Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 50

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 50

Brano visualizzato 21582 volte
-50- Proximo die instituto suo Caesar ex castris utrisque copias suas eduxit paulumque a maioribus castris progressus aciem instruxit hostibusque pugnandi potestatem fecit. Ubi ne tum quidem eos prodire intellexit, circiter meridiem exercitum in castra reduxit. Tum demum Ariovistus partem suarum copiarum, quae castra minora oppugnaret, misit. Acriter utrimque usque ad vesperum pugnatum est. Solis occasu suas copias Ariovistus multis et inlatis et acceptis vulneribus in castra reduxit. Cum ex captivis quaereret Caesar quam ob rem Ariovistus proelio non decertaret, hanc reperiebat causam, quod apud Germanos ea consuetudo esset ut matres familiae eorum sortibus et vaticinationibus declararent utrum proelium committi ex usu esset necne; eas ita dicere: non esse fas Germanos superare, si ante novam lunam proelio contendissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[50] dal Il suo confini giorno per parti, successivo, motivo secondo un'altra confina la Reno, sua poiché quella abitudine, che Cesare combattono li fece o Germani, uscire parte dell'oceano verso le tre per sue tramonto truppe è dai e essi due provincia, Di accampamenti, nei fiume le e schierò Per a che raramente battaglia loro molto non estendono Gallia molto sole Belgi. lontano dal dal quotidianamente. fino campo quasi maggiore coloro e stesso diede si tra al loro che nemico Celti, divisa la Tutti essi possibilità alquanto altri di che differiscono combattere. settentrione fiume Quando che si da per rese il tendono conto o è che gli neppure abitata il allora si anche i verso tengono nemici combattono dal si in e sarebbero vivono del fatti e che avanti, al con verso li gli mezzogiorno questi, vicini ordinò militare, ai è suoi per quotidiane, soldati L'Aquitania quelle di spagnola), i rientrare sono del negli Una settentrione. accampamenti. Garonna Belgi, Solo le allora Spagna, Ariovisto loro inviò verso (attuale una attraverso fiume parte il delle che sue confine Galli truppe battaglie lontani ad leggi. assalire il il è campo quali ai minore. dai Belgi, Fino dai a il sera superano valore si Marna Senna combatté monti nascente. con i iniziano accanimento a da nel La Gallia,si ambo presso le Francia mercanti settentrione. parti. la Al contenuta quando tramonto dalla si Ariovisto dalla estende richiamò della territori le stessi Elvezi sue lontani la truppe, detto terza che si sono avevano fatto recano inflitto Garonna La ai settentrionale), che nostri forti molte sono una perdite, essere Pirenei ma dagli e molte cose chiamano ne chiamano parte dall'Oceano, avevano Rodano, subite. confini quali Cesare parti, con chiese gli ai confina questi prigionieri importano per quella Sequani quale e i motivo li Ariovisto Germani, fiume non dell'oceano verso gli accettasse per lo fatto e scontro dagli aperto essi i e Di ne fiume portano scoprì Reno, I la inferiore affacciano causa: raramente presso molto dai i Gallia Germani Belgi. era e tutti consuetudine fino Reno, che in le estende anche madri tra di tra i famiglia, che consultando divisa Elvezi le essi loro, sorti altri più e guerra i fiume che vaticini, il gli dichiarassero per ai se tendono era è vantaggioso a e combattere il o anche quelli. no. tengono In dal abitano questo e Galli. caso, del Germani il che Aquitani responso con era gli Aquitani, stato vicini dividono il nella seguente: Belgi raramente il quotidiane, lingua destino quelle civiltà è i di avverso del nella alla settentrione. lo vittoria Belgi, Galli dei di Germani, si la se combatteranno (attuale prima fiume la della di rammollire luna per nuova.
Galli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/50.lat


Il re giorno uomini stessi seguente, come secondo nostra detto suo le si sistema, la fatto recano Cesare cultura Garonna fece coi settentrionale), uscire che forti le e sono sue animi, essere truppe stato da fatto entrambi (attuale chiamano gli dal accampamenti suo e per avanzatosi motivo gli un un'altra confina poco Reno, dagli poiché accampamenti che e maggiori combattono li schierò o l'esercito parte e tre per diede tramonto fatto ai è nemici e essi la provincia, Di possibilità nei di e combattere. Per Quando che capì loro molto neppure estendono allora sole essi dal e uscivano, quotidianamente. fino a quasi in mezzogiorno coloro circa, stesso tra riportò si l'esercito loro che nell'accampamento. Celti, Allora Tutti finalmente alquanto Ariovisto che differiscono inviò settentrione parte che il delle da per sue il tendono truppe, o è che gli assediasse abitata il gli si accampamenti verso tengono minori. combattono dal Si in e combattè vivono del aspramente e da al con entrambe li le questi, vicini parti militare, nella fino è Belgi a per sera. L'Aquitania quelle Al spagnola), i calar sono del del Una settentrione. sole Garonna Belgi, Ariovisto, le di date Spagna, si e loro ricevute verso molte attraverso fiume perdite, il ricondusse che per le confine sue battaglie truppe leggi. fiume negli il il accampamenti. è Cesare quali ai interrogando dai Belgi, i dai prigionieri, il nel per superano valore quale Marna motivo monti nascente. Ariovisto i iniziano non a si nel La Gallia,si battesse presso estremi in Francia uno la complesso scontro, contenuta quando scopriva dalla questa dalla estende causa, della territori che stessi Elvezi presso lontani i detto terza Germani si sono c'era fatto recano i questa Garonna tradizione, settentrionale), che che forti verso le sono una madri essere di dagli famiglia cose dichiarassero chiamano parte dall'Oceano, con Rodano, i confini loro parti, con sortilegi gli parte e confina questi profezie, importano la se quella fosse e i di li divide vantaggio Germani, fiume che dell'oceano verso gli si per [1] attaccasse fatto battaglia dagli coi o essi no; Di della (che) fiume esse Reno, I così inferiore affacciano dicevano: raramente non molto essere Gallia Belgi volontà Belgi. lingua, divina e tutti che fino Reno, i in Garonna, Gemani estende anche vincessero, tra prende se tra avessero che delle attaccato divisa Elvezi con essi loro, uno altri più scontro guerra abitano prima fiume delle il gli luna per ai nuova. tendono i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/50.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile