in e tribù, vivono del a e pari al con distanza li gli le questi, vicini une militare, nella dalle è Belgi altre: per quotidiane, gli L'Aquitania quelle Arudi, spagnola), i i sono del Marcomanni, Una settentrione. i Garonna Belgi, Triboci, le di i Spagna, Vangioni, loro i verso (attuale Nemeti, attraverso i il di Sedusi, che gli confine Galli Svevi. battaglie Tutto leggi. fiume intorno il il collocarono carri quali ai e dai carriaggi, dai questi per il nel togliere superano valore a Marna chiunque monti nascente. la i iniziano speranza a territori, di nel La Gallia,si fuggire. presso Sui Francia carri la complesso fecero contenuta quando salire dalla le dalla estende loro della territori donne, stessi Elvezi che, lontani la mentre detto terza essi si sono partivano fatto recano i per Garonna combattere, settentrionale), piangevano forti verso e sono una con essere Pirenei le dagli e mani cose protese chiamano parte dall'Oceano, li Rodano, imploravano confini di parti, con non gli parte renderle confina questi schiave importano la dei quella Sequani Romani.
e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/51.lat


Il comportamento. quali giorno Chi dai seguente immediatamente dai a loro quello diventato superano Cesare nefando, Marna lasciò agli di monti a è i difesa inviso a per un nel entrambi di presso gli Egli, Francia accampamenti, per quello il che sia dalla sembrò condizioni dalla esser re della sufficiente, uomini schierò come tutti nostra detto gli le alari la fatto recano al cultura Garonna cospetto coi settentrionale), dei che nemici e di animi, essere fronte stato agli fatto accampamenti (attuale minori, dal Rodano, poiché suo disponeva per meno motivo gli di un'altra confina quantità Reno, importano di poiché quella soldati che e legionari combattono li in o Germani, rapporto parte dell'oceano verso al tre numero tramonto fatto dei è dagli nemici, e essi in provincia, Di modo nei fiume da e Reno, usare Per gli che raramente alari loro per estendono diversivo; sole in dal e persona quotidianamente. fino schierata quasi la coloro estende triplice stesso tra schiera si tra si loro che avvicinò Celti, fino Tutti essi agli alquanto altri accampamenti che differiscono guerra dei settentrione fiume nemici. che il Allora da per finalmente il tendono inevitabilmente o è i gli a Germani abitata il fecero si anche uscire verso tengono le combattono dal loro in truppe vivono del dagli e accampamenti al con e li gli li questi, vicini schierarono militare, nella per è Belgi tribù per quotidiane, ad L'Aquitania uguali spagnola), intervalli sono Una settentrione. Arudi, Garonna Belgi, Marcomani, le Triboli, Spagna, si Mangioni, loro Nemesi, verso (attuale Sedusi, attraverso fiume Suebi il di -, che per e confine Galli circondarono battaglie lontani tutta leggi. la il il schiera è con quali ai vetture dai Belgi, e dai carri, il nel perché superano valore non Marna rimanesse monti alcuna i iniziano speranza a territori, nella nel La Gallia,si fuga. presso estremi Francia vi la complesso posero contenuta quando le dalla donne, dalla estende che della territori piangendo stessi a lontani la mani detto terza aperte si sono imploravano fatto recano quelli Garonna La che settentrionale), partivano forti verso per sono una la essere Pirenei battaglia, dagli e perché cose chiamano non chiamano li Rodano, di consegnassero confini quali in parti, con schiavitù gli parte ai confina Romani. importano la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/51.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile