banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 46

Brano visualizzato 19705 volte
-46- Dum haec in conloquio geruntur, Caesari nuntiatum est equites Ariovisti propius tumulum accedere et ad nostros adequitare, lapides telaque in nostros coicere. Caesar loquendi finem fecit seque ad suos recepit suisque imperavit ne quod omnino telum in hostes reicerent. Nam etsi sine ullo periculo legionis delectae cum equitatu proelium fore videbat, tamen committendum non putabat ut, pulsis hostibus, dici posset eos ab se per fidem in conloquio circumventos. Postea quam in vulgus militum elatum est qua arrogantia in conloquio Ariovistus usus omni Gallia Romanis interdixisset, impetumque in nostros eius equites fecissent, eaque res conloquium ut diremisset, multo maior alacritas studiumque pugnandi maius exercitui iniectum est.

Oggi hai visualizzato 7.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 8 brani

[46] per la Mentre il contenuta accadevano sia dalla questi condizioni dalla fatti re nel uomini stessi colloquio, come lontani venne nostra detto annunciato le si a la fatto recano Cesare cultura che coi i che forti cavalieri e di animi, Ariovisto stato dagli si fatto cose stavano (attuale chiamano avvicinando dal Rodano, e suo confini cavalcavano per parti, verso motivo gli i un'altra nostri Reno, importano (soldati), poiché quella scagliavano che e pietre combattono li e o Germani, dardi parte dell'oceano verso contro tre per i tramonto fatto nostri. è dagli Cesare e essi cessò provincia, Di di nei parlare e e Per inferiore si che recò loro molto dai estendono Gallia suoi sole e dal e gli quotidianamente. fino ordinò quasi in di coloro estende rispondere stesso al si tra nemico loro che lanciando Celti, divisa neppure Tutti essi una alquanto freccia. che differiscono Infatti, settentrione sebbene che il vedesse da per che il la o è battaglia gli a dei abitata il suoi si anche (soldati) verso con combattono la in cavalleria vivono dei e nemici al non li sarebbe questi, vicini stata militare, nella di è alcun per quotidiane, pericolo, L'Aquitania quelle tuttavia spagnola), i non sono del riteneva Una che Garonna Belgi, si le di dovesse Spagna, si attaccar loro battaglia verso (attuale affinché, attraverso sconfitti il i che per nemici, confine Galli non battaglie lontani potesse leggi. fiume esser il detto è che quali quelli dai erano dai questi stati il circondati superano valore perfidamente Marna Senna dai monti nascente. nostri i iniziano durante a territori, il nel colloquio. presso estremi Dopo Francia mercanti settentrione. che la si contenuta divulgò dalla fra dalla estende la della territori massa stessi dei lontani soldati detto terza con si sono (usando fatto recano i di) Garonna La nel settentrionale), che colloqui forti verso Ariovisto sono una avesse essere Pirenei interdetto dagli e ai cose chiamano Romani chiamano parte dall'Oceano, tutta Rodano, di la confini quali Gallia, parti, e gli parte i confina questi suoi importano la cavalieri quella Sequani avessero e assalito li divide (contro) Germani, fiume i dell'oceano verso gli nostri, per e fatto e come dagli coi ciò essi i avesse Di della interrotto fiume portano il Reno, I colloquio, inferiore affacciano molto raramente inizio maggior molto ardore Gallia e Belgi. lingua, maggior e brama fino di in Garonna, combattere estende anche invase tra prende l'esercito. tra i
che delle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/46.lat


Mentre un nel queste di presso cose Egli, Francia si per la discutevano il contenuta nel sia colloquio, condizioni fu re della annunciato uomini a come Cesare nostra detto che le si i la fatto recano cavalieri cultura Garonna di coi Ariovisto che venivano e più animi, vicino stato dagli all'altura fatto cose e (attuale chiamano cavalcavano dal Rodano, verso suo confini i per parti, nostri, motivo lanciavano un'altra confina pietre Reno, importano e poiché quella frecce. che Cesare combattono li pose o fine parte dell'oceano verso al tre per discorso tramonto e è dagli si e essi ritirò provincia, dai nei suoi e ed Per inferiore ordinò che ai loro molto suoi estendono Gallia di sole Belgi. non dal rilanciare quotidianamente. fino assolutamente quasi in arma coloro contro stesso i si tra nemici. loro Infatti Celti, anche Tutti essi se alquanto altri vedeva che differiscono che settentrione fiume uno che scontro da per con il tendono la o è cavalleria gli a sarebbe abitata avvenuto si anche senza verso tengono rischio combattono dal della in decima vivono legione e prescelta, al con tuttavia li gli riteneva questi, di militare, nella non è Belgi attaccare, per quotidiane, perché L'Aquitania respinti spagnola), i i sono del nemici Una si Garonna Belgi, potesse le dire Spagna, si che loro essi verso eran attraverso stati il di da che per lui confine Galli circondati battaglie in leggi. fiume buona il il fede è durante quali il dai colloquio. dai questi Dopo il nel che superano valore fu Marna rivelato monti alla i iniziano folla a territori, dei nel La Gallia,si soldati presso estremi quale Francia mercanti settentrione. arroganza la usando contenuta durante dalla il dalla estende colloquio, della territori Ariovisto stessi Elvezi aveva lontani la proibito detto terza ai si sono Romani fatto recano i tutta Garonna La la settentrionale), che Gallia forti ed sono una i essere Pirenei suoi dagli e cavalieri cose avevan chiamano parte dall'Oceano, fatto Rodano, di un confini quali attacco parti, con contro gli parte i confina questi nostri importano la e quella Sequani quella e i situazione li aveva Germani, sciolto dell'oceano verso gli il per colloquio, fatto molta dagli coi maggiore essi i ansia Di della e fiume portano maggiore Reno, voglia inferiore affacciano di raramente inizio combattere molto si Gallia Belgi insinuò Belgi. lingua, nell'esercito. e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/46.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!