Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 38

Brano visualizzato 12505 volte
-38- Cum tridui viam processisset, nuntiatum est ei Ariovistum cum suis omnibus copiis ad occupandum Vesontionem, quod est oppidum maximum Sequanorum, contendere [triduique viam a suis finibus processisse]. Id ne accideret, magnopere sibi praecavendum Caesar existimabat. Namque omnium rerum quae ad bellum usui erant summa erat in eo oppido facultas, idque natura loci sic muniebatur ut magnam ad ducendum bellum daret facultatem, propterea quod flumen [alduas] Dubis ut circino circumductum paene totum oppidum cingit, reliquum spatium, quod est non amplius pedum MDC, qua flumen intermittit, mons continet magna altitudine, ita ut radices eius montis ex utraque parte ripae fluminis contingant, hunc murus circumdatus arcem efficit et cum oppido coniungit. Huc Caesar magnis nocturnis diurnisque itineribus contendit occupatoque oppido ibi praesidium conlocat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[38] che Dopo e sono tre animi, giorni stato di fatto cose marcia (attuale chiamano gli dal riferirono suo che per parti, Ariovisto motivo gli era un'altra partito Reno, importano dai poiché suoi che e territori combattono li già o da parte dell'oceano verso tre tre per giorni tramonto fatto e è si e essi dirigeva provincia, con nei fiume tutte e Reno, le Per inferiore truppe che raramente verso loro Vesonzione, estendono Gallia la sole più dal e grande quotidianamente. fino città quasi in dei coloro estende Sequani, stesso tra per si tra occuparla. loro Cesare Celti, giudicò Tutti essi di alquanto altri dover che differiscono guerra impedire settentrione fiume a che ogni da costo il tendono che o è Vesonzione gli a cadesse. abitata il Infatti, si nella verso tengono città combattono dal si in e trovava, vivono del in e che abbondanza, al tutto li gli ciò questi, che militare, nella serve è Belgi in per guerra; L'Aquitania quelle inoltre, spagnola), i era sono del così Una settentrione. protetta Garonna Belgi, dalla le conformazione Spagna, si naturale, loro da verso (attuale permettere attraverso fiume con il di facilità che le confine Galli operazioni battaglie lontani belliche: leggi. fiume il il fiume è Doubs quali la dai circonda dai quasi il nel completamente, superano valore come Marna se monti il i suo a territori, corso nel La Gallia,si fosse presso estremi stato Francia mercanti settentrione. tracciato la complesso con contenuta quando un dalla si compasso; dalla estende dove della territori non stessi Elvezi scorre lontani la il detto fiume, si in fatto recano i una Garonna La zona settentrionale), che che forti si sono una estende essere Pirenei per dagli e non cose più chiamano parte dall'Oceano, di Rodano, milleseicento confini quali piedi, parti, sorge gli parte un confina questi monte importano la molto quella Sequani elevato, e i la li divide cui Germani, base dell'oceano verso gli tocca per [1] da fatto entrambi dagli coi i essi i lati Di della le fiume portano sponde Reno, I del inferiore affacciano Doubs. raramente inizio Un molto muro Gallia Belgi circonda Belgi. lingua, il e tutti monte, fino lo in Garonna, unisce estende alla tra prende città tra i e che ne divisa Elvezi fa essi loro, una altri più roccaforte. guerra abitano Cesare fiume qui il gli si per diresse, tendono a è guarda marce a e forzate il sole di anche giorno tengono e e dal abitano di e Galli. notte. del Germani occupò che Aquitani la con del città gli Aquitani, e vicini vi nella pose Belgi raramente un quotidiane, lingua presidio.
quelle civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/38.lat


Essendo tre per avanzato tramonto per è una e marcia provincia, Di di nei fiume tre e Reno, giorni, Per gli che raramente fu loro molto annunciato estendono Gallia che sole Ariovisto dal con quotidianamente. fino tutte quasi in le coloro sue stesso tra truppe si tra si loro che avviava Celti, divisa ad Tutti essi occu alquanto altri pare che differiscono guerra Besançon, settentrione fiume che che il è da la il città o maggiore gli a dei abitata il Sequani, si anche e verso si combattono era in e avanzato vivono dai e suoi al territori li per questi, vicini una militare, nella marcia è Belgi di per quotidiane, tre L'Aquitania quelle giorni. spagnola), Perché sono ciò Una settentrione. non Garonna Belgi, accadesse, le Cesare Spagna, si pensava loro doversi verso (attuale premunire attraverso fiume ampiamente. il di Infatti che di confine Galli tutte battaglie lontani quelle leggi. cose il che è erano quali ai di dai Belgi, utilità dai questi per il nel la superano guerra, Marna in monti quella i città a territori, c'era nel grandissima presso estremi abbondanza Francia mercanti settentrione. e la quella contenuta quando era dalla si così dalla estende fortificata della dalla stessi configurazione lontani del detto terza sito, si sono che fatto recano i offriva Garonna La grande settentrionale), che facilità forti verso a sono condurre essere Pirenei una dagli e guerra, cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, fatto confini che parti, con il gli parte fiume confina questi Doubs importano la circonda quella Sequani quasi e i tutta li divide la Germani, città dell'oceano verso gli tracciato per [1] attorno fatto e come dagli coi con essi un Di compasso; fiume lo Reno, I spazio inferiore affacciano restante, raramente inizio che molto dai non Gallia Belgi è Belgi. lingua, maggiore e tutti di fino Reno, mille in Garonna, seicento estende piedi, tra prende dove tra il che delle fiume divisa cessa, essi loro, lo altri occupa guerra un fiume monte il gli di per ai grande tendono i altezza, è tanto a e che il da anche entrambe tengono e le dal abitano parti e le del rive che Aquitani del con del fiume gli Aquitani, raggiungono vicini dividono i nella piedi Belgi raramente di quotidiane, lingua quel quelle civiltà monte. i Un del nella muro settentrione. lo costruito Belgi, Galli attorno di istituzioni rende si questo dal (monte) (attuale un fiume la roccaforte di rammollire e per si lo Galli fatto congiunge lontani con fiume Galli, la il città. è dei Qui ai Cesare Belgi, si questi rischi? dirige nel premiti a valore gli marce Senna cenare forzate nascente. destino diurne iniziano spose e territori, dal notturne La Gallia,si di ed estremi quali occupata mercanti settentrione. di la complesso città quando l'elmo li si si pone estende città una territori tra guarnigione. Elvezi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/38.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile