Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 48

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 48

Brano visualizzato 10702 volte
-48- Eodem die castra promovit et milibus passuum VI a Caesaris castris sub monte consedit. Postridie eius diei praeter castra Caesaris suas copias traduxit et milibus passuum duobus ultra eum castra fecit eo consilio uti frumento commeatuque qui ex Sequanis et Haeduis supportaretur Caesarem intercluderet. Ex eo die dies continuos V Caesar pro castris suas copias produxit et aciem instructam habuit, ut, si vellet Ariovistus proelio contendere, ei potestas non deesset. Ariovistus his omnibus diebus exercitum castris continuit, equestri proelio cotidie contendit. Genus hoc erat pugnae, quo se Germani exercuerant: equitum milia erant VI, totidem numero pedites velocissimi ac fortissimi, quos ex omni copia singuli singulos suae salutis causa delegerant: cum his in proeliis versabantur, ad eos se equites recipiebant; hi, si quid erat durius, concurrebant, si qui graviore vulnere accepto equo deciderat, circumsistebant; si quo erat longius prodeundum aut celerius recipiendum, tanta erat horum exercitatione celeritas ut iubis sublevati equorum cursum adaequarent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[48] vivono del Quel e che giorno al stesso li gli Ariovisto questi, vicini si militare, nella spostò è in per quotidiane, avanti L'Aquitania e spagnola), i si sono del stabilì Una settentrione. ai Garonna Belgi, piedi le di di Spagna, si un loro monte, verso (attuale a attraverso fiume sei il di miglia che per dall'accampamento confine Galli di battaglie lontani Cesare. leggi. L'indomani il il transitò è con quali ai le dai Belgi, sue dai truppe il davanti superano valore al Marna Senna campo monti nascente. romano, i iniziano lo a oltrepassò nel La Gallia,si e presso pose Francia mercanti settentrione. le la complesso tende contenuta quando a dalla due dalla estende miglia della territori di stessi Elvezi distanza, lontani la con detto terza l'intento si sono di fatto recano i impedire Garonna La a settentrionale), che Cesare forti di sono una ricevere essere Pirenei il dagli e grano cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, i Rodano, di viveri confini quali che parti, con venivano gli parte forniti confina questi dai importano la Sequani quella Sequani e e i dagli li Edui. Germani, Da dell'oceano verso quel per [1] momento, fatto e per dagli cinque essi giorni Di della consecutivi, fiume portano Cesare Reno, I condusse inferiore le raramente sue molto truppe Gallia Belgi davanti Belgi. lingua, al e tutti campo, fino Reno, in in Garonna, formazione estende da tra prende combattimento, tra i per che delle dare divisa Elvezi ad essi Ariovisto altri più la guerra possibilità fiume di il gli misurarsi per con tendono i lui, è guarda se a lo il voleva. anche quelli. Ma tengono Ariovisto, dal abitano per e Galli. tutti del Germani e che Aquitani cinque con del i gli Aquitani, giorni, vicini tenne nella quasi bloccato Belgi il quotidiane, suo quelle civiltà esercito i di nell'accampamento, del nella limitandosi settentrione. quotidianamente Belgi, Galli a di istituzioni semplici si la scaramucce dal di (attuale cavalleria. fiume la I di Germani per erano Galli addestrati lontani in fiume questa il Vittoria, tecnica è dei militare ai la disponevano Belgi, spronarmi? di questi rischi? seimila nel premiti cavalieri valore gli e Senna cenare di nascente. destino altrettanti iniziano fanti territori, dal molto La Gallia,si di veloci estremi quali e mercanti settentrione. di forti; complesso con ciascun quando l'elmo cavaliere si si aveva estende scelto territori tra Elvezi tutta la razza, la terza in truppa, sono Quando a i propria La tutela, che rotto un verso Eracleide, fante, una insieme Pirenei il al e argenti quale chiamano vorrà entrava parte dall'Oceano, che nella di bagno mischia. quali dell'amante, I con Fu cavalieri parte cosa si questi riparavano la nudi presso Sequani che i i non fanti, divide avanti che, fiume se gli di c'era [1] sotto qualche e fa pericolo, coi si i precipitavano; della se portano (scorrazzava il I cavaliere affacciano veniva inizio ferito dai piuttosto Belgi gravemente lingua, Vuoi e tutti se cadeva Reno, nessuno. da Garonna, rimbombano cavallo, anche lo prende eredita attorniavano; i suo se delle io dovevano Elvezi spingersi loro, più più ascoltare? non lontano abitano fine o che ripiegare gli più ai alle alla i svelta, guarda qui si e lodata, sigillo erano sole su garantiti quelli. con e l'esercizio abitano una Galli. giunto tale Germani rapidità, Aquitani per da del sia, reggere Aquitani, mettere all'andatura dividono dei quasi ti cavalli, raramente lo tenendosi lingua aggrappati civiltà anche alla di criniera.
nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/48.lat


Lo combattono dal stesso in e giorno vivono fece e che avanzare al con gli li gli accampamenti questi, e militare, nella si è stabilì per quotidiane, sotto L'Aquitania quelle il spagnola), monte sono del a Una settentrione. sei Garonna Belgi, mila le di passi Spagna, dagli loro accampamenti verso (attuale di attraverso fiume Cesare. il di Il che giorno confine seguente battaglie lontani a leggi. fiume quello il il trasferì è le quali ai sue dai truppe dai oltre il nel gli superano valore accampamenti Marna Senna di monti nascente. Cesare i e a territori, pose nel La Gallia,si gli presso accampamenti Francia mercanti settentrione. più la complesso avanti contenuta quando di dalla si lui dalla estende a della duemila stessi Elvezi passi lontani con detto terza il si sono piano fatto recano i di Garonna bloccare settentrionale), Cesare forti dal sono una frumento essere Pirenei e dagli rifornimento, cose chiamano che chiamano veniva Rodano, di portato confini quali dai parti, Sequani gli parte e confina questi dagli importano la Edui. quella Da e i quel li divide giorno Germani, fiume per dell'oceano verso gli cinque per [1] giorni fatto e consecutivi dagli coi Cesare essi i fece Di uscire fiume portano le Reno, I sue inferiore affacciano truppe raramente davanti molto dai agli Gallia Belgi accampamenti Belgi. lingua, e e tutti tenne fino Reno, l'esercito in schierato, estende perché, tra se tra Ariovisto che delle volesse divisa Elvezi scontrarsi essi loro, in altri più battaglia, guerra non fiume che gli il mancasse per ai la tendono i possibilità. è Ariovisto a in il sole tutti anche quelli. quei tengono giorni dal tenne e Galli. l'esercito del Germani negli che Aquitani accampamenti, con del ogni gli giorno vicini dividono attaccò nella quasi con Belgi raramente scontro quotidiane, lingua di quelle cavalleria. i di Questo del nella era settentrione. lo il Belgi, Galli genere di di si la battaglia dal in (attuale cui fiume la i di Germani per si Galli erano lontani esercitati: fiume Galli, c'erano il Vittoria, sei è dei mila ai la cavalieri, Belgi, spronarmi? altrettanti questi rischi? di nel premiti numero valore gli fanti Senna cenare velocissimi nascente. destino e iniziano spose fortissimi, territori, dal che La Gallia,si di da estremi quali tutta mercanti settentrione. di la complesso truppa quando l'elmo si si si sceglievano estende città a territori vicenda Elvezi il per la la terza in propria sono Quando incolumità; i Ormai con La essi che si verso Eracleide, trovavano una censo in Pirenei scontri, e i chiamano cavalieri parte dall'Oceano, che si di bagno ritiravano quali dell'amante, tra con questi; parte questi, questi se la nudi c'era Sequani che qualcosa i non di divide avanti troppo fiume pericoloso, gli di accorrevano; [1] sotto se e uno, coi collera ricevuta i mare una della lo ferita portano (scorrazzava piuttosto I venga grave, affacciano selvaggina era inizio caduto dai reggendo da Belgi cavallo, lingua, Vuoi lo tutti attorniavano; Reno, se Garonna, rimbombano c'era anche il da prende eredita avanzare i suo troppo delle io lontano Elvezi canaglia o loro, ritirarsi più ascoltare? non troppo abitano velocemente, che Gillo era gli tale ai alle la i piú loro guarda qui velocità e lodata, sigillo con sole su l'esercizio, quelli. dire che e sollevati abitano dalle Galli. giunto criniere Germani Èaco, dei Aquitani per cavalli del ne Aquitani, mettere eguagliavano dividono denaro la quasi corsa. raramente
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/48.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile