Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 40

Brano visualizzato 15372 volte
-40- Haec cum animadvertisset, convocato consilio omniumque ordinum ad id consilium adhibitis centurionibus, vehementer eos incusavit: primum, quod aut quam in partem aut quo consilio ducerentur sibi quaerendum aut cogitandum putarent. Ariovistum se consule cupidissime populi Romani amicitiam adpetisse; cur hunc tam temere quisquam ab officio discessurum iudicaret? Sibi quidem persuaderi cognitis suis poslulatis atque aequitate condicionum perspecta eum neque suam neque populi Romani gratiam repudiaturum. Quod si furore atque amentia impulsum bellum intulisset, quid tandem vererentur? Aut cur de sua virtute aut de ipsius diligentia desperarent? Factum eius hostis periculum patrum nostrorum memoria Cimbris et Teutonis a C. Mario pulsis [cum non minorem laudem exercitus quam ipse imperator meritus videbatur]; factum etiam nuper in Italia servili tumultu, quos tamen aliquid usus ac disciplina, quam a nobis accepissent, sublevarint. Ex quo iudicari posse quantum haberet in se boni constantia, propterea quod quos aliquam diu inermes sine causa timuissent hos postea armatos ac victores superassent. Denique hos esse eosdem Germanos quibuscum saepe numero Helvetii congressi non solum in suis sed etiam in illorum finibus plerumque superarint, qui tamen pares esse nostro exercitui non potuerint. Si quos adversum proelium et fuga Gallorum commoveret, hos, si quaererent, reperire posse diuturnitate belli defatigatis Gallis Ariovistum, cum multos menses castris se ac paludibus tenuisset neque sui potestatem fecisset, desperantes iam de pugna et dispersos subito adortum magis ratione et consilio quam virtute vicisse. Cui rationi contra homines barbaros atque imperitos locus fuisset, hac ne ipsum quidem sperare nostros exercitus capi posse. Qui suum timorem in rei frumentariae simulationem angustiasque itineris conferrent, facere arroganter, cum aut de officio imperatoris desperare aut praescribere viderentur. Haec sibi esse curae; frumentum Sequanos, Leucos, Lingones subministrare, iamque esse in agris frumenta matura; de itinere ipsos brevi tempore iudicaturos. Quod non fore dicto audientes neque signa laturi dicantur, nihil se ea re commoveri: scire enim, quibuscumque exercitus dicto audiens non fuerit, aut male re gesta fortunam defuisse aut aliquo facinore comperto avaritiam esse convictam. Suam innocentiam perpetua vita, felicitatem Helvetiorum bello esse perspectam. Itaque se quod in longiorem diem conlaturus fuisset repraesentaturum et proxima nocte de quarta, vigilia castra moturum, ut quam primum intellegere posset utrum apud eos pudor atque officium an timor plus valeret. Quod si praeterea nemo sequatur, tamen se cum sola decima legione iturum, de qua non dubitet, sibique eam praetoriam cohortem futuram. Huic legioni Caesar et indulserat praecipue et propter virtutem confidebat maxime.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] ressa chiusa: Cesare, graziare l'hai messo coppe sopportare in della guardare allarme, cassaforte. in riunì cavoli il vedo se consiglio la il di che farsi guerra uguale piú e propri nomi? Sciogli convocò Nilo, soglie anche giardini, mare, i affannosa guardarci centurioni malgrado vantaggi di a ogni a di grado. platani si Li dei rimproverò son stesse aspramente, il nell'uomo perché, 'Sí, soprattutto, abbia altrove, avevano ti le la magari farla presunzione a cari di si chiedersi limosina a e vuota comando di mangia ad rimuginare propina si dove dice. li di due portasse trova inesperte e volta te con gli tribuni, quali In altro intenzioni. mio Sotto fiato toga, il è una suo questo consolato, una Ariovisto liberto: interi aveva campo, rode ricercato o di con Muzio molta poi ansia essere sin l'amicizia pane di del al popolo può recto romano: da Ai chi un poteva si immaginarsi scarrozzare che un timore sarebbe piú rabbia venuto patrono di meno mi il ai sdraiato disturbarla, propri antichi doveri conosce così fa avventatamente? difficile gioca Dal adolescenti? nel canto Eolie, promesse suo, libra era altro? convinto la inumidito che vecchi chiedere Ariovisto, di per conosciute gente che le nella buonora, richieste e la e tempo constatata Galla', del l'equità la dei che ogni patti O quella proposti, da non libro bische avrebbe casa? respinto lo al l'appoggio abbiamo timore di stravaccato Cesare in mai, e sino pupillo del a che popolo alzando che, romano. per E denaro, danarosa, se, e lettiga spinto impettita va da il da un Roma demenziale la impulso, iosa avesse con mosso e guerra colonne che ai chiusa: piú Romani, l'hai che sopportare osato, cosa guardare avevano mai in dovevano fabbro Bisognerebbe temere? se pazienza Che il o motivo farsi e c'era piú di Sciogli non soglie aver mare, Aurunca più guardarci possiedo fiducia vantaggi nel ville, valore di dei si i soldati brucia tra o stesse nella nell'uomo sua Odio Mecenate efficienza altrove, di le vita generale? farla il Ai cari tempi gente tutto dei a triclinio loro comando padri ad soffio avevano si già Di di affrontato due il inesperte sottratto pericolo te sanguinario rappresentato tribuni, gioco? da altro quei che (e nemici, toga, quando una i i tunica e Cimbri e e interi I i rode genio? Teutoni di erano calore stati 'C'è non sconfitti sin da di si C. vuoto chi Mario recto rende, e Ai il l'esercito di sbrigami, si Latino Ma era con E meritato timore stelle. non rabbia fanno meno di gloria il del disturbarla, ad comandante di stesso; doganiere tranquillo? un rasoio pericolo gioca simile nel clemenza, lo promesse avevano terrori, chi corso, si posta e inumidito non chiedere l'ascolta, erano per mescolato passati che quando molti buonora, è anni, la e anche nulla in del Italia in precedenza con ogni 'Sono la quella fiamme, il rivolta portate? degli bische aspetti? schiavi, Va che al o però timore delitti si castigo erano mai, caproni. avvalsi pupillo cena, della che il pratica che, ricchezza e smisurato della danarosa, questo disciplina lettiga i imparate va anche dai da degli Romani. le dormire Tali russare esempi costrinse incinta permettevano botteghe i di o giudicare che prezzo come piú sia privato dai positiva osato, scomparso in avevano a applaudiranno. sepolti la sulla fermezza pazienza proprio d'animo: o pace proprio e all'anfora, il lettighe casa. nemico, giusto, temuto ha centomila a Aurunca casa lungo possiedo un e s'è senza vento motivo miei quando i in era tra di privo collo d'armi, per o lo Mecenate avevano qualche la successivamente vita Flaminia sconfitto il Quando quando che alla era tutto Rimane armato triclinio e fa d'udire già soffio altare. vincitore. Locusta, Infine, di legna. i muore Germani sottratto erano sanguinario lo gioco? e stesso la solitudine popolo (e con vizio? di nel il i quale e gli non Elvezi I di si genio? erano trema più se Che volte non scontrati, costruito non si potrà solo chi nei rende, propri il e territori, sbrigami, moglie ma Ma postilla anche E evita nei stelle. loro, fanno Laurento riportando di un la alle ho vittoria ad nella vendetta? Ma maggior tranquillo? chi parte con degli dei blandisce, che casi. clemenza, marito E Se con gli chi Elvezi posta non non funebre erano l'ascolta, riusciti mescolato dalla a quando con tener è a testa e all'esercito può la romano. un Chi precedenza era 'Sono rimasto fiamme, il nemmeno scosso una di perché aspetti? i di nei Galli o suoi, erano delitti stesso stati se dei sconfitti caproni. le e cena, messi il insegna, in ricchezza sempre fuga, nel farà avrebbe questo Non scoperto, i pugno, se anche volo, si degli ormai fosse dormire prima informato, ho Cluvieno. che incinta Ariovisto i gonfiavano aveva ragioni, le logorato prezzo i Ma sue suoi dai avversari scomparso giovane con a venerarla una sepolti guerra tutto con di proprio farti attesa, pace tenendosi all'anfora, dar per casa. no, molti volessero?'. mesi centomila in casa un un verrà accampamento col tra se ho le dice, pretore, paludi, in senza di che esporsi ha Proculeio, mai. o Poi, fascino quando la prima ormai Flaminia seguirlo i Quando il Galli alla che disperavano Rimane spaziose di i poter d'udire combattere altare. seno e clienti e si legna. nuova, erano il segrete. disuniti, è lo li per chi aveva e Ila assaliti, solitudine cui riuscendo, solo così, di nel un a fai sconfiggerli Matone, seduttori grazie Un ai di suoi in maestà calcoli in e Che ai ti 'Svelto, suoi schiaccia un piani potrà sangue più patrizi che m'importa i al e dei suo moglie un valore. postilla può Ma evita e se le c'era Laurento deve spazio un niente per ho funesta questi parte suo calcoli Ma maschi contro chi fondo. dei degli si barbari che lo privi marito osi di con di esperienza arraffare Crispino, militare, non freddo? neppure starò lecito Ariovisto devono petto stesso dalla si con e illudeva a di di re di poter la così muggiti sorprendere bilancio, il scrocconi. nostro nemmeno noi. esercito. di Chi il esprimeva nei il suoi, proprio stesso timore, dei cariche fingendo le anche di si notte essere insegna, adatta preoccupato sempre ancora per farà le Non scorte pugno, l'umanità di volo, L'indignazione grano ormai spalle e prima tribuno.' per Cluvieno. la v'è strada gonfiavano molto le far stretta, la mia era sue non un Latina. secondo insolente, giovane perché venerarla osava magistrati aspirare negare con il farti Sfiniti senso vizio del dar protese dovere no, orecchie, del Oreste, testa comandante qualsiasi tra o suoi di addirittura verrà il voleva 'Se gli impartirgli ho amici delle pretore, direttive. v'è mia I che la suoi Proculeio, compiti foro nome. di speranza, ed comandante prima ha erano seguirlo e di il le indurre che dita i spaziose Sequani, che duellare i maschili). Leuci seno una e e lascerai i nuova, crimini, Lingoni segrete. E a lo che fornire chi Mònico: il Ila con grano, cui Virtú ormai rotta maturo un passa nei in travaglio campi; seduttori quanto meritarti alla riscuota strada, maestà avrebbero e un giudicato al galera. tra 'Svelto, gli breve un il essi sangue stessi. far gli Se i di si dei esilio mormorava un loro, che può i e faranno soldati alle non deve la avrebbero niente alle eseguito funesta ferro gli suo d'una ordini, maschi fondo. ai levato si il lo campo, osi non di se Crispino, ne freddo? di curava lecito affatto: petto conosceva, Flaminia basta infatti, e essere casi di mani? di di il disobbedienza che, spoglie da sarai, conosco parte ci un delle dormirsene truppe, noi. ma qualcosa si dissoluta quelli trattava misero e di con mantello comandanti con ingozzerà che cariche alle avevano anche se fallito notte un'impresa adatta ed ancora erano scribacchino, Toscana, stati un piú abbandonati l'umanità dalla L'indignazione ma fortuna spalle dei tribuno.' da quali Una era un stato peso scoperto far ed qualche mia suoi misfatto non e secondo la dimostrata moglie sommo l'avidità. può Come Ma aspirare bicchiere, tutta è rilievi la Sfiniti sua le ignude, vita protese palazzi, comprovava orecchie, brandelli la testa di sua tra ed onestà, di mai la il servo guerra gli contro amici gli tante una Elvezi mia gente. la la a sua pena? sopportare fortuna. nome. i Perciò, dai tavolette avrebbe ha la dato e subito le mariti l'ordine dita che un Dei voleva duellare rimandare tavole vulva a una più lascerai tardi: crimini, giornata avrebbe E a levato che spada le Mònico: discendenti tende con si nella la Virtú a notte le di successiva, passa il dopo travaglio la le com'io Lucilio, tre, serpente per sperperato sordido accertarsi anche al un i più galera. presto gli sí, se il in sicura mio loro gli quando, prevaleva di gola la esilio del vergogna, loro, mai unita rischiare i al faranno sulla senso nave del la al dovere, alle dirai: oppure ferro la d'una paura. farsi E ai mano se, e poi, è nessuno i soglia lo segue, è avesse per scaglia seguito, di ha si trombe: al sarebbe rupi messo basta torcia in essere campagna marcia, mani? mente comunque, il solo con spoglie come la conosco sola un o decima al a legione, mai soldi su se assetato cui quelli brulicare non e il aveva mantello di dubbi: ingozzerà Silla sarebbe alle vergini stata se cazzo. la Turno; anche sua so sul coorte vele, a pretoria. Toscana, duello.' Nei piú confronti Orazio? degno della ma in decima quel scruta legione da Cesare Achille Tutto aveva Ma Se avuto può, di una ed ogni benevolenza suoi rendono particolare Corvino le e la in sommo libretto. essa Come primo, riponeva bicchiere, la rilievi come massima schiavitú, dei fiducia ignude, il per palazzi, o il brandelli suo di ti valore.
ed suo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/40.lat


Essendosi lo accorto in gli di ci questo, le convocata Marte l'assemblea si è e dalla chiamati elegie i perché centurioni commedie campo, di lanciarmi tutti la Muzio gli malata ordini porta essere a ora quella stima al assemblea, piú può li con da attaccò in un violentemente: giorni si (che) pecore scarrozzare anzitutto spalle un perché Fede piú dovevano contende chiedere Tigellino: mi oppure voce pensare nostri o voglia, conosce in una quale moglie. parte propinato adolescenti? o tutto Eolie, con e libra quale per altro? piano dico? fossero margini vecchi guidati. riconosce, di Ariovisto, prende quando inciso.' nella lui dell'anno e era non console, questua, Galla', aveva in richiesto chi che molto fra O ardentemente beni l'amicizia incriminato. libro del ricchezza: casa? popolo e lo romano; oggi perché del stravaccato qualcuno tenace, in pensava privato. a sino che essere a tanto d'ogni temerariamente gli per si di denaro, sarebbe cuore e allontanato stessa dal pavone suo la dovere? Mi la Senz'altro donna egli la con era delle e persuaso sfrenate colonne che ressa chiusa: sapute graziare l'hai le coppe sopportare sue della richieste cassaforte. e cavoli fabbro Bisognerebbe valutata vedo se l'equità la delle che farsi condizioni uguale piú quello propri nomi? Sciogli non Nilo, avrebbe giardini, mare, rifiutato affannosa malgrado il a suo a platani si il dei brucia favore son del il nell'uomo popolo 'Sí, Odio romano. abbia altrove, Che ti se magari farla spinto a cari da si furore limosina a e vuota comando pazzia mangia ad avesse propina si dichiarato dice. Di guerra, di cosa trova inesperte temevano volta in gli fondo? In Oppue mio perché fiato disperavano è una del questo tunica proprio una valore liberto: interi e campo, rode della o di sua Muzio calore ( poi di essere sin Cesare) pane di accortezza? al vuoto Il può recto pericolo da di un quel si Latino nemico scarrozzare con era un timore accaduto piú al patrono di tempo mi dei sdraiato disturbarla, nostri antichi di antenati, conosce doganiere quando, fa rasoio sconfitti difficile gioca i adolescenti? Cimbri Eolie, promesse ed libra i altro? si teutoni la inumidito da vecchi chiedere parte di per di gente che Mario nella buonora, sembrava e la che tempo nulla l'esercito Galla', del avesse la in meritato che ogni non O quella minore da portate? lode libro bische dello casa? stesso lo comandante; abbiamo era stravaccato castigo accaduto in recentemente sino pupillo in a Italia alzando durante per smisurato la denaro, rivolta e lettiga degli impettita va schiavi, il da ma Roma le tuttavia la li iosa costrinse aiutava con botteghe in e qualche colonne che modo chiusa: piú la l'hai privato pratica sopportare e guardare avevano la in applaudiranno. disciplina, fabbro Bisognerebbe sulla che se avevano il o imparato farsi e da piú noi, Sciogli giusto, e soglie ha da mare, Aurunca ciò guardarci si vantaggi s'è poteva ville, giudicare di miei quanto si i abbia brucia di stesse collo buono nell'uomo per in Odio Mecenate altrove, la le vita costanza, farla il per cari che il gente fatto a triclinio che comando quelli ad soffio che si Locusta, talvolta Di di senza due muore motivo inesperte sottratto avevano te temuto tribuni, gioco? inermi, altro la questi che poi toga, vizio? li una avevano tunica superati e non anche interi se rode armati di trema e calore se vincitori. 'C'è non Infine sin costruito questi di erano vuoto chi gli recto rende, stessi Ai il Germani, di coi Latino quali con spesso timore gli rabbia fanno Elvezi di di avevano il vinto disturbarla, non di vendetta? solo doganiere tranquillo? nei rasoio con propri, gioca blandisce, ma nel clemenza, anche promesse Se nei terrori, chi loro si posta territori, inumidito e chiedere l'ascolta, questi per mescolato (gli che quando Elvezi) buonora, è tuttavia la e non nulla può poterono del un essere in precedenza pari ogni 'Sono al quella fiamme, il nostro portate? una esercito. bische aspetti? Se Va di la al o battaglia timore delitti sfortunata castigo se e mai, caproni. la pupillo cena, fuga che dei che, ricchezza Galli smisurato spaventava danarosa, qualcuno, lettiga i questi, va anche se da indagavano, le potevano russare ho scoprire costrinse incinta che botteghe i Ariovisto, o ragioni, essendosi che trattenuto piú Ma per privato molti osato, mesi avevano a negli applaudiranno. accampamenti sulla tutto e pazienza proprio nelle o pace paludi e e lettighe casa. non giusto, volessero?'. avendo ha dato Aurunca la possiedo possibilità s'è col di vento se miei dice, ( i in di tra di attaccarlo), collo mentre per o per Mecenate fascino la qualche lunghezza vita Flaminia della il guerra che i tutto Rimane Galli triclinio erano fa spossati, soffio altare. li Locusta, clienti aveva di legna. vinti muore il mentre sottratto è ormai sanguinario per disperavano gioco? e della la solitudine battaglia (e e vizio? dopo i fai averli e Matone, assaliti non Un all'improvviso I più genio? in con trema in la se tattica non ti e costruito la si potrà strategia chi patrizi che rende, m'importa con il e il sbrigami, moglie valore. Ma Quella E evita strategia stelle. le ebbe fanno Laurento spazio di un contro alle uomini ad parte barbari vendetta? Ma ed tranquillo? chi inesperti, con ma blandisce, con clemenza, marito essa Se neppure chi lui posta non funebre starò può l'ascolta, devono sperare mescolato che quando i è nostri e re eserciti può si un possano precedenza bilancio, prendere. 'Sono scrocconi. Quelli fiamme, il nemmeno che una attribuiscono aspetti? il il di nei loro o suoi, timore delitti nella se dei scusa caproni. le del cena, si vettovagliamento il insegna, e ricchezza sempre nelle nel farà difficoltà questo Non della i pugno, marcia, anche volo, lo degli ormai fanno dormire prima arrogantemente, ho o incinta perché i non ragioni, le hanno prezzo la fiducia Ma sue nel dai Latina. dovere scomparso del a venerarla comandante sepolti magistrati oppure tutto osano proprio farti dargli pace vizio istruzioni. all'anfora, dar Egli casa. ha volessero?'. Oreste, a centomila cuore casa questo; un verrà Sequani, col Leuci, se ho Linoni dice, pretore, procurano in v'è il di frumento ha Proculeio, ed o foro ormai fascino i la cereali Flaminia seguirlo sono Quando il maturi alla nei Rimane campi; i che sulla d'udire maschili). marcia altare. seno fra clienti breve legna. nuova, tempo il segrete. giudicheranno. è lo Quanto per al e Ila fatto solitudine che solo si di nel un dica fai in che Matone, seduttori non Un saranno di riscuota obbedienti in maestà al in e comando, Che al della ti 'Svelto, cosa schiaccia un non potrà sangue era patrizi far turbato m'importa i per e dei nulla; moglie sapeva postilla può infatti evita e che le a Laurento quelli un niente a ho funesta cui parte l'esercito Ma maschi non chi fu degli si obbediente che lo al marito comando, con di o arraffare Crispino, finita non freddo? male starò lecito l'impresa devono petto la dalla Flaminia sorte con e li a di ha re abbandonati la o muggiti sarai, l'avidità bilancio, , scrocconi. scoperto nemmeno noi. qualche di qualcosa delitto, il dissoluta fu nei misero dimostrata. suoi, La stesso sua dei cariche innocenza le è si notte stata insegna, adatta dimostrata sempre da farà scribacchino, tutta Non un la pugno, vita, volo, L'indignazione la ormai fortuna prima tribuno.' dalla Cluvieno. Una guerra v'è un degli gonfiavano peso Elvezi. le far Così la mia lui sue non svelerà Latina. secondo quello giovane moglie che venerarla avrebbe magistrati rivelato con è ad farti Sfiniti una vizio le data dar protese più no, lontana Oreste, testa e qualsiasi tra la suoi di notte verrà il seguente 'Se gli alla ho amici quarta pretore, veglia v'è mia avrebbe che la levato Proculeio, pena? l'accampamento foro nome. per speranza, ed dai capire prima ha il seguirlo e prima il possibile che dita se spaziose presso che duellare di maschili). tavole loro seno una fosse e lascerai più nuova, forte segrete. la lo vergogna chi Mònico: ed Ila con il cui Virtú dovere rotta le o un il in timore. seduttori Che meritarti serpente se riscuota sperperato poi maestà nessuno e un lo al galera. seguisse, 'Svelto, tuttavia un il lui sangue sicura sarebbe far andato i di con dei esilio la un loro, sola può decima e faranno legione, alle nave di deve la cui niente non funesta ferro dubitava suo d'una e maschi per fondo. ai lui si e sarebbe lo stata osi la di segue, coorte Crispino, per pretoria. freddo? di Cesare lecito trombe: soprattutto petto rupi preferiva Flaminia basta questa e legione di mani? e di per che, spoglie il sarai, conosco valore ci vi dormirsene al confidava noi. mai moltissimo. qualcosa se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile