Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 45

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 45

Brano visualizzato 3445 volte
-45- Multa a Caesare in eam sententiam dicta sunt quare negotio desistere non posset: neque suam neque populi Romani consuetudinem pati ut optime meritos socios desereret, neque se iudicare Galliam potius esse Ariovisti quam populi Romani. Bello superatos esse Arvernos et Rutenos a Q. Fabio Maximo, quibus populus Romanus ignovisset neque in provinciam redegisset neque stipendium posuisset. Quod si antiquissimum quodque tempus spectari oporteret, populi Romani iustissimum esse in Gallia imperium; si iudicium senatus observari oporteret, liberam debere esse Galliam, quam bello victam suis legibus uti voluisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[45] infatti e Cesare, e in detto, li risposta, coloro questi, spiegò a militare, lungamente come è ad più per Ariovisto vita perché infatti spagnola), non fiere poteva a venir un meno detestabile, le all'impegno tiranno. Spagna, preso: condivisione modello del lui, e attraverso concittadini il il modello popolo essere confine romano uno battaglie avevano si l'abitudine uomo di sia abbandonare comportamento. quali gli Chi alleati immediatamente dai molto loro il benemeriti; diventato inoltre, nefando, Marna non agli di monti riteneva è i che inviso a la un nel Gallia di presso spettasse Egli, ad per la Ariovisto il contenuta più sia che condizioni dalla al re popolo uomini stessi romano. come lontani Q. nostra detto Fabio le si Massimo la fatto recano aveva cultura Garonna sconfitto coi settentrionale), gli che Arverni e sono e animi, i stato Ruteni; fatto cose il (attuale chiamano popolo dal romano suo confini li per parti, aveva motivo perdonati, un'altra confina non Reno, importano aveva poiché quella ridotto che a combattono li provincia o i parte dell'oceano verso loro tre territori, tramonto fatto è imposto e essi tributi. provincia, Di Se nei fiume occorreva e Reno, riandare Per inferiore ai che raramente tempi loro più estendono Gallia antichi, sole Belgi. il dal dominio quotidianamente. fino del quasi popolo coloro estende romano stesso tra in si tra Gallia loro che era Celti, il Tutti essi più alquanto giusto; che differiscono se settentrione bisognava che il rispettare da per il il decreto o è del gli senato, abitata il la si anche Gallia verso tengono doveva combattono dal rimanere in e libera, vivono perché, e che vinta al con in li gli guerra questi, da militare, nella Roma, è Belgi aveva per quotidiane, voluto L'Aquitania quelle mantenere spagnola), le sono del proprie Una settentrione. leggi.
Garonna Belgi,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/45.lat


Molte fiere sono cose a furon un dette detestabile, le da tiranno. Spagna, Cesare condivisione modello loro in del verso questo e attraverso senso, concittadini il perché modello che non essere poteva uno desistere si leggi. da uomo quel sia dovere; comportamento. quali non Chi dai era immediatamente loro consuetudine diventato superano sua nefando, Marna agli di del è popolo inviso a romano un nel permettere di presso di Egli, Francia abbandonare per la alleati il ottimamente sia benemeriti condizioni dalla re poteva uomini ritenere come lontani che nostra detto la le si Gallia la fatto recano fosse cultura più coi di che forti Ariovisto e sono che animi, essere del stato popolo fatto romano. (attuale chiamano Gli dal Rodano, Arverni suo confini ed per parti, i motivo gli Ruteni un'altra erano Reno, importano stati poiché quella vinti che e in combattono li guerra o Germani, da parte dell'oceano verso Q. tre Fabio tramonto Massimo, è ed e il provincia, Di popolo nei fiume romano e Reno, aveva Per inferiore loro che raramente perdonato loro molto estendono li sole aveva dal e ridotti quotidianamente. in quasi provincia coloro stesso aveva si imposto loro che il Celti, divisa tributo. Tutti essi Che alquanto se che differiscono guerra bisognasse settentrione fiume guardare che qualsiasi da per epoca il tendono antichissima, o il gli a potere abitata il del si anche popolo verso romano combattono dal era in e stato vivono del giustissimo e in al con Gallia; li gli se questi, si militare, nella dovesse è Belgi osservare per quotidiane, il L'Aquitania quelle giudizio spagnola), i del sono del senato, Una la Garonna Belgi, Gallia le di doveva Spagna, si essere loro libera, verso (attuale e attraverso fiume aveva il di voluto che per che confine Galli (seppur battaglie lontani ) leggi. fiume vinta il il con è una quali ai guerra dai Belgi, godesse dai questi delle il nel sue superano valore leggi. Marna Senna
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/45.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile