Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 41

Brano visualizzato 13576 volte
-41- Hac oratione habita mirum in modum conversae sunt omnium mentes summaque alacritas et cupiditas belli gerendi innata est, princepsque X. legio per tribunos militum ei gratias egit quod de se optimum iudicium fecisset, seque esse ad bellum gerendum paratissimam confirmavit. Deinde reliquae legiones cum tribunis militum et primorum ordinum centurionibus egerunt uti Caesari satis facerent: se neque umquam dubitasse neque timuisse neque de summa belli suum iudicium sed imperatoris esse existimavisse. Eorum satisfactione accepta et itinere exquisito per Diviciacum, quod ex Gallis ei maximam fidem habebat, ut milium amplius quinquaginta circuitu locis apertis exercitum duceret, de quarta vigilia, ut dixerat, profectus est. Septimo die, cum iter non intermitteret, ab exploratoribus certior factus est Ariovisti copias a nostris milia passuum IIII et XX abesse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[41] che forti Dopo e sono il animi, discorso stato dagli di fatto cose Cesare, (attuale lo dal Rodano, stato suo confini d'animo per parti, di motivo tutti un'altra confina mutò Reno, importano in poiché modo che e sorprendente combattono li e o in parte dell'oceano verso ognuno tre nacque tramonto fatto una è dagli gran e voglia provincia, di nei fiume agire, e un Per inferiore gran che raramente desiderio loro molto di estendono combattere. sole Per dal e prima quotidianamente. fino la quasi decima coloro estende legione, stesso tra attraverso si tra i loro che tribuni Celti, divisa militari, Tutti essi lo alquanto altri ringraziò che differiscono guerra per settentrione fiume lo che il straordinario da per apprezzamento il tendono ricevuto o e gli confermò abitata il di si essere verso prontissima combattono dal a in e scendere vivono in e campo. al Poi li gli le questi, vicini altre militare, nella legioni, è Belgi con per quotidiane, i L'Aquitania tribuni spagnola), i militari sono del e Una settentrione. i Garonna Belgi, centurioni le più Spagna, alti loro in verso (attuale grado, attraverso fiume provvidero il di a che per scusarsi confine con battaglie lontani Cesare: leggi. fiume non il il avevano è mai quali ai nutrito dai Belgi, dubbi dai questi o il timori, superano Marna Senna avevano monti pensato i iniziano che a la nel La Gallia,si valutazione presso delle Francia scelte la complesso strategiche contenuta spettasse dalla si a dalla loro, della territori ma stessi Elvezi al lontani la comandante. detto terza Cesare si ne fatto recano accettò Garonna le settentrionale), che scuse forti verso e sono una a essere Pirenei Diviziaco, dagli l'unico cose a chiamano parte dall'Oceano, cui Rodano, di riservava confini quali la parti, con massima gli fiducia confina questi tra importano la i quella Sequani Galli, e i chiese li divide l'itinerario Germani, fiume da dell'oceano verso gli seguirsi per [1] per fatto portare dagli coi l'esercito essi i in Di luoghi fiume aperti Reno, I compiendo inferiore un raramente inizio giro molto dai di Gallia Belgi oltre Belgi. cinquanta e miglia. fino Reno, Come in Garonna, aveva estende anche preannunziato, tra prende dopo tra le che delle tre divisa Elvezi di essi loro, notte altri più partì. guerra Il fiume che settimo il gli giorno per ai di tendono i marcia è guarda ininterrotta a e fu il sole informato anche dagli tengono e esploratori dal abitano che e Galli. le del truppe che Aquitani di con Ariovisto gli Aquitani, distavano vicini dividono dai nella nostri Belgi raramente ventiquattro quotidiane, lingua miglia.
quelle civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/41.lat


Tenuto (attuale chiamano questo dal Rodano, discorso suo confini in per modo motivo gli straordinario un'altra confina tutti Reno, i poiché quella cuori che e cambiarono combattono li e o Germani, si parte dell'oceano verso inserì tre per una tramonto fatto grandissima è ansia e essi e provincia, volontà nei di e Reno, far Per inferiore la che raramente guerra, loro molto e estendono Gallia la sole Belgi. decima dal e legione quotidianamente. fino per quasi in prima coloro lo stesso ringraziò si tra per loro che mezzo Celti, divisa dei Tutti tribuni alquanto altri militari, che differiscono guerra e settentrione fiume poiché che il su da di il tendono lei o è aveva gli a dato abitata il un si anche ottimo verso giudizio, combattono dal confermò in e pure vivono del di e che essere al con prontissima li gli per questi, far militare, nella la è Belgi guerra. per Poi L'Aquitania quelle le spagnola), i altre sono del legioni Una coi Garonna Belgi, tribuni le di militari Spagna, ed loro i verso (attuale centurioni attraverso fiume dei il di primi che ordini confine Galli fecero battaglie in leggi. modo il di è scusarsi quali ai con dai Belgi, Cesare dai per il nel mezzo superano valore di Marna Senna loro; monti nascente. loro i iniziano non a territori, avevano nel mai presso estremi dubitato Francia mercanti settentrione. la complesso temuto contenuta quando dalla pensato dalla che della territori sulla stessi Elvezi strategia lontani di detto guerra si sono valesse fatto recano i il Garonna loro settentrionale), che giudizio, forti verso ma sono una quello essere Pirenei del dagli e generale. cose chiamano Accolta chiamano la Rodano, di loro confini scusa parti, con e gli parte scelto confina questi l'itinerario importano la per quella Sequani mezzo e i di li divide Diviziaco, Germani, fiume perche dell'oceano verso tra per [1] i fatto Galli dagli aveva essi in Di lui fiume portano la Reno, I massima inferiore affacciano fiducia, raramente partì molto alla Gallia Belgi quarta Belgi. lingua, veglia, e tutti come fino Reno, aveva in detto, estende anche per tra prende condurre tra l'esercito che delle in divisa Elvezi zone essi aperte altri con guerra un fiume che giro il gli più per ai lungo tendono i di è guarda cinquanta a e miglia. il sole Al anche quelli. settimo tengono giorno, dal abitano non e interrompendo del la che Aquitani marcia, con fu gli Aquitani, informato vicini dividono dagli nella quasi esploratori Belgi raramente che quotidiane, lingua le quelle civiltà truppe i di di del Ariovisto settentrione. lo distavano Belgi, dalle di nostre si venti dal quattro (attuale con mila fiume la passi. di rammollire
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile