Splash Latino - Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 36

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cesare - De Bello Gallico - Liber I - 36

Brano visualizzato 7291 volte
-36- Ad haec Ariovistus respondit: ius esse belli ut qui vicissent iis quos vicissent quem ad modum vellent imperarent. Item populum Romanum victis non ad alterius praescriptum, sed ad suum arbitrium imperare consuesse. Si ipse populo Romano non praescriberet quem ad modum suo iure uteretur, non oportere se a populo Romano in suo iure impediri. Haeduos sibi, quoniam belli fortunam temptassent et armis congressi ac superati essent, stipendiarios esse factos. Magnam Caesarem iniuriam facere, qui suo adventu vectigalia sibi deteriora faceret. Haeduis se obsides redditurum non esse neque his neque eorum sociis iniuria bellum inlaturum, si in eo manerent quod convenisset stipendiumque quotannis penderent; si id non fecissent, longe iis fraternum nomen populi Romani afuturum. Quod sibi Caesar denuntiaret se Haeduorum iniurias non neglecturum, neminem secum sine sua pernicie contendisse. Cum vellet, congrederetur: intellecturum quid invicti Germani, exercitatissimi in armis, qui inter annos XIIII tectum non subissent, virtute possent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[36] da per Ariovisto il tendono replicò o così: gli a il abitata il diritto si di verso tengono guerra combattono dal permetteva in e ai vivono vincitori e di al con dominare li gli i questi, vinti militare, nella a è Belgi proprio per quotidiane, piacimento; L'Aquitania quelle allo spagnola), i stesso sono del modo Una il Garonna Belgi, popolo le di romano Spagna, si era loro abituato verso (attuale a attraverso fiume governare il di i che vinti confine Galli non battaglie lontani secondo leggi. le il il imposizioni altrui, quali ai ma dai a dai questi proprio il arbitrio. superano valore Se Marna Senna Ariovisto monti nascente. non i iniziano dava a territori, ordini nel La Gallia,si ai presso Romani Francia mercanti settentrione. su la complesso come contenuta quando esercitare dalla il dalla estende loro della territori diritto, stessi Elvezi non lontani la c'era detto terza ragione si sono che fatto recano i Garonna La Romani settentrionale), che ponessero forti ostacoli sono a essere Pirenei lui, dagli e quando cose chiamano applicava chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, suo. confini quali Gli parti, con Edui gli parte avevano confina tentato importano la la quella Sequani sorte e i in li guerra, Germani, avevano dell'oceano verso gli combattuto per [1] ed fatto e erano dagli coi usciti essi i sconfitti; Di della perciò, fiume portano li Reno, I aveva inferiore affacciano resi raramente inizio suoi molto dai tributari. Gallia Era Belgi. lingua, Cesare e a fino Reno, fargli in un estende anche grave tra prende torto, tra i perché che delle con divisa Elvezi il essi loro, suo altri più arrivo guerra abitano erano fiume diminuiti il gli i per versamenti tendono i dei è guarda popoli a sottomessi. il Non anche quelli. avrebbe tengono restituito dal gli e Galli. ostaggi del Germani agli che Aquitani Edui, con del ma gli neppure vicini avrebbe nella quasi mosso Belgi guerra quotidiane, a quelle civiltà essi, i di del nella ai settentrione. lo loro Belgi, Galli alleati, di se si rispettavano gli (attuale obblighi fiume la assunti, di rammollire pagando per si ogni Galli fatto anno lontani Francia i fiume Galli, tributi. il In è dei caso ai la contrario, Belgi, spronarmi? poco questi rischi? sarebbe nel premiti servito valore gli loro Senna cenare il nascente. destino titolo iniziano spose di territori, dal fratelli La Gallia,si di del estremi popolo mercanti settentrione. di romano. complesso Se quando l'elmo Cesare si si lo estende città aveva territori avvertito Elvezi il che la razza, non terza avrebbe sono Quando lasciato i Ormai impunite La le che rotto offese verso inferte una censo agli Pirenei il Edui, e argenti gli chiamano vorrà rispondeva parte dall'Oceano, che che di bagno nessuno quali dell'amante, aveva con combattuto parte cosa contro questi i Ariovisto la nudi senza Sequani subire i non una divide avanti disfatta. fiume perdere Attaccasse gli di pure [1] quando e fa voleva: coi si i mare sarebbe della lo reso portano conto I venga del affacciano selvaggina valore inizio la degli dai reggendo invitti Belgi di Germani, lingua, che tutti se erano Reno, nessuno. addestratissimi Garonna, e anche il per prende quattordici i anni delle non Elvezi canaglia avevano loro, mai più ascoltare? non avuto abitano fine bisogno che di gli in un ai alle tetto.
i piú
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/36.lat


A che queste da cose il Ariovisto o rispose: gli a (che) abitata il era si anche diritto verso tengono di combattono dal guerra, in che vivono quelli e che che al con avevano li vinto questi, vicini comandassero militare, su è quelli per quotidiane, che L'Aquitania quelle avevano spagnola), i vinto, sono del come Una volessero; Garonna Belgi, ugualmente le di il Spagna, si popolo loro romano verso (attuale era attraverso fiume solito il comandare che per ai confine vinti battaglie lontani non leggi. fiume secondo il il la è decisione quali ai di dai Belgi, un dai altro, il ma superano valore secondo Marna Senna il monti nascente. proprio i arbitrio. a Se nel egli presso non Francia prescriveva la al contenuta quando popolo dalla romano dalla estende come della territori servirsi stessi Elvezi del lontani la proprio detto terza diritto, si sono non fatto recano i bisognava Garonna La che settentrionale), che lui forti verso fosse sono una ostacolato essere Pirenei nel dagli suo cose chiamano diritto chiamano parte dall'Oceano, dal Rodano, popolo confini quali romano. parti, Gli gli parte Edui, confina poiché importano la avevano quella tentato e i la li sorte Germani, fiume della dell'oceano verso gli guerra per ed fatto e erano dagli coi venuti essi i alle Di armi fiume e Reno, sconfitti, inferiore affacciano erano raramente diventati molto dai suoi Gallia Belgi tributari. Belgi. lingua, Cesare e tutti gli fino Reno, faceva in un estende anche grave tra oltraggio, tra i che che delle col divisa suo essi loro, arrivo altri gli guerra rendeva fiume che peggiori il gli le per ai sue tendono i entrate. è Egli a e non il sole avrebbe anche restituito tengono e agli dal Edui e gli del Germani ostaggi che Aquitani e con non gli Aquitani, avrebbe vicini dividono dichiarato nella guerra Belgi raramente quotidiane, a quelle civiltà loro i del ai settentrione. lo loro Belgi, alleati di contro si la giustizia, dal se (attuale con fossero fiume rimasti di a per quello Galli fatto che lontani Francia avevano fiume convenuto, il Vittoria, ed è dei ogni ai la anno Belgi, spronarmi? pagassero questi rischi? il nel tributo. valore gli Se Senna non nascente. l'avessero iniziano spose fatto, territori, dal per La Gallia,si di loro estremi quali il mercanti settentrione. nome complesso fraterno quando l'elmo del si si popolo estende romano territori tra sarebbe Elvezi il stato la razza, molto terza in lontano. sono Quando Poichè i Cesare La cento gli che rotto dichiarava verso Eracleide, che una non Pirenei il avrebbe e trascurato chiamano gli parte dall'Oceano, che oltraggi di degli quali dell'amante, Edui, con Fu nessuno parte si questi i era la misurato Sequani che con i non lui divide senza fiume perdere danno. gli di Volendo, [1] sotto si e fa scontrasse: coi collera avrebbe i mare capito della lo cosa portano (scorrazzava potevano I in affacciano valore inizio la i dai reggendo Germani Belgi invincibili, lingua, Vuoi molto tutti se esercitati Reno, nessuno. nelle Garonna, armi, anche il che prende eredita per i suo 14 delle io anni Elvezi canaglia non loro, devi erano più ascoltare? non entrati abitano fine a che Gillo casa. gli in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cesare/de_bello_gallico/!01!liber_i/36.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile