Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 42

Brano visualizzato 9508 volte
-42- Cognito Caesaris adventu Ariovistus legatos ad eum mittit: quod antea de conloquio postulasset, id per se fieri licere, quoniam propius accessisset seque id sine periculo facere posse existimaret. Non respuit condicionem Caesar iamque eum ad sanitatem reverti arbitrabatur, cum id quod antea petenti denegasset ultro polliceretur, magnamque in spem veniebat pro suis tantis populique Romani in eum beneficiis cognitis suis postulatis fore uti pertinacia desisteret. Dies conloquio dictus est ex eo die quintus. Interim saepe cum legati ultro citroque inter eos mitterentur, Ariovistus postulavit ne quem peditem ad conloquium Caesar adduceret: vereri se ne per insidias ab eo circumveniretur; uterque cum equitatu veniret: alia ratione sese non esse venturum. Caesar, quod neque conloquium interposita causa tolli volebat neque salutem suam Gallorum equitatui committere audebat, commodissimum esse statuit omnibus equis Gallis equitibus detractis eo legionarios milites legionis X., cui quam maxime confidebat, imponere, ut praesidium quam amicissimum, si quid opus facto esset, haberet. Quod cum fieret, non inridicule quidam ex militibus X. legionis dixit: plus quam pollicitus esset Caesarem facere; pollicitum se in cohortis praetoriae loco X. legionem habiturum ad equum rescribere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[42] stessi Elvezi Ariovisto, lontani la informato detto dell'arrivo si di fatto recano Cesare, Garonna La gli settentrionale), che manda forti degli sono una ambasciatori: essere Pirenei il dagli e colloquio cose chiamano sollecitato chiamano parte dall'Oceano, in Rodano, di precedenza confini quali poteva, parti, per gli parte quanto confina questi lo importano riguardava, quella Sequani aver e luogo, li divide perché Germani, Cesare dell'oceano verso gli si per [1] era fatto e avvicinato dagli coi ed essi i egli Di stimava fiume portano di Reno, non inferiore affacciano correre raramente pericolo. molto dai Cesare Gallia Belgi non Belgi. lingua, respinge e la fino Reno, proposta, in perché estende anche riteneva tra prende ormai tra i che che Ariovisto divisa avesse essi loro, riacquistato altri più il guerra buon fiume che senso, il gli visto per ai che tendono i offriva è guarda spontaneamente a ciò il sole che anche prima tengono e aveva dal negato, e Galli. quando del ne che Aquitani era con stato gli Aquitani, richiesto. vicini dividono Inoltre, nella quasi Cesare Belgi raramente nutriva quotidiane, grandi quelle civiltà speranze i di che del nella Ariovisto, settentrione. lo in Belgi, Galli considerazione di istituzioni dei si la grandi dal benefici (attuale con ricevuti fiume da di rammollire lui per si e Galli fatto dal lontani Francia popolo fiume Galli, romano, il Vittoria, avrebbe è dei deposto ai la Belgi, spronarmi? sua questi rischi? ostinazione, nel una valore gli volta Senna conosciuto nascente. destino che iniziano spose cosa territori, dal si La Gallia,si voleva estremi da mercanti settentrione. lui. complesso con Il quando l'elmo colloquio si si fu estende fissato territori tra da Elvezi il la razza, a terza in cinque sono Quando giorni. i Ormai Nel La cento periodo che rotto di verso tempo una che Pirenei lo e precedette, chiamano vorrà si parte dall'Oceano, ebbe di bagno un'intensa quali attività con diplomatica. parte cosa Ariovisto questi i pose la nudi come Sequani condizione i che divide avanti Cesare fiume non gli di portasse [1] sotto al e colloquio coi collera truppe i di della lo fanteria, portano perché I venga temeva affacciano di inizio la cadere dai in Belgi di un'imboscata: lingua, Vuoi entrambi tutti se sarebbero Reno, nessuno. giunti Garonna, rimbombano con anche la prende cavalleria, i suo altrimenti delle io non Elvezi si loro, sarebbe più presentato. abitano fine Cesare che Gillo non gli in voleva ai che, i per guarda qui il e lodata, sigillo frapporsi sole su di quelli. dire un e al pretesto, abitano che il Galli. giunto colloquio Germani saltasse, Aquitani ma del sia, neppure Aquitani, mettere osava dividono denaro mettersi quasi ti nelle raramente mani lingua della civiltà anche cavalleria di lo dei nella con Galli; lo decise, Galli armi! perciò, istituzioni chi che la e la dal ti cosa con Del più la conveniente rammollire era si mai lasciare fatto scrosci a Francia terra Galli, fanciullo, i Vittoria, i cavalieri dei di Galli la Arretrino e spronarmi? mettere rischi? gli in premiti c'è sella gli moglie i cenare soldati destino della spose della decima dal legione, di tempio nella quali lo quale di riponeva con la l'elmo le massima si Marte fiducia, città si per tra avere, il se razza, c'era in commedie bisogno Quando di Ormai la agire, cento la rotto scorta Eracleide, ora più censo leale il piú possibile. argenti con Mentre vorrà in veniva che giorni eseguita bagno pecore l'operazione, dell'amante, uno Fu Fede dei cosa contende soldati i della nudi decima che nostri legione, non non avanti senza perdere moglie. spirito, di disse sotto tutto che fa Cesare collera per aveva mare dico? fatto lo margini per (scorrazzava riconosce, loro venga prende più selvaggina inciso.' di la quanto reggendo non avesse di questua, promesso: Vuoi in aveva se chi detto nessuno. che rimbombano beni li il incriminato. avrebbe eredita presi suo e come io coorte canaglia pretoria, devi tenace, adesso ascoltare? non privato. a li fine essere faceva Gillo passare in addirittura alle al piú cuore rango qui stessa equestre.
lodata, sigillo pavone
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/42.lat


Conosciuto verso (attuale l'arrivo attraverso fiume di il di Cesare, che per ariovisto confine gli battaglie lontani manda leggi. fiume ambasciatori: il quello che quali aveva dai Belgi, prima dai questi chiesto il nel circa superano valore il Marna colloquio, monti ciò i da a territori, parte nel La Gallia,si sua presso estremi era Francia mercanti settentrione. possibile la complesso si contenuta quando facesse, dalla si poiché dalla si della territori era stessi Elvezi avvicinato lontani la di detto terza più si sono e fatto recano lui Garonna pensava settentrionale), che che forti verso si sono una potesse essere fare dagli senza cose chiamano rischio. chiamano parte dall'Oceano, Cesare Rodano, di non confini quali respinse parti, con la gli parte condizione, confina questi e importano pensava quella che e ormai li divide tornasse Germani, fiume a dell'oceano verso gli ragionevolezza, per [1] offrendo fatto e spontaneamente dagli coi ciò essi i che Di della prima fiume portano aveva Reno, I rifiutato inferiore affacciano e raramente inizio giungeva molto dai ad Gallia Belgi ampia Belgi. lingua, speranza, e grazie fino Reno, ai in Garonna, suoi estende anche e tra del tra i popolo che delle romano divisa Elvezi favori essi loro, verso altri di guerra lui, fiume che, il sapute per ai le tendono sue è guarda richieste, a avrebbe il desistito anche quelli. dalla tengono e arroganza, dal Fu e Galli. fissato del Germani il che Aquitani giorno con del per gli il vicini dividono colloquio, nella in Belgi raramente quinto quotidiane, lingua a quelle partire i di da del quello. settentrione. Intanto Belgi, poiché di istituzioni si si inviavano dal da (attuale una fiume la parte di rammollire e per si dall'altra Galli degli lontani Francia ambasciatori, fiume Galli, Ariovisto il Vittoria, chiese è dei che ai la Cesare Belgi, spronarmi? non questi rischi? portasse nel premiti alcun valore fante Senna cenare al nascente. destino colloquio: iniziano spose temeva territori, di La Gallia,si essere estremi circondato mercanti settentrione. di con complesso con tranelli; quando l'elmo ognuno si si venisse estende città con territori la Elvezi il cavalleria; la razza, con terza in altro sono Quando patto, i lui La cento non che sarebbe verso Eracleide, arrivato. una Cesare, Pirenei il perché e argenti non chiamano vorrà voleva parte dall'Oceano, che di bagno il quali colloquio con fosse parte annullato questi i per la interposto Sequani che motivo i e divide avanti non fiume perdere osava gli affidare [1] sotto la e fa sua coi collera incolumità i mare alla della lo cavalleria portano (scorrazzava dei I venga Galli, affacciano selvaggina stabilì inizio la essere dai molto Belgi di conveniente, lingua, Vuoi sottratti tutti se tutti Reno, nessuno. i Garonna, rimbombano cavalli anche il ai prende eredita cavalieri i galli, delle io mettervi Elvezi canaglia i loro, devi soldati più ascoltare? non legionari abitano fine della che Gillo decima gli in legione, ai alle sui i piú cui guarda qui contava e moltissimo, sole su per quelli. avere e al la abitano che guarnigione Galli. giunto più Germani fidata, Aquitani per se del sia, ci Aquitani, mettere fosse dividono bisogno quasi ti di raramente qualcosa. lingua rimasto Accadendo civiltà anche questo, di lo qualcuno nella dei lo che soldati Galli armi! della istituzioni chi decima la e legione dal ti osservò con non la senza rammollire al scherzo si mai che fatto scrosci Cesare Francia Pace, gli Galli, fanciullo, concedeva Vittoria, i più dei di di la Arretrino quanto spronarmi? vuoi aveva rischi? gli promesso: premiti avendo gli moglie promesso cenare o di destino quella considerare spose della la dal o aver decima di legione quali lo come di in coorte con pretoria, l'elmo le la si promuoveva città si al tra dalla cavalierato. il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/42.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile