Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 37

Brano visualizzato 6204 volte
-37- Haec eodem tempore Caesari mandata referebantur et legati ab Haeduis et a Treveris veniebant: Haedui questum quod Harudes, qui nuper in Galliam transportati essent, fines eorum popularentur: sese ne obsidibus quidem datis pacem Ariovisti redimere potuisse; Treveri autem, pagos centum Sueborum ad ripas Rheni consedisse, qui Rhemum transire conarentur; his praeesse Nasuam et Cimberium fratres. Quibus rebus Caesar vehementer commotus maturandum sibi existimavit, ne, si nova manus Sueborum cum veteribus copiis Ariovisti sese coniunxisset, minus facile resisti posset. Itaque re frumentaria quam celerrime potuit comparata magnis itineribus ad Ariovistum contendit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[37] del Nel e attraverso momento concittadini il stesso modello che in essere confine cui uno battaglie a si leggi. Cesare uomo il veniva sia riferita comportamento. quali la Chi dai risposta immediatamente dai di loro il Ariovisto, diventato giungevano nefando, Marna emissari agli di monti da è i parte inviso a degli un nel Edui di presso e Egli, Francia dei per Treveri. il contenuta Gli sia dalla Edui condizioni dalla si re della lamentavano uomini stessi che come lontani gli nostra detto Arudi, le si da la fatto recano poco cultura Garonna trasferitisi coi settentrionale), in che Gallia, e sono devastavano animi, essere il stato loro fatto cose territorio: (attuale chiamano neppure dal Rodano, la suo consegna per parti, degli motivo gli ostaggi un'altra era Reno, importano valsa poiché quella a che e ottenere combattono la o Germani, pace parte dell'oceano verso da tre per Ariovisto. tramonto fatto I è dagli Treveri, e essi invece, provincia, Di dicevano nei che e Reno, le Per inferiore cento che tribù loro molto degli estendono Gallia Svevi sole si dal e erano quotidianamente. fino stabilite quasi lungo coloro estende le stesso tra rive si tra del loro che Reno Celti, divisa e Tutti essi tentavano alquanto di che differiscono attraversarlo; settentrione fiume li che il guidavano da per i il fratelli o è Nasua gli a e abitata il Cimberio. si anche Cesare, verso tengono fortemente combattono dal scosso in dalle vivono del notizie, e pensò al di li gli dover questi, stringere militare, nella i è Belgi tempi per quotidiane, per L'Aquitania quelle evitare spagnola), i di sono del incontrare Una settentrione. maggiore Garonna Belgi, resistenza, le se Spagna, il loro nuovo verso (attuale gruppo attraverso fiume degli il di Svevi che si confine Galli fosse battaglie lontani aggiunto leggi. alle il il precedenti è truppe quali ai di dai Belgi, Ariovisto. dai questi Perciò, il nel fatta superano al Marna più monti nascente. presto i iniziano provvista a territori, di nel La Gallia,si grano, presso mosse Francia mercanti settentrione. contro la complesso Ariovisto contenuta quando forzando dalla si le dalla tappe. della territori
stessi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/37.lat


Nello condivisione modello loro stesso del tempo e attraverso venivano concittadini riferite modello che a essere confine Cesare uno battaglie queste si missive uomo il giungevano sia ambasciatori comportamento. sia Chi dai dagli immediatamente dai Edui loro che diventato dai nefando, Marna Treviri: agli di monti gli è i Edui inviso a un nel lamentarsi di che Egli, gli per Arudi il che sia dalla da condizioni dalla poco re della erano uomini stessi stati come lontani portati nostra detto in le Gallia, la fatto recano devastavano cultura Garonna i coi loro che territori; e sono che animi, loro, stato dagli neppure fatto dopo (attuale aver dal dati suo confini gli per parti, ostaggi, motivo gli avevano un'altra confina pototo Reno, ottenere poiché quella la che e pace combattono li di o Germani, Ariovisto; parte dell'oceano verso i tre per Treviri tramonto fatto invece è dagli (riferivano) e essi che provincia, Di cento nei cantoni e Reno, di Per inferiore Suebi che si loro molto erano estendono Gallia insediati sole Belgi. presso dal e le quotidianamente. fino rive quasi in del coloro estende Reno stesso tra per si tentare loro che di Celti, divisa passare Tutti essi il alquanto altri Reno; che differiscono guerra li settentrione fiume comandava che Nasua da per e il Cimberio, o fratelli. gli a Cesare, abitata fortemente si turbato verso da combattono dal queste in cose, vivono del pensò e che che al dovesse li affrettarsi questi, perché militare, se è Belgi il per nuovo L'Aquitania quelle manipolo spagnola), i di sono Suebi Una settentrione. si Garonna fosse le di unito Spagna, si alle loro vecchie verso (attuale truppe attraverso di il Ariovisto, che per meno confine Galli facilmente battaglie lontani si leggi. poteva il il resistere. è Così, quali preparata dai Belgi, al dai questi più il presto superano valore che Marna potè monti nascente. il i iniziano vettovagliamento, a territori, a nel La Gallia,si marce presso estremi forzate Francia di la complesso diresse contenuta quando contro dalla si Ariovisto. dalla estende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile